Droni ucraini colpiscono una base aerea in Russia, nonostante il divieto statunitense

Un grande attacco, effettuato da droni ucraini, sarebbe stato effettuato nella notte tra il 4 e il 5 aprile 2024 contro la base aerea russa a Morozovsk, nel nord-est dell'oblast di Rostov.

Secondo la stampa ucraina, diversi bombardieri Su-34 sono stati distrutti o danneggiati, mentre una ventina di soldati russi sono rimasti feriti o uccisi in questo attacco.

La stampa russa, dal canto suo, ha annunciato ieri sera l'intercettazione di un gran numero di droni ucraini in questa regione, senza riferire di questo attacco, di cui si è parlato ampiamente anche nell'ambito dei blogger militari del paese.

Questo attacco è avvenuto tre giorni dopo che il segretario di Stato americano Antony Blinken si era opposto agli attacchi ucraini effettuati sul suolo russo, in particolare contro gli impianti energetici del paese.

Massiccio attacco di droni ucraini alla base aerea russa di Morozovsk vicino a Rostov sul Don

Gli eserciti ucraini hanno effettuato, nella notte tra il 4 e il 5 aprile 2024, un massiccio attacco di droni contro l'aeroporto militare di Morozovsk, nel nord-est dell'oblast di Rostov, e a 200 km dal confine con l'Ucraina.

Video pubblicati sui social network russi Vk e Telegram, attestano questo impegno, mostrando un'intensa attività antiaerea da parte della DCA russa, ma anche esplosioni al suolo seguite da esplosioni secondarie, che tenderebbero a confermare che obiettivi militari erano stati effettivamente colpiti.

L'aeroporto di Morozovsk ospita il 559° reggimento di bombardamento delle guardie, appartenente alla divisione aerea mista della prima guardia. Si compone di cacciabombardieri Su-24, Su-24M e soprattutto Su-34, oggi in uso le bombe guidate in planata FAB-500/1000/1500 e 3000, che pongono problemi significativi alle forze ucraine. Secondo quanto riferito, anche aerei di scorta Su-27 sarebbero stati schierati in questa base aerea.

Guerra di comunicati sugli effetti di questo attacco

Secondo la stampa ucraina questo attentato lo avrebbe reso possibile distruggi e danneggia da 6 a 8 cacciabombardierie uccise o ferì da 20 a 40 soldati russi. Naturalmente è molto difficile confermare o smentire queste cifre, anche se i video pubblicati dello scontro mostrano che effettivamente gli obiettivi contenenti carburante o munizioni sarebbero stati raggiunti dai droni ucraini.

Oltre agli obiettivi militari, sembra che siano state prese di mira anche le infrastrutture energetiche dentro e intorno alla base aerea, con la stampa ucraina che ha segnalato interruzioni di corrente in tutto il distretto. Il governatore regionale russo Vasily Golubev, riconosce una quarantina di scioperi ieri sera.

Su-34
La base aerea di Morozoksk ospita i Su-34 del 559° reggimento bombardieri delle guardie

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Conflitto russo-ucraino | Notizie sulla difesa | Aerei da caccia

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

  1. Le incoerenze strategiche punteggiano questo conflitto: la Russia attacca l’Ucraina, un paese indipendente, ma gli Stati Uniti non lo autorizzano – per quale motivo? – quest’ultimo per effettuare attacchi sul territorio russo e quindi confinarlo in una posizione difensiva dalla quale, data la differenza di mezzi militari, economici e demografici tra i due belligeranti, l’Ucraina non può che uscire battuta. Ma gli Stati Uniti sostengono l'Ucraina! È un atleta?
    Quando vediamo il caparbio WASP di Bilken che sostiene la vittoria ucraina vietando qualsiasi azione offensiva contro la Russia, capiamo che l’economia (degli USA) ha la precedenza su tutto il resto. Tuttavia, il prezzo del petrolio non dovrebbe aumentare! Comunque restiamo seri! Il pragmatismo deve avere dei limiti: non voler intervenire in un conflitto, questo è comprensibile, si chiama neutralità, ma fornire attrezzature militari a una nazione imponendole di limitarne l’uso ad azioni difensive, questa è la più pura frode intellettuale.
    Del resto, ciò non sorprende da parte degli USA che non esitarono nel 45, dopo aver sollevato aria contro i nazisti, a recuperare i suddetti nazisti e non ultimi tra i criminali di guerra, Von Braun, Speer, Schellenberg e altri , a loro vantaggio. Prima l'America!
    Per quanto riguarda la preparazione francese di "dispiegamenti significativi per controllare la minaccia russa", il nostro buon "leader" (ricordate: "Io sono il vostro leader": non ha capito che siamo leader non perché lo affermiamo ma perché è dimostrato !) e i suoi massimi vice stanno organizzando un'operazione di intossicazione oppure trasformano i loro desideri in realtà. Durante la prima guerra del Golfo, la Francia ha istituito una forza di 1 uomini raschiando i profitti e non vedo come potrebbe fare di meglio attualmente con 13 uomini (000 durante le Olimpiadi) schierati permanentemente come parte di Sentinel. Ora, se si tratta di schierare 10 battaglioni biffe con uno squadrone di Caesar, è una presa di posizione mediatico-elettorale! Non è questo che impressionerà i russi, anche se non renderà loro la vita più facile! Soprattutto perché i nostri “alleati” europei (tranne forse i polacchi?) non ci seguiranno e gli USA e la NATO non si sentiranno affatto preoccupati dopo il chiarimento di Macron ignorando il possibile sostegno della NATO in caso di impegno. E se le cose andassero male e gli Usa intervenissero, politicamente, per calmare gli animi, questo non farebbe altro che sottoporci ancora di più ai loro “diktat” e indebolire ciò che resta della nostra indipendenza nazionale.
    Al di là di queste poche osservazioni di merito, il tuo articolo è, come sempre, di alta qualità, il che dimostra un eccellente senso di analisi.

    • Diverse cose da tenere a mente riguardo ad un possibile dispiegamento francese in Ucraina.
      – È altamente improbabile che la Francia se ne vada da sola.
      – È altrettanto improbabile che sul fronte avvenga uno schieramento di soldati francesi. Ciò comporterà sicuramente il sostegno di determinate funzioni all’interno della FAU o anche, nel peggiore dei casi, la messa in sicurezza del confine bielorusso o la protezione di Odessa/Lviv/Kiev, liberando significative capacità aggiuntive per la FAU.
      – se le forze francesi ed europee saranno schierate a terra, saranno schierate anche in volo. E l’arrivo di un potenziale divieto 30/40 Rafale/M2000/Typhoon/Gripen (anche se il Regno Unito o i Paesi Bassi intervenissero, nessuna possibilità che gli Stati Uniti autorizzino l’uso degli F-35 e persino degli F-16 “NATO”), nel cielo di retroguardia ucraino, supportato da MRTT ed E -2/3, cambierà molte cose per quanto riguarda la garanzia della profondità ucraina
      – Infine, non dimentichiamo che gli eserciti ucraini sono ancora lì…
      Quindi in realtà non sono le poche dozzine di Leclerc e VBCI francesi che potrebbero invertire gli equilibri di potere. Non c’è dubbio però che uno schieramento francese, qualora dovesse intervenire, modificherebbe sensibilmente la dinamica del conflitto.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli