Incapaci di sostenere l’Ucraina, gli europei potranno resistere militarmente alla Russia?

Ciò che oggi contrasta con i discorsi pronunciati appena un anno fa, sia da politici che in televisione, sul conflitto russo-ucraino.

Laddove un’euforia artificiale, ignorando deliberatamente le trasformazioni attuate in Russia per correggere le debolezze constatate nei primi mesi di guerra, prometteva la disfatta degli eserciti russi di fronte alla controffensiva ucraina, equipaggiati con i nuovi veicoli corazzati occidentali, un Il sentimento di sconfitta ora colpisce la presidenza di Kiev.

TMa al di là del futuro stesso dell’Ucraina, che sappiamo essere decisivo per la sicurezza in Europa, i limiti che oggi raggiungono gli europei, incapaci come sono di sostenere gli eserciti ucraini, di fronte alla minaccia russa, un paese dodici volte meno ricco, e quattro volte meno popolato dell’Europa occidentale, solleva un’altra domanda, anch’essa lasciata sotto il tappeto: gli europei sono oggi in grado di sostenere un confronto militare con la Russia?

Niente più proiettili, niente più missili terra-aria: un'ondata di panico si abbatte sull'Ucraina

Gli echi che arrivano oggi dall'Ucraina mostrano una situazione di avanzata debolezza degli eserciti di Kiev, di fronte agli eserciti russi. Secondo i resoconti dei giornalisti occidentali presenti accanto alle forze ucraine, l’assenza di missili e proiettili antiaerei ha creato gravi fallimenti nel rafforzamento della linea del fronte, facendo temere scenari catastrofici, come la rottura di questa linea, e lo schiacciamento di alcune città ucraine, come Kharkiv, sotto bombe e missili russi.

Ucraina M777
L’artiglieria ucraina è ora pesantemente ostacolata dalla mancanza di proiettili.

Anche la presidenza ucraina mostra evidenti segni di eccitazione, e di una preoccupazione difficile da fingere, anche per un ex attore. E per una buona ragione! La cessazione degli aiuti americani dalla fine di dicembre 2023, bloccata dalla Camera dei Rappresentanti a maggioranza repubblicana, ha privato gli eserciti ucraini del cordone ombelicale che li teneva a galla.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Politica e bilanci | Notizie sulla difesa | Alleanze militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

7 Commenti

  1. Verso l'inizio dell'articolo, sotto la foto dell'M777, c'è scritto "Anche la presidenza russa mostra evidenti segni di eccitazione" al posto della presidenza ucraina, un piccolo lapsus che dà un significato completamente diverso alla frase (a All'inizio pensavo che fosse Putin ad essere entusiasta della sua imminente vittoria).

  2. Peccato che l'articolo non si occupi della coalizione di artiglieria guidata dalla Francia che ha messo le mani su 1.5 milioni di proiettili da 152 e 155 mm (e che sta arrivando al fronte ma non abbastanza velocemente, questo è certo).

    • Si tratta di scorte esterne, non di produzione, quindi non sostenibili nel tempo. idem per gli SCALP/Storm Shadow che Fr e Uk stanno cercando di recuperare in Grecia, Marocco, Emirati Arabi Uniti ecc. per inviarli in Ucraina. È un colpo solo. Quindi, questo non rientra nell’equazione a medio termine, al centro dell’argomento dell’articolo.

  3. il primo problema deriva dal desiderio degli Stati Uniti di annientare l’industria europea degli armamenti per 10 anni, il che significa che l’Europa è incapace di aiutare davvero l’Ucraina oggi, dopo che ogni paese separatamente alle sue palle, la Francia è l’economia (e questo probabilmente ultimo), la Germania come Paperone, ossessionata dalla sua florida situazione economica, dopo aver raggiunto la fine della sua logica russofila, sta trasferendo tutto verso la Cina, per non parlare della sua malsana diffidenza nei confronti della Francia, l'Italia ritiene che lo stato di la sua marina, per non parlare della sua vicinanza alla Russia. Quindi l’UE è soprattutto un territorio di libero scambio, ma ogni paese suona la propria musica, il che rende l’UE più una preda che un predatore, sarà tanto più evidente che Trump o no, l’occhio degli Stati Uniti è ora rivolto a Cina.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli