Cosa ci dicono le prestazioni dell'AMX-10RC in Ucraina sulla Jaguar EBRC?

Nel gennaio 2023, la Francia è stato il primo paese occidentale ad annunciare l’invio in Ucraina dei carri armati da combattimento, come allora designati. Si trattava, infatti, di veicoli corazzati da ricognizione AMX-10RC, un veicolo corazzato 6x6 armato con un cannone da 105 mm, ma troppo leggero e non sufficientemente protetto per essere qualificato come carro armato da combattimento.

A fare però da catalizzatore è stata però l’iniziativa francese, seguita poco dopo da quella britannica, che ha annunciato l’invio di una decina di Challenger 2, per una volta un vero carro pesante, forse anche troppo, per il teatro ucraino. Successivamente, americani e tedeschi ammorbidirono le loro posizioni, consentendo l'invio di M1A1 Abrams e soprattutto Leopard 1 e 2, adattati alle esigenze ucraine.

Da allora, l'AMX-10RC come il Leopard e Abramo sperimentarono la prova del fuoco. Se i carri pesanti tedeschi e americani hanno dimostrato, senza essere invulnerabili, qualità in linea con le aspettative, i carri armati leggeri francesi lasciano sensazioni più che contrastanti tra i loro utilizzatori ucraini.

Mentre i primi Jaguar EBRC entrarono in servizio nelle unità di cavalleria francesi, per sostituire gli AMX-10RC nelle loro missioni, l'esperienza ucraina fornisce una visione a dir poco contrastante sull'efficacia, e persino sull'utilità, di questo tipo corazzato. almeno per quanto riguarda questo conflitto.

L'AMX-10RC, un veicolo corazzato da ricognizione poco conosciuto e mal utilizzato dagli ucraini?

È vero che inizialmente ci hanno provato le unità ucraine equipaggiate con AMX-10RC francesiusa il veicolo corazzato come un carro armato, cosa che non è. I risultati furono, come era prevedibile, piuttosto catastrofici.

RC AMX-10
Il cannone F105 BK MECA L/105 da 2 mm 48 mm dell'AMX 10RC

In effetti, la corazza del carro leggero (o poco ne dà il nome), gli permette a malapena di resistere al fuoco delle armi leggere e delle mitragliatrici pesanti. Pertanto, il più piccolo cannone da 25 o 30 mm è sufficiente per perforare l'AMX-10RC, anche nel settore frontale, squalificandolo di fatto dalla funzione di carro armato.

Inoltre, il suo cannone F105 BK MECA L/2 a trappola a pressione da 48 mm, ha prestazioni molto inferiori a quelle dei cannoni da 120 mm dei carri armati occidentali, e anche a quelle del cannone L7A43 dei carri armati occidentali Leopard 1. In altre parole, l'AMX-10RC non ha né la protezione né la potenza di fuoco sufficienti per usarlo come carro armato da battaglia, anche medio. Non sorprende quindi che l’armatura abbia subito perdite significative, se utilizzata come tale, dalle forze ucraine.

Nella dottrina francese, l'AMX-10RC deve essere utilizzato per la ricognizione armata, servendo ad accompagnare le forze avversarie sotto il fuoco delle linee difensive alleate, o per svolgere missioni di supporto a beneficio della fanteria.

Una volta assimilata la cosa da parte dell’esercito ucraino, potremmo aspettarci un comportamento molto migliore nei confronti dei veicoli corazzati francesi in questo scontro. Tuttavia è tutt’altro che ovvio…

La funzione di ricognizione armata di fronte ai droni e alla guerra di posizione: l’AMX-10RC ha il suo posto nel conflitto ucraino?

E per una buona ragione: le dinamiche del conflitto ucraino sono molto diverse da quelle immaginate dai militari francesi quando progettarono l'AMX-10RC. Innanzitutto, in questo conflitto la ricognizione, la funzione primaria dei veicoli corazzati, è interamente delegata ai droni.

AMC-10RC
La ricognizione armata ha ancora motivo di esistere su un campo di battaglia reso trasparente dall’uso massiccio dei droni?

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Carri armati da ricognizione leggeri e corazzati | Analisi della difesa | Conflitto russo-ucraino

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

14 Commenti

  1. Qualunque cosa si pensi dei veicoli corazzati come la Jaguar/10RC, la proporzione che occupano negli eserciti francesi rispetto ai carri armati (4 brigate equipaggiate con Jaguar e 2 con Leclerc) mi sembra del tutto inadatta alle nostre esigenze. Voglio dire, si è sempre pensato che gli elementi di ricognizione fossero meno numerosi dei corpi da battaglia, ma qui abbiamo 4 brigate leggere, di cui la GTIA sarebbe quindi incapace di condurre assalti, per 2 brigate pesanti, non importa. Che cosa.

  2. Un confronto tra le armature annunciate secondo stanag 4569 mostra:
    Livello di protezione balistica 4 per il VBCI (resiste a 7,62 mm), livello 5 (resiste a mitragliatrice da 12,7 mm) per la Jaguar o CV90, livello 6 per la Lynx (resiste a 14,5 mm).
    Se aggiungiamo che i veicoli su ruote difficilmente riescono a conciliare l'aggiunta di piastre corazzate aggiuntive e la mobilità su ruote, ci sono ancora alcune domande da porsi sulle nostre scelte e su dove dovrà andare il nostro esercito. Non sono affatto fiducioso sulle possibilità di sopravvivenza dei nostri equipaggi sui nostri veicoli nel teatro ucraino.
    Qual è il piano... Ne facciamo uno di nuovo? Dovremmo rinunciare a inviare veicoli di contatto in Ucraina? L'opzione 2 mi sembra la più logica. E non capisco l'idea di acquistare più VBCI per sostituire le Jaguar. È di gran lunga il meno protetto, quindi qual è l'idea? Abbandonare l'idea del supporto antincendio attraverso il fuoco diretto e disporre di un minimo di armatura per il trasporto della fanteria, abbandonando l'idea stessa della ricognizione armata?

    • La domanda è se la ricognizione armata abbia ancora senso in un mondo saturo di droni? Inoltre, VBCI 2 è Stanag 5, quindi uguale a Jaguar. (https://www.forcesoperations.com/amp/nexter-promeut-son-vbci-2-en-lituanie/)
      Infine, in termini di fuoco teso, un VBCI 2 ha la stessa potenza di fuoco del Jaguar, ma può contare su un gruppo di combattimento smontato.
      Confrontare il Lynx a 20 milioni di euro ciascuno e il VBCI 2,5 volte più economico è di scarso interesse.
      Per quanto riguarda l’Ucraina, sarebbe rilevante studiare le cause della distruzione degli IFV occidentali dal momento della loro spedizione. Ho l'impressione, con le dita bagnate, che sia dovuto principalmente a missili, razzi e munizioni in agguato, e molto poco al fuoco teso. In questo caso, è soprattutto l'aggiunta del Diamante, e non delle piastre corazzate, a fare la differenza. Ma, ancora una volta, ciò merita un’analisi metodica.

      • Buongiorno,
        Il VBCI 2 è dotato di missili anticarro come il Jaguar? Non credo, ed è comunque una differenza importante nell'ambito della tutela. Poi non sono un esperto ma suppongo che Akeron o un altro missile anticarro debbano poter essere integrati in questo veicolo. Se è fattibile, hai ragione, una VBCI2 è più interessante di una Jaguar. Ma questo dettaglio dei missili anticarro è ancora importante, credo.

  3. Grazie per la risposta, tuttavia ci sono alcune domande: se i veicoli da combattimento sfrontati non vengono distrutti dai cannoni da 25 mm, perché? Non sono abbastanza potenti, non sparano abbastanza lontano? L’altra domanda di fondo è: perché vogliamo un cannone da 40 mm? Se i nostri IFV non vengono distrutti da cannoni a fuoco rapido di piccolo calibro, perché dovremmo volerne di più grandi, a che servono? La lotta ai droni sembra accontentarsi dei piccoli calibri.

      • Ho guardato lo stanag 4569, andando alla fonte dello standard, il problema è un po' più complicato di quello che avevo capito a prima vista. La resistenza ai colpi tesi è intesa come la capacità di fermare un proiettile con una durezza definita ad una determinata distanza. Il proiettile può essere un proiettile o una munizione di piccolo calibro o una scheggia di grosso calibro. Nel caso di proiettile di grosso calibro si giudicherà la capacità di arresto schegge quando il proiettile stesso cade x metri dal serbatoio. Il test deve essere ripetuto più volte. Anche la posizione dell'equipaggio nel veicolo è quindi importante per giudicare l'armatura. Insomma, sarebbe necessaria un’analisi più approfondita per parlarne correttamente e discutere in modo intelligente di come forare le armature.

      • Serve un radar, l’elettroottica non basta. Inoltre, a memoria, l'elevazione del CT40 è di 45° max. Non è un'arma antiaerea, almeno sull'EBRC. Per quanto riguarda la torretta RapidFire, è stata semplicemente progettata per andare su una nave, che già dispone di radar, e non ha gli stessi vincoli di peso, mobilità, ecc. Partendo dal CT40 per realizzare una torretta corazzata SHORAD, sì. Ma non Fuoco Rapido. Per non parlare del fatto che è indispensabile aggiungere anche i MANPADS o missili più leggeri.

  4. L'AMX 10 RC è stato progettato e sviluppato con una prospettiva completamente diversa rispetto alle attuali condizioni di combattimento. Questa macchina faceva parte della FAR, Rapid Action Force. Questo progetto si basava sull'intervento della Francia in seconda posizione dietro il combattimento in prima linea delle altre forze NATO.
    La FAR è stata quindi progettata per poter intervenire molto rapidamente ma da accantonamenti in Francia.
    La priorità era la velocità di ingaggio con divisioni “800 km al giorno” quindi su ruote.
    La FAR era composta da una divisione di fanteria su VAB la 9° DIMA, la 27° Divisione Alpina, l'11° Divisione Paracadutisti, la 1° Divisione Aeromobile ed una 5° che non ricordo più. Non c'erano carri armati né cingoli: tutte le unità erano su ruote. Il FAR interveniva senza preposizionamento, era necessaria la ricognizione da un lato, e una rapida difesa anticarro dall'altro, questo era il ruolo dell'AMX10 RC e del suo cannone da 105 mm. si adattava molto bene anche alle azioni esterne della Francia, quindi l'abbiamo mantenuto addirittura obsoleto. Inoltre, si adattava allo spirito degli interventi all'estero: veloce, non pesante, con un cannone di buon calibro. La macchina si è rivelata ideale in Ciad, Mali, ecc. Infine, si è adattata al tropismo degli ufficiali francesi: “flessibile, felina e manovrabile”. E questo tropismo dura;
    Deve sottolineare che, anche nelle FAR, il suo utilizzo era già una contraddizione rispetto alle macchine utilizzate da tutti gli eserciti occidentali dove la ricognizione veniva effettuata con macchine più pesanti.
    C'è da temere che anche il Giaguaro, che corrisponde ad uno stato d'animo, sia totalmente fuori sincrono.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli