L’esercito americano suona la campana a morto per l’artiglieria trainata

“Abbiamo assistito alla fine dell’efficacia dell’artiglieria trainata”. Sono queste le parole che il generale James Rainey, capo dello US Army Futures Command, ha pronunciato al simposio Global Force dell'Associazione dell'esercito americano.

Secondo il generale americano, nonostante l'abbandono recentemente annunciato del supercannone dal programma Extended Range Cannon Artillery (ERCA), l'esercito americano si sta preparando a grandi trasformazioni in termini di artiglieria, ma ora si sta allontanando dall'artiglieria trainata, giudicato, non senza ragione oggettiva, troppo vulnerabile.

La guerra in Ucraina ha riportato l’artiglieria al centro del combattimento aria-terra

Come nel caso dei carri armati e della fanteria meccanizzata, negli ultimi trent’anni l’artiglieria è stata trascurata da molti eserciti, soprattutto in Occidente. Pertanto, la maggior parte degli eserciti della NATO, compreso l'esercito americano, utilizza ancora oggi sistemi di artiglieria progettati durante la Guerra Fredda, come l'americano M30, l'inglese AS 109 o il 90S2 e il sovietico 3S2 nell'Europa orientale.

2S39 Koalitsiya-SV
L'esercito americano deve rispondere all'entrata in servizio di nuovi sistemi di artiglieria, come il cinese PCl-181, o il 2S35 Koalitsiya-SV, con prestazioni superiori al suo M109.

Impegnati in teatri asimmetrici, affrontando avversari con poca artiglieria e senza aviazione, questi eserciti si sono evoluti dal supporto di fuoco fornito dall'artiglieria a quello fornito dall'aviazione o dal combattimento con elicotteri. Anche in teatri relativamente intensi, come l’Iraq o la Siria, la supremazia aerea occidentale, come quella della Russia in Siria, non è mai stata messa in discussione.

La guerra in Ucraina ha profondamente sconvolto questi paradigmi. Nonostante disponga di un'aeronautica molto più piccola, Kiev è infatti riuscita a contenere, per più di due anni, la potenza aerea russa e i suoi mille aerei da combattimento e d'attacco, avvalendosi di una fitta ed efficace rete di difesa aerea.

Lo stesso discorso vale anche per le forze aeree ucraine da parte della DCA russa. Entrambe le forze aeree furono costrette, da queste difese antiaeree, ad operare a distanza dalla linea di ingaggio, sia con aerei da combattimento che con elicotteri d'attacco, rendendo molto più difficile il supporto aereo ravvicinato.

Questa funzione spettava interamente all'artiglieria, come del resto richiedeva la dottrina sovietica. Divenne ben presto il perno dell'equilibrio di potere nella guerra in Ucraina, con il numero di tubi disponibili come parametro di riferimento, così come le scorte di proiettili da 152 e 155 mm.

Artiglieria trainata troppo vulnerabile alla controbatteria e ai droni

Se l’artiglieria ha riconquistato il suo ruolo decisivo sul campo di battaglia in Ucraina, ha anche pagato a caro prezzo il suo impiego intensivo negli ultimi due anni. Pertanto, secondo il sito web di Oryx, 350 sistemi di artiglieria trainata, 700 sistemi semoventi e più di 360 lanciarazzi multipli russi sono stati distrutti, danneggiati o abbandonati dal febbraio 2022, ovvero la metà dell'inventario teorico degli eserciti di Mosca, all'inizio del conflitto.

Artiglieria trainata M777
L'artiglieria trainata, più economica, è anche molto più vulnerabile. In Ucraina, quasi la metà dei 186 M777 consegnati dagli Stati Uniti sono già stati distrutti o danneggiati.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Artiglieria | Analisi della difesa | Conflitto russo-ucraino

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli