Come nel 2021, la Marina russa riceverà 3 nuovi sottomarini nucleari nel 2022

Per più di due decenni, la Marina russa è stata la parente povera delle forze armate del paese, non essendo in grado nemmeno di finanziare il mantenimento in condizioni operative della sua flotta ereditata dall'Unione Sovietica.

Dal 2012, però, gli orientamenti politici sono cambiati con il ritorno di Vladimir Putin al Cremlino e l’arrivo di Sergei Shoigu al Ministero della Difesa, e un vasto piano di finanziamento e di ammodernamento delle risorse, ma anche l'infrastruttura navale russa.

Questo piano sta dando i suoi frutti oggi, poiché nonostante un’economia vacillante e un PIL nominale appena superiore a quello della Spagna, la Marina russa sarà quella che, nel 2022, come nel 2021, avrà ricevuto il maggior numero di nuovi sottomarini a propulsione nucleare , in questo caso, tre unità ogni anno.

La Marina russa riacquista le grazie di bilancio del Cremlino nel 2012

Nel 2021, il sottomarino missilistico nucleare K-552 Prince Oleg, della classe Borei-A, è entrato in servizio contemporaneamente al sottomarino missilistico nucleare K-573 Novosibirsk, classe Iassen-M il 12 dicembre.

Qualche mese prima, il 7 maggio 2021, questo era il K-561 Kazan, prima unità della classe Iassen-M, che è stato consegnato al servizio attivo della Marina russa. Nel 2022 entreranno in servizio anche 3 nuovi sottomarini, il Generalissimo Suvorov della classe Boreï-A, il K-571 Krasnoyarsk della classe Yassen-M, e il tanto atteso K-329 Belgorod, un mostro di 30.000 tonnellate di derivazione sommersa dal progetto 949A Anteï e modificato per ricevere siluri oceanici a propulsione nucleare Poseidon.

Nel 16 la Marina russa avrà 2031 sottomarini missilistici nucleari Yassen-M, Yassen e Antei
I sottomarini di classe Iassen offrono prestazioni molto elevate, ponendo un nuovo livello di sfida alle forze sottomarine e antisommergibili della NATO.

Questo ritmo rapido rimarrà sostenuto per tutto il decennio a venire, con 2 sottomarini nel 2023, la classe Borei-A Emperor Alexander III SSBN e lo Yassen-M Arkhangelsk, 3 navi nel 2024 (Boreï-A, Yassen-M e Belgorod), 2 navi nel 2025 (Yassen-M e Belgorod), poi una Yassen-M nel 2027, una Boreï-A e una Yassen-M nel 2028, e infine una Boreï-A all'anno nel 2029, 2030 e 2031.

Si noti che è probabile che dal 2027 o 2028 il consegne di futuri sottomarini classe Laïka, destinato a sostituire i più vecchi sottomarini d'attacco nucleare di classe Akula.

12 classi Boreï-A e 16 classi Iassen, Iassen-M e classe Anteï nel 2031

In totale, quindi, nel 2031, le forze navali russe disporranno di 12 SSBN di tipo Boreï e Borei-A, 3 sottomarini speciali di classe Belgorod, 16 sottomarini missilistici nucleari di classe Anteï, Iassen e Iassen-M, e 10 SSN Shchuka-B ( Akula) o Laïka, ovvero 41 sottomarini nucleari, nonché 24 sottomarini a propulsione convenzionale Improved Kilo e Lada, una flotta altrimenti moderna composta per il 70% da navi di meno di 15 anni.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotta sottomarina | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli