La Polonia si unisce all’ESSI, la Francia isolata nella difesa aerea in Europa

Dal suo lancio nell’agosto 2022 da parte del cancelliere tedesco Olaf Scholz, l’iniziativa europea SkyShield, o ESSI, si è affermata come un patto unificante e potente, per realizzare una difesa aerea europea efficiente e omogenea.

Più di quindici paesi avevano già annunciato la loro adesione all’ESSI nell’agosto 2022. Ora sono 22, mentre Grecia, Turchia e Svizzera si sono recentemente impegnate ad aderirvi. Diversi paesi europei, tuttavia, non hanno aderito. Ciò è particolarmente vero per Francia e Italia.

Infatti, l'ESSI, così come progettato da Berlino, integra solo 3 sistemi antiaerei complementari: l'antibalistico Arrow 3, il Patriot PAC a lungo raggio e l'IRIS-T SLM a medio raggio. Sono stati quindi esclusi gli altri sistemi europei, NASAMS, CAMM, Mica VL e soprattutto Aster, concorrenti del Patriot oltre che del tedesco IRIS-T SLM/SLX.

La Polonia annuncia l'intenzione di aderire all'iniziativa europea SkyShield

Tra i paesi europei che finora hanno resistito all’ondata dell’ESSI, la Polonia ha svolto un ruolo centrale e determinante. Sebbene il Paese non disponga di una propria soluzione industriale e tecnologica nel campo dei sistemi antiaerei a medio e lungo raggio, disporrà, negli anni a venire, di una difesa aerea molto potente.

ESSI Svezia Danimarca
Svezia e Danimarca hanno aderito all’ESSI nel febbraio 2023

Questo sarà composto, infatti, da 6 batterie Patriot PAC-3, supportate da 44 batterie a corto raggio armate con il missile britannico CAMM, e da 22 batterie SHORAD PSR-A Pilica armate con doppia montatura da 23 mm e missili Manpads GROM.

La Polonia beneficia anche di uno dei due sistemi AEGIS Ashore, armato con missili antibalistici americani SM-3 e SM-6, implementati nel quadro della NATO. Come l'Arrow 3 israeliano acquisito da Berlino, l'SM-3 è un missile antibalistico esoatmosferico progettato per intercettare le minacce MRBM e IRBM.

Se alcune intercettazioni contro gli equivalenti MIRV da parte dell'SM-3 hanno avuto successo, durante i test, il sistema non è tuttavia progettato, né tagliato, per fornire protezione contro un attacco strategico russo o cinese. Ricordiamo, a questo proposito, che la Russia non utilizza più missili MRBM o IRBM, ma solo SRBM semibalistici, ICBM e SLBM, principalmente Mirvés, contro i quali questi sistemi sono inoperanti.

Per la sua posizione geografica, ma anche per le sue ambizioni in termini di capacità militare, Varsavia svolge oggi senza dubbio il ruolo di perno della difesa europea di fronte alla minaccia russa e bielorussa. Basti dire che l'arbitrato di Varsavia, in questo ambito, era il più atteso.

AEGIS a terra in Polonia
La Polonia ospita uno dei due siti AEGIS Ashore della NATO che costituiscono lo scudo antimissile europeo contro le minacce di tipo MRBM e IRBM.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Analisi della difesa | Germania | Alleanze militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

5 Commenti

  1. Abbiamo sempre avuto questa scelta e l'abbiamo da anni. Fornire mercati alternativi che amano le nostre attrezzature Itar free e soprattutto navali.

    Dal punto di vista economico, chi produrrà gli astri 15 e 30 nei prossimi 10 anni e in grandi quantità?
    Sono ovviamente le navi.

    La guerra in Ucraina ha dimostrato che non possiamo resistere demolendo 100 droni con 2 milioni di missili su tutti i possibili obiettivi in ​​un territorio.
    Sul mare è un'altra storia, perché a parte la fregata bersaglio non c'è molto altro oltre all'acqua.
    Sviluppiamo un quartetto Rapidfire/LMP/aster15/aster30 adatto all'uso navale e diamoci da fare!!!!!
    I sistemi Irys T che saranno venduti a tutti i paesi dell'Europa dell'Est probabilmente non lanceranno mai un missile
    Le barche saranno un'altra storia.

  2. Da un lato non c’è solo la Francia ma anche l’Italia, dall’altro il punto debole dell’ESSI è la sua integrazione nell’UE, quindi parte dei bilanci verranno estratti dal bilancio europeo e, Italia e Francia hanno un ruolo giocare perché possono bloccare o rallentare il progetto. La Germania è andata un po' forte integrando Israele nel progetto, per quanto riguarda gli USA la Germania è un po' un cavallo di Troia, anche se vorremmo sarebbe interessante vedere la posizione della Germania se Trump venisse eletto, soprattutto perché quest'ultimo basa la sua politica sugli uomini e non sui paesi, non sono sicuro che apprezzerà Scholz

  3. Lo sviluppo di un mezzo di intercettazione esoatmosferica è infatti cruciale per la sicurezza e la difesa dell’Europa.

  4. Scholz non è un partner della Francia a differenza della Merkel.
    Germania super birre….
    Farà di tutto per distruggere la nostra industria degli armamenti. Siamo decisamente ingenui e poco competenti in termini commerciali rispetto alla Germania….
    Non molto intelligente, il nostro ministro responsabile...

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE