Il Cremlino mette la Russia sul piede di guerra contro l’Occidente

Negli ultimi giorni in Russia si sono susseguite dichiarazioni, per presentare la traiettoria che Vladimir Putin intende imprimere al Paese, verso l’Ucraina, e verso l’Europa. Che sia stato provocato o meno dagli annunci del presidente francese, il neo rieletto presidente russo ha ormai scoperto le sue carte, le sue ambizioni e i mezzi di cui intende dotarsi per realizzarle.

Così, con la creazione di due nuove forze armate combinate nella zona occidentale, di fronte all’Europa, l’aumento delle risorse industriali per fornire ancora più armi e munizioni alle forze, o anche la riqualificazione dell’operazione militare speciale in Ucraina, in guerra, aprendo la strada a una nuova mobilitazione, tutto indica che la Russia è ora sul piede di guerra, prendendo di mira, oltre all’Ucraina, l’Europa stessa.

La Russia si prepara a impegnarsi maggiormente in Ucraina e in relazione all’Europa.

“Siamo in guerra. Sì, è iniziata come un'operazione militare speciale, ma non appena questa società si è formata lì, quando l'Occidente collettivo ne ha preso parte dalla parte dell'Ucraina, per noi è già diventata una guerra. Sono convinto. E questo lo dovrebbero capire tutti, per la loro mobilitazione interna”.

RussiaDmitri Peskov
In un'intervista il portavoce del Cremlino Smitry Peskov ha riclassificato l'operazione militare speciale in Ucraina come una guerra.

Così si è espresso il portavoce del Cremlino Dimtry Peskov, intervistato dal sito di notizie russo Argomenti e fatti. Ricordiamo che fino a poco tempo fa il semplice fatto di riferirsi all'operazione militare speciale russa con il termine "guerra" era riprovevole nella legge russa e punivauna pena detentiva fino a 15 anni, per giornalisti e personaggi pubblici.

In realtà questo cambiamento, nelle parole di Peskov, è tutt'altro che aneddotico. Non solo definisce la guerra in Ucraina una guerra, che apre la strada, ad esempio, alla mobilitazione di ulteriori riservisti, ma estende la nozione di nemico all’“Occidente collettivo”, cioè a tutti i paesi del blocco occidentale che fornisce assistenza militare a Kiev.

Senza portare direttamente all’apertura delle ostilità con i paesi europei, questa dichiarazione prepara l’opinione russa affinché il Cremlino e il suo presidente, appena rieletto, accelerino la trasformazione del paese, all’interno delle istituzioni, affidando al contempo la responsabilità di questa evoluzione al sostegno fornito da questi stessi occidentali all’Ucraina.

Verso una trasformazione rapida e massiccia degli eserciti russi per superare la NATO

La dichiarazione del portavoce del Cremlino arriva il giorno dopo l'annuncio, da parte di Sergei Shoigu, della creazione di una trentina di nuove grandi unità, 14 divisioni e 16 brigate, oltre a due Corpi d'Armata ad integrazione, posizionati nel distretto militare di Zapad (ovest), nonché nei due nuovi distretti militari, quello di Leningrado e quello di Mosca.

T-80BVM Russia Zapad 2017
T-80BVM e terminatore russi durante l'esercitazione Zapad 2017

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Tensioni NATO vs Russia | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

5 Commenti

  1. ed eccoci di nuovo qui a trasmettere la propaganda russa
    per vostra informazione gli inglesi sempre molto informati in fatto di spionaggio stimano la consegna di mezzi blindati per il 300 a 2023 ……………siamo lontani dai 1500 annunciati dai russi

  2. il blocco Russia-Cina si sta armando a gran velocità ormai da più di 10 anni e i nostri cari e coraggiosi leader europei guardano apatici “ah sì, ma no è sicuro, ma non va bene…. non oseranno mai", riguardo alla determinazione di questi stessi popoli, il famoso piano di 1 milione di munizioni, di cui l'Europa è riuscita a onorare appena la metà... i fatti, nient'altro che i fatti, "i dividendi della pace "Abbiamo da 30 anni una generazione di politici (degni eredi di Daladier e Chamberlain) che non hanno assolutamente saputo interrogarsi sul piano economico (bilanci stabiliti come se fossimo ancora ai tempi delle 30 gloriose questioni della crescita e della reddito) e geopolitica. Biden per tutto gennaio 2022 durante le trasmissioni informative dell'imminente rischio di attentato o il giorno prima dell'attacco avrebbe annunciato l'invio di truppe americane e NATO con un accordo di difesa per KIEV, mai Putin (aka StaPoutler) non avrebbe attaccato, invece il giorno prima che Biden annunciasse “mai un soldato americano morirà in Ucraina”, risultato per Putin = via libera e non si è lasciato chiedere di farlo, il giorno dopo ci è andato allegramente. i politici dal 2014 hanno visto molto bene l’evoluzione, la cosa peggiore è che le cassandre dei paesi baltici gridano a gran voce dal 2004, minacciandolo con Putin. nonostante questo e i 2 anni di guerra le nostre politiche sembrano cadere dalle nuvole, ci sono parole ma nessun fatto concreto, come spesso sottolinea Difesa online, stiamo a guardare e non saremo pronti il ​​D-day, limitandoci ad osservare le sussultano guardandolo e dicendo "non capisco come sia potuto accadere" anzi come hai detto tu "che non potranno più far valere sorpresa, se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente nei mesi e negli anni a venire, e gli europei si ritrovano senza mezzi per contenerlo” purtroppo questo è ciò che si profila… nessun grande statista attualmente al potere in tutto l’Occidente…. infine grazie per questo sito e per i vostri post (anche se a volte un po' troppo sciovinisti), essendo binazionale ricordo che la cooperazione dell'industria della difesa è necessaria e vitale oggi e soprattutto che decidiamo di darle i mezzi per la nostra difesa invece di mostrando le nostre divisioni (di cui Putin, Xi e perfino gli americani si compiacciono) senza le quali, nella migliore delle ipotesi, torneremo indietro di 30 anni o, nella peggiore, i nostri figli parleranno russo.

  3. Bonjour Fabrice,

    È vero che il futuro non è luminoso.
    I nostri leader stanno avviando il riarmo, ma è chiaramente insufficiente. Crede però che basterebbero 600 uomini per battere la NATO che, anche senza gli Stati Uniti, rimane a mio avviso sulla carta un’alleanza abbastanza solida? Per quanto riguarda i carri armati russi e i carri armati in generale, il loro numero è così importante come 000, ad esempio, in vista dello sviluppo dei droni?

    Ha sentito parlare anche lei di un possibile aumento del bilancio militare in Francia?

    • Ciao Giordano
      Il problema con la NATO è che tendiamo a sommare le capacità di tutti i paesi per immaginare la sua potenza militare complessiva. Tuttavia, questa è un'illusione. Ad esempio, la Francia non impegnerà mai oltre i suoi confini più di una divisione e 60/70 aerei da combattimento, o meno della metà delle sue forze da mischia. Lo stesso per tutti i paesi, tranne i lavoratori frontalieri.
      Quindi sì, 600 uomini sarebbero un grosso problema. Non per arrivare a Bilbao, ma per prendere i Paesi Baltici, certamente.
      Nessuna informazione riguardante l'aumento dei bilanci militari francesi fino ad oggi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli