Gli eserciti francesi (anche) hanno bisogno di un piano di ricapitalizzazione da 100 miliardi di euro

A pochi giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha presentato al Bundestag, il parlamento tedesco, un piano per investire una busta di 100 miliardi di euro destinata a riparare alcune delle più critiche rilevate all'interno della Bundeswehr, impegnando al contempo un dinamica al fine di portare lo sforzo di difesa del Paese oltre la soglia del 2% del PIL richiesta dalla NATO entro il 2025. Da allora, la stragrande maggioranza dei Paesi europei, membri o meno della NATO, ha annunciato un aumento significativo dei propri gli sforzi di difesa, impegnandosi tutti, a scadenze più o meno ravvicinate, a rispettare o superare la soglia del 2% del PIL, che è diventata in qualche modo il segno di uno sforzo di difesa coerente a fronte della ricomposizione strategica in atto in Europa, ma anche nel mondo.

Le autorità francesi erano rimaste particolarmente discrete in questo campo.. È vero che il Paese aveva intrapreso, già nel 2017, uno sforzo per invertire la curva degli investimenti in Difesa, con una Revisione Strategica e una Legge di Programmazione Militare (LPM) che prevedessero un aumento lineare del budget degli eserciti di 1,7, 2022 miliardi di euro all'anno fino al 3, poi 2023 miliardi di euro all'anno nel 2024 e nel 2022. Inoltre, le questioni della difesa non facevano parte dei temi principali della campagna elettorale per le elezioni presidenziali o per le elezioni legislative successive, né da parte del presidente uscente, né quello delle opposizioni, formando un opaco massetto attorno all'argomento per tutto questo periodo. In occasione della mostra Eurosatory XNUMX dello scorso giugno, il neo-rieletto presidente Macron, tuttavia, ha annunciato che sarebbe necessario un aggiornamento della LPM per far fronte alle nuove sfide della difesa, confermando che il Paese dovrebbe aumentare il proprio sforzo di difesa negli anni a venire. Una settimana fa è stato il ministro delle Forze armate, Sebastien Lecornu, a confermare che il bilancio per le forze armate aumenterà infatti di 3 miliardi di euro nel 2023, rispondendo così a una relazione della Corte dei conti recentemente pubblicata che metteva in guardia contro la sostenibilità di bilancio di tale sforzo.

Durante il suo discorso di apertura a Eurosatory 2022, Emmanuel Macron ha annunciato il prossimo adattamento dello sforzo di difesa francese alle nuove sfide alla sicurezza in Europa e nel mondo.

In occasione del suo intervento di Politica generale davanti al Parlamento, il Primo Ministro Elizabeth Borne ha chiarito i contorni di questo sforzo, indicando che Il presidente Macron avrebbe presto definito i contorni di una nuova legge sulla programmazione militare, senza precisare l'orario o lo schema. Tuttavia, e anche se gli eserciti francesi hanno un grande bisogno di vedere le loro capacità di bilancio crescono gradualmente in modo da rispondere ai problemi di sicurezza non così nuovi, ma finora ignorati per paura di dover rispondere, soffrono, come la Bundeswehr, di alcuni deficit di capacità critiche che dovrebbero essere affrontati separatamente e immediatamente, come ha fatto Olaf a Scholz il 27 febbraio davanti al Bundestag. In questo articolo analizzeremo l'opportunità per gli eserciti francesi ma anche l'industria della difesa nazionale di fare affidamento su un piano di investimenti simile di 100 miliardi di euro, ma anche come finanziare tale sforzo rispettando i vincoli di bilancio del Paese.

Eserciti progettati su una dottrina passata

Se gli eserciti francesi soffrono di molte carenze critiche, queste sono molto spesso molto diverse da quelle che interessano gli eserciti tedeschi. Là dove la Bundeswehr ha ampiamente sofferto di arbitrati politici mal concepiti e inadeguati, ostacolandone l'efficacia complessiva, gli eserciti francesi riuscirono a mantenere la maggior parte delle capacità che avevano alla fine della Guerra Fredda, ma in modo limitato. Il fatto è che gli eserciti francesi oggi rispondono a una dottrina definita dal Libro bianco del 2013, le cui linee principali sono state mantenute durante la Revisione strategica del 2017. Sono stati così in grado di mantenere un formato di esercito globale, e sono stati costretti a rispondere a una dottrina che, all'epoca, poteva avere un senso, ovvero fare affidamento sulla deterrenza per la conservazione e la protezione del territorio e degli interessi strategici del Paese, su un corpo di spedizione dispiegabile per le operazioni esterne e su una forza limitata ma coerente per gli interventi della coalizione . Per mantenere e dare vita a tutte le sue esigenze con un budget di poco superiore a 32 miliardi di euro all'anno (2016), le Forze Armate hanno dovuto ridurre il formato di alcune capacità, con una flotta di caccia gradualmente ridotta a 185 aeromobili per l'Aeronautica Militare (contro oltre 450 nel 1995) e 40 velivoli della Naval Aviation (75 nel 1995), che perse anche la sua seconda portaerei.

Oggi all'Air and Space Force mancano tra i 60 e gli 80 aerei da combattimento per soddisfare le realtà operative del momento.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE