Il Giappone sviluppa il proprio cannone elettrico per completare la sua difesa antimissilistica

La tecnologia dei cannoni elettrici, o cannoni ferroviari, è stata favorita da molti membri del personale alcuni anni fa, specialmente negli Stati Uniti, dove la Marina degli Stati Uniti aveva investito diverse centinaia di milioni di dollari per sviluppare il proprio modello. Ma ultimamente, e soprattutto da quando il Pentagono ha abbandonato il programma, che dava priorità alle armi a energia diretta come laser ad alta energia e cannoni a microonde, il brusio su questo argomento sembra essersi attenuato. Anche il programma cinese, che aveva fatto notizia tre anni fa quando un Rail Gun è stato osservato su una nave da trasporto...

Leggi l'articolo

Il Giappone vuole "opzioni" di fronte alle nuove capacità balistiche nordcoreane

Fino a poco tempo, Tokyo faceva pieno affidamento sul suo scudo antimissilistico, e in particolare sui suoi 8 cacciatorpediniere pesanti AEGIS delle classi Kongo, Atago e Maya, per neutralizzare la minaccia balistica proveniente dalla Corea del Nord. Ma le prestazioni dimostrate in questi mesi dalla tecnologia di Pyongyang, che si tratti di missili semibalistici a traiettoria in grado di muoversi sotto il pavimento di sistemi antibalistici, o di nuovi sistemi dotati di alianti ipersonici, ha ampiamente minato queste certezze, al punto da portare le autorità giapponesi a considerare opzioni che fino ad ora non erano state nemmeno immaginate. Il 23 ottobre, dopo l'ultimo test missilistico tattico...

Leggi l'articolo

Droni militari ed etica: vero dibattito o finzione?

Da quando sono entrati in servizio una ventina di anni fa, i droni hanno fatto regolarmente notizia, in particolare in un'area in cui lo sviluppo dei sistemi di combattimento è poco previsto, ovvero l'etica. Alimentati da una cultura popolare ricca di riferimenti cinematografici e letterari, molti personaggi politici, ma anche scienziati, soldati e filosofi, hanno colto il dibattito nel tentativo di comprendere e controllare l'evoluzione di questi nuovi sistemi e prevenire la comparsa del famoso " robot assassini". Questo dibattito, sullo sfondo di valori etici ma anche di paure molto reali del combattimento in fuga automatizzato, ha basi e obiettivi...

Leggi l'articolo

Per proteggere Taiwan, gli Stati Uniti possono contare sull'alleato giapponese?

Il Giappone è oggi indiscutibilmente uno degli alleati più fedeli degli Stati Uniti nel Pacifico, e le forze americane mantengono stabilmente nell'arcipelago giapponese circa 50.000 uomini, tra cui la 7a flotta con base a Yokosuka, la 3a forza di spedizione dei Marines sull'isola di Okinawa e 130 aerei da combattimento della US Air Force nelle basi aeree di Misawa e Kadena. Il governo giapponese partecipa ai costi del dispiegamento americano, pagando ogni anno più di 4 miliardi di dollari al tesoro degli Stati Uniti per questo scopo. Tuttavia, in caso di conflitto tra Stati Uniti e Cina, ad esempio per un attacco cinese a...

Leggi l'articolo

Il Giappone costruirà 2 ulteriori cacciatorpediniere Aegis per la difesa missilistica

In una conferenza stampa mercoledì, il ministro della Difesa giapponese Nobuo Kishi ha annunciato che il governo si è espresso a favore della costruzione di due nuovi cacciatorpediniere AEGIS per sostituire le difese antimissilistiche del programma.AEGIS ASHORE che le autorità giapponesi hanno deciso di annullare dopo che i rapporti di esperti hanno dimostrato che il fuoco dei missili provocherebbe la caduta di elementi aerei sulle aree abitate. Dopo aver considerato diverse opzioni, tra cui quella di spostare il sistema a terra, trasferendolo su una piattaforma navale e persino su una nave commerciale riciclata per fungere da supporto, è finalmente verso il...

Leggi l'articolo

Le portaerei sono ora troppo vulnerabili per essere utili?

Dall'annuncio da parte del Presidente della Repubblica del lancio del programma Portaerei di nuova generazione francese, molte voci si sono levate per mettere in dubbio la rilevanza di un tale investimento, in particolare di fronte alla minaccia rappresentata, ormai, dal lungo raggio missili antinave ipersonici, come il russo 3M22 Tzirkon o il cinese DF26. Secondo loro, e secondo altri, in particolare negli Stati Uniti, tali colossi dei mari sono facilmente individuabili e quindi costituiscono i primi bersagli per i nuovi missili antinave nemici. Tuttavia, un'analisi fattuale e obiettiva delle capacità offerte dalle portaerei, nonché della realtà di ...

Leggi l'articolo

La US Navy distrugge il missile intercontinentale con il missile SM3 dal sistema AEGIS

Questo lunedì, 16 novembre, la Marina degli Stati Uniti è riuscita, utilizzando un missile antibalistico SM3-IIA, ad intercettare e distruggere un missile balistico con la traiettoria di un ICBM, un missile intercontinentale. Il test si è svolto nel Pacifico vicino alle Hawaii e ha coinvolto il cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke John Finn, che, utilizzando il suo sistema Aegis Baseline 9, ha rilevato il missile balistico bersaglio lanciato dal Centro sperimentale Ronald Reagan sull'atollo di Kwajalein, quindi lo ha distrutto con un missile SM3-IIA appena lanciato. Questa dimostrazione è un vero successo, sia per la US Navy che per Raytheon, designer e...

Leggi l'articolo

Il Giappone è costretto a interpretare la costituzione per rafforzare le capacità militari contro la Cina e la Corea del Nord

Ereditato dall'occupazione americana in seguito alla sconfitta dell'Impero del Giappone durante la seconda guerra mondiale, la costituzione giapponese vieta al paese di avere una forza militare, nonché armamenti che potrebbero colpire altri paesi. Se le ragioni che portarono il generale McArthur a disegnare una simile costituzione ebbero una certa legittimità alla fine della guerra (a parte l'urgenza della necessità e la mancanza di esperienza dei diplomatici americani in materia), persero ben presto il loro peso con il inizio della Guerra Fredda e l'intensificarsi delle tensioni tra i campi occidentali di cui faceva parte il Giappone, come la Germania federale, e il...

Leggi l'articolo

Difesa antimissile: il Giappone annulla l'acquisto di due sistemi Aegis a terra

Nel dicembre 2017, il Giappone ha approvato la costruzione di due siti di difesa antimissilistica Aegis Ashore per contrastare la minaccia balistica proveniente dalla Corea del Nord, ma anche dalla Cina. Particolarmente strategici per la politica di deterrenza giapponese, questi due sistemi Aegis Ashore dovevano consentire di coprire l'intero territorio giapponese grazie ai missili SM-3 Block IIA a lunghissimo raggio. La scorsa settimana, tuttavia, il Giappone ha annunciato di voler abbandonare questa acquisizione. L'argomento addotto è il rischio rappresentato dal primo stadio (booster) del missile SM-3, che potrebbe cadere su un'area popolata in determinate configurazioni di tiro. Modifica i missili per evitare tali...

Leggi l'articolo

Covid-19: Thailandia e Corea del Sud per ridurre in modo significativo i budget della difesa

Non sorprende nessuno: molti Paesi dovranno ridurre le proprie spese per la difesa nei prossimi mesi. Da un lato, le conseguenze economiche della crisi non permetteranno di mantenere lo stesso livello di investimenti. D'altra parte, l'opinione pubblica in molti paesi chiederà che gli investimenti militari siano particolarmente utilizzati durante la ricostruzione economica, in particolare per i paesi che sono abituati a importare le loro armi. Essendo l'Asia il primo continente colpito dalla pandemia, è logico trovarvi i primi annunci in questa direzione. Come abbiamo già accennato, la Thailandia ha confermato di voler ridurre drasticamente...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE