Per la Marina olandese è tutta una questione di droni!

La Marina olandese, o Koninklijke Marine, è impegnata, come tutti gli eserciti del paese, in un grande e rapido sforzo volto a riparare le conseguenze degli anni di "benefici della pace" e della mancanza di crediti che hanno generato, e ha risposto alle , l’evoluzione della minaccia alla sicurezza in Europa.

Ha così avviato la sostituzione di quasi tutte le sue principali unità navali nei prossimi quindici anni, dai sottomarini Walrus ai cacciamine tripartiti, comprese le fregate De zeven Provincien e Karel Doorman, le LPD Rotterdam e Jan de Witt, e i suoi OPV di classe Holland.

Allo stesso tempo, sono stati lanciati diversi programmi di droni, in particolare droni di superficie, per espandere le prestazioni e le capacità operative delle sue navi, dagli USV medi che trasportano missili agli USV leggeri per la caccia ai sottomarini, offrendo reali opportunità di cooperazione a livello europeo, soprattutto per la Francia.

Sottomarini, fregate, anfibi: la marina olandese si sta rapidamente modernizzando

Avviata nel 2019, la modernizzazione della Marina olandese dovrebbe consentirle, entro la metà degli anni '2030, di rinnovare l'intera flotta di prima linea, a volte di espanderla, restituendole le capacità che le erano state durante la Guerra Fredda, il tutto cose considerate.

6 grandi navi da guerra contro le mine del programma rMCM

Cronologicamente, tutto è iniziato con l’aggiudicazione di un contratto da 2 miliardi di euro, cofinanziato con il partner belga e vicino, per lala progettazione e la costruzione di 12 grandi navi da guerra contro le mine, sei per Marina, oltre a sistemi di droni che verranno utilizzati per le operazioni di sminamento.

Lancio dell'M940 Ostenda RMCM
La prima grande nave da guerra antimine del programma eMCM belga-olandese, la M930 Oostende, è stata varata nel marzo 2023 a Concarneau.

Sono stati i gruppi ECA, fusosi con la francese IXblue per diventare Exail, e Naval Group, riuniti per l'occasione nel consorzio belga Naval & Robotics, ad aggiudicarsi il concorso rMCM.

La prima delle grandi navi da guerra minerarie, la M940 Oostende, destinata alla componente marina, fu lanciato il 29 marzo 2023 a Concarneau, mentre la seconda nave, la M840 Vlissingen diretta alla Marina olandese, la seguì pochi mesi dopo a Lorient.

Queste navi, costruite dal gruppo Kership, entreranno in servizio rispettivamente nel 2024 e nel 2025. L'ultima della classe, la M845 Schiedam, si unirà alla Koninklijke Marine nel 2030. Da notare che nell'ottobre 2023, La Francia ha aderito a questo programma, come parte del suo programma MMCM/SLAMF.

Costruirà anche sei grandi navi da guerra contro le mine RMCM, con alcune variazioni rispetto ai modelli olandesi e belgi, in particolare in termini di lancio di droni o armamenti difensivi. Parigi, L'Aia e Bruxelles rinnovano così il partenariato che ha dato vita, più di quarant'anni fa, ai fortunati cacciatori di mine tripartiti.

2 fregate da guerra antisommergibile M-Fregat

In concomitanza con il programma rMCM, le marine belga e olandese hanno avviato lo sviluppo e la costruzione di una nuova classe di fregate antisommergibili, destinate a sostituire le M-fregat (M per Multimissione) della classe Karel Doorman. Ciascuna Marina prevede di acquisire due di queste navi.

M-Fregat Belgio Paesi Bassi
Le fregate da guerra antisommergibile olandesi e belghe del programma M-Frigat avranno armamenti diversi, le navi olandesi dovranno essere armate molto meglio di quelle della componente marina.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotta di superficie | Notizie sulla difesa | Costruzioni navali militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli