Quanto vale la deterrenza francese di fronte alla minaccia russa nel 2024?

Non ci sarà voluto molto. Dopo la menzione, da parte del presidente francese Emmanuel Macron, della possibilità di inviare truppe europee in Ucraina, reazioni, spesso poco favorevoli, si sono moltiplicate, in Europa, negli Stati Uniti, ma anche all’interno della classe politica francese. I secondi coltelli delle comunicazioni russe, dal canto loro, hanno cercato di prendersi gioco della minaccia.

Questo non è il caso di Vladimir Putin. Lungi dal considerare l’ipotesi, ovvero la Francia, come una quantità trascurabile, brandiva vigorosamente la minaccia nucleare, contro la Francia, e soprattutto contro l'Europa intera, se mai gli europei venissero a interferire nel "territorio russo", senza che noi sapessimo davvero se l'Ucraina rientrasse o meno nella sua concezione di cosa sia il territorio russo, del resto.

Ovviamente, il presidente russo è pronto a usare tutto il suo arsenale, compreso quello nucleare, per convincere gli occidentali a prendere le distanze da quella che considera la sfera d'influenza di Mosca, una nozione altrove molto dinamica nelle parole del capo di Stato russo da 20 anni. anni.

In questo contesto, e mentre il sostegno e la protezione americani sono colpiti da incertezze dopo le dichiarazioni di Donald Trump, la deterrenza francese sembra essere l’ultimo baluardo contro le ambizioni di Vladimir Putin in Europa. La domanda è: ce la farà?

Minacce sempre più forti da parte del Cremlino contro la Francia e l'Europa

Le minacce lanciate all’Europa da Vladimir Putin il 29 febbraio, mentre parlava ai parlamentari russi, costituiscono certamente una risposta particolarmente vigorosa alle ipotesi avanzate dal presidente Macron all’inizio della settimana. Tuttavia, essi sono lungi dal rappresentare una rottura con la recente posizione russa, e ancor meno una sorpresa.

Sistema delle forze deterrenti Iskander | Alleanze militari | Armi nucleari

La minaccia nucleare russa è in agitazione dal 2014 e dalla cattura della Crimea

Già durante l’intervento degli eserciti russi in Crimea nel 2014, per conquistare di sorpresa la penisola ucraina, Vladimir Putin aveva alzato il livello di allerta delle sue forze nucleari e aveva schierato batterie di missili Iskander M, per prevenire qualsiasi interferenza da parte dell’Occidente. .

Ha fatto esattamente lo stesso nel febbraio 2022, quando ha ordinato l’offensiva contro l’Ucraina e l’avvio dell’ormai famosa “operazione militare speciale”, ovvero operazioni militari speciali in russo (CBO), annunciando, ancora una volta, l’aumento dell’allerta delle forze aeree strategiche forze e forze missilistiche.

Una risposta ferma da parte della deterrenza occidentale a febbraio e marzo 2022

L'efficacia di questa misura fu, tuttavia, meno efficace che durante la cattura della Crimea, quando europei e americani rimasero immobili, chiedendosi chi potessero essere "questi piccoli uomini verdi", che avevano preso il controllo di questo territorio ucraino, dalle basi russe e dagli sbarchi navi.

Nel 2022, sotto la guida di Stati Uniti, Gran Bretagna e soprattutto paesi dell’Est europeo, come Polonia e Paesi Baltici, sono stati organizzati gli aiuti militari occidentali a sostegno dell’Ucraina, con il trasferimento di mezzi sempre più efficienti, primi mezzi anticarro e missili di fanteria antiaerea (febbraio 2022), poi veicoli corazzati di epoca sovietica (marzo 2022), seguiti dai primi veicoli corazzati e dai sistemi di artiglieria occidentali (aprile-maggio 2022).

Allo stesso tempo, le tre nazioni nucleari occidentali, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, hanno risposto all’allarme delle forze nucleari russe rafforzando i propri mezzi di deterrenza, in una situazione di stallo che il mondo non vedeva dal 1985 e dalla fine della crisi degli euromissili.

Deterrente francese classe SSBN Triomphant
I quattro SSBN francesi della classe Triomphant consentono di mantenere, in modo permanente, in tempo di pace, un sottomarino armato con 16 missili M51, di pattuglia, e due, o tre, SSBN in mare, in tempi di crisi, come nel marzo 2022.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Forze deterrenti | Alleanze militari | Armi nucleari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

9 Commenti

  1. Ciao sig Wolf.
    Come sempre, un'analisi imparziale e obiettiva dei poteri esibiti e delle rispettive dottrine spiegate.
    La storia è solo un eterno inizio e dimenticarla è solo un'occasione per vederla ripetersi. Il mio commento è solo un luogo comune ma le vostre riflessioni dovrebbero essere lette da tanti di questi commentatori e altri "alimentatori di informazioni", non per fare dottrina ma semplicemente per alimentare un certo spirito di sintesi che consenta una migliore lettura di un futuro così incerto ( banale come ti ho detto sopra ma sicuramente necessario….)
    Grazie ancora per il tuo sito.
    JLG

  2. La parte russa soffre ancora di una mancanza di prospettiva sul materiale effettivamente disponibile.

    È ragionevolmente improbabile che i costi per il mantenimento di 6000 testate nucleari rientrino nel bilancio complessivo della Russia. Successivamente se rimuovere un po' di ruggine e metterli in un lanciatore li rende operativi…….

  3. Buongiorno,

    Grazie mille per il tuo articolo che è molto interessante.

    Vorrei pormi la seguente domanda che mi incuriosisce riguardo alla deterrenza. Lei giustamente solleva il concetto di distruzione reciproca assicurata. Ma oggi la tecnologia antimissile (ad esempio Mamba o S400) non altera il concetto di questa distruzione “assicurata”?

    Merci beaucoup versare votre réponse.

    cordialmente

    SB

    • Tutti i sistemi antibalistici, l'S400, il SAMP/T Mamba, il Patriot, il THAAD o l'Arrow 3, hanno una determinata capacità di tiro. Gli S400/Patriot/Mamba/SM6 sono sistemi endoatmosferici, in grado di intercettare solo traiettorie discendenti, contro specifici missili balistici, con una gittata che va dai 500 ai 1500/2000 km. I sistemi eso-atmosferici, come l'S500, il THAAD, l'Arrow 3 o l'SM3, sono in grado di intercettare bersagli balistici fuori dall'atmosfera, con una latitudine che va da 70/80 a 200 km, a seconda dei modelli. Purtroppo tutti questi sistemi si trovano in grande difficoltà nel contrastare le traiettorie balistiche intercontinentali, ICBM o SLBM. Non è impossibile, ma la batteria deve essere posizionata esattamente nel posto giusto per sperare di riuscirci. Inoltre, devono lanciare diversi missili per testata. Quindi, di fatto, nessuno ritiene che gli scudi ABM (missili antibalistici) possano essere davvero efficaci contro il fuoco strategico. D'altro canto, possono essere utilizzati contro missili a corto e medio raggio (fino a 5 km).

  4. La deterrenza nucleare, francese o meno, è valida solo quanto la volontà di coloro che hanno il potere di attuarla e la loro credibilità a livello internazionale.
    Da qui la debolezza degli inglesi soggetti al regime della doppia chiave per l’uso delle armi nucleari.

    • Non ci sono doppie chiavi nella deterrenza britannica. Questo è un mito ripetuto spesso, anche dai senatori, ma è completamente falso.
      Il deterrente britannico utilizza i missili Trident D5 della Lockheed Martin, ma in modo indipendente. Solo gli inglesi possono armare le loro testate nucleari, designare i loro obiettivi e dare l’ordine di sparare. Il deterrente britannico dipende dal fatto che gli Stati Uniti mantengano i loro missili, ma questo è tutto, e non esiste assolutamente alcuna doppia chiave. Ricordiamo che la componente aerea della deterrenza francese si basa sul mantenimento in servizio dell’E-3F Sentry e del KC-315, che dipendono anche dagli Stati Uniti per i componenti. E nell'aviazione navale, dipende dall'E-2C Hawkeye, di Grumman.
      Inoltre, non esiste una doppia chiave nemmeno per i B-61 della NATO. Solo gli Stati Uniti possono armarli e la NATO designa gli obiettivi. Le forze aeree dei paesi ospitanti sono solo le portaerei. Nel peggiore dei casi, possono rifiutarsi di portare a termine la missione.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli