La Cina aumenta le esercitazioni navali e aeree intorno a Taiwan

Sono passati ormai diversi anni da quando il Partito Democratico Progressista è tornato al potere nel 2016 con l'elezione a Presidente della Repubblica di Taiwan di Tsai Ing-wen, strenuo oppositore dell'unificazione con la Repubblica popolare cinese, che le tensioni cessano di crescere tra Taipei e Pechino. Tensioni molto acuite dalla presidenza Trump, dalla politica di colpo di stato economico di quest'ultima contro la Cina e dall'aumento molto significativo delle vendite di armi a Taipei negli ultimi anni. Ma fino ad ora le manifestazioni di forza dell'Esercito popolare di liberazione erano rimaste misurate, e sempre...

Leggi l'articolo

Il cinese Shenyang annuncia lo sviluppo di una nuova generazione di cacciatori… di nuovo!

È attraverso una pubblicazione sulla sua pagina WeChat che il colosso aeronautico cinese Shenyang, che fa capo al consorzio AVIC e che ha sviluppato, tra l'altro, i caccia J-11, J-15 e J-16 equipaggiando l'aviazione e la marina cinese , ha annunciato di aver avviato la ricerca per sviluppare un caccia di nuova generazione, presentato come 5a generazione in Cina e conosciuto come 6a generazione in Occidente, la cui entrata in servizio è stimata nel 2035. Per motivi di comprensione, utilizzeremo nel resto dell'articolo la classificazione delle generazioni occidentali. In concomitanza, la società ha anche annunciato di aver avviato lo sviluppo di un caccia di 5a generazione a...

Leggi l'articolo

Taiwan, India: questa volta la Cina non gioca più

Le tensioni tra Pechino e i suoi vicini sono in aumento da diversi mesi. Ma questo fine settimana, la semantica del Partito Comunista Cinese si è notevolmente evoluta verso una minaccia diretta ai suoi vicini taiwanesi e indiani, con gli Stati Uniti in vista. Non è più questione di mantenere le apparenze ora, il presidente Xi Jinping ha invitato l'Esercito popolare di liberazione a essere pronto a compiere azioni di guerra. L'innesco di questa veemenza sembra essere stata la visita a Taipei del sottosegretario di Stato americano Keith Krach giovedì 17 settembre, la prima visita di un funzionario di questo grado all'isola dell'indipendenza da quando...

Leggi l'articolo

Pechino lancia esercitazioni su larga scala intorno a Taiwan per rispondere a Washington

Da diversi mesi assistiamo all'aumento delle tensioni tra Pechino e Washington su Taiwan. Finora si trattava principalmente di provocazioni e repliche, con una buona dose di atteggiamenti più che di azioni militari. Ma la visita del Sottosegretario di Stato americano Keith Krach a Taipei venerdì sembra aver innescato un diverso tipo di risposta da parte della Cina. Oltre all'organizzazione di molteplici esercitazioni, incluso il fuoco vivo in tutta l'isola indipendente da parte delle forze navali e aeree dell'Esercito popolare di liberazione, Pechino sta ora minacciando direttamente un intervento militare contro l'isola se Washington dovesse...

Leggi l'articolo

La Cina intensifica le dimostrazioni di forza contro gli Stati Uniti

Dire che le tensioni tra Pechino e Washington sul Mar Cinese e Taiwan stanno crescendo sarebbe un vero eufemismo, poiché i due protagonisti stanno intensificando azioni volte a mostrare la loro rispettiva intransigenza, nonché la loro determinazione ad andare, se necessario, all'estremo .al conflitto armato. E la visita del segretario alla Salute americano, Alex Azar, a Taipei, ha fortemente contribuito ad aumentare questa pericolosa spirale, provocando una reazione molto veemente da parte di Pechino. Annunciata alla fine della scorsa settimana senza conferme ufficiali, la visita “a sorpresa” del Segretario alla Salute americano, Alex Azar, nell'isola di Taiwan, è davvero un...

Leggi l'articolo

La Cina risponde alle "provocazioni" americane nel Mar Cinese

Mentre la Marina degli Stati Uniti continua a condurre esercitazioni dentro e intorno al Mar Cinese Meridionale, l'Esercito popolare di liberazione sta rispondendo conducendo esercitazioni di artiglieria navale nella stessa area, oltre a schierare aerei da combattimento sulle basi artificiali costruite sugli isolotti e sugli scogli del Paracelle. Se, per il momento, le due forze armate si evitano e riescono a evitare l'escalation, il confronto tra Pechino e Washington continua ad intensificarsi in quest'area, che è diventata uno degli hotspot geostrategici del pianeta. In risposta alle esercitazioni condotte nel Mar Cinese dai gruppi di portaerei della portaerei nucleare USS Nimitz e...

Leggi l'articolo

La stampa di stato cinese parla di "possibile lotta" intorno all'isola di Taiwan

Il sito web statale cinese GlobalTimes.cn ha pubblicato oggi un articolo che riporta un gran numero di esercitazioni aeree dell'Esercito popolare di liberazione nell'isola di Taiwan. L'argomentazione avanzata nell'articolo, citando “esperti” consultati sull'argomento, si basa sull'anticipazione di una lotta per l'isola. Infatti, dalla fine di gennaio, e nonostante la crisi legata alla Pandemia del Coronavirus Covid-19, dal 4 l'aviazione cinese ha effettuato ben 1947 esercitazioni aeree intorno all'isola indipendente. Le esercitazioni coinvolgono bombardieri a lungo raggio H- 6 aerei, velivoli di allerta precoce KJ-500 e intercettori...

Leggi l'articolo

L'industria della difesa cinese ha chiuso a seguito dell'epidemia di coronavirus

Al di là degli aspetti sanitari, le epidemie sono storicamente riconosciute per il loro innegabile impatto economico. Se le stesse contaminazioni mettono fuori combattimento i lavoratori fino a quando non sono guariti (nel migliore dei casi), i sistemi di quarantena più o meno generalizzati contribuiscono ancora di più le aziende a rallentare o interrompere temporaneamente la loro attività. Oggi, in Cina, il settore della difesa non è certo risparmiato da questo fenomeno causato dalla recente epidemia di coronavirus, la cui evoluzione sembra ancora a dir poco incerta. La stampa francese non ha mancato di riportare la chiusura della catena di montaggio –civile– dell'Airbus a Tianjin, vicino a Pechino. Egli…

Leggi l'articolo

Aerei da caccia cinesi moderni

Alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, le forze aeree cinesi erano dotate per la maggior parte di velivoli di fabbricazione locale con prestazioni molto inferiori a quelle dei velivoli occidentali come l'F15, F16, F18 o Mirage 2000, oppure Sovietici come il Mig 29 o il Su27. L'industria cinese poteva quindi produrre solo dispositivi che fossero almeno una generazione indietro rispetto allo standard tecnologico del momento. Nell'arco di una generazione sono entrati in uso velivoli di fabbricazione cinese con prestazioni paragonabili ai più moderni velivoli in servizio nelle forze aeree americane o europee.

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE