Tra missili e munizioni erranti, l'israeliano Rafael presenta il suo nuovo Spike NLOS con una gittata di 50 km

Alla fine della Guerra Fredda, il mercato occidentale dei missili anticarro era nelle mani degli Stati Uniti con il TOW della Hughes Aircraft e l'arrivo del missile Hellfire della Lokheed-Martin, e dall'Europa con l'HOT e lo stesso effettiva fanteria MILANO sviluppata da Euromissiles. Ma con la fine della minaccia sovietica, americani ed europei hanno abbassato notevolmente i loro investimenti in quest'area, aprendo la strada all'emergere di altri attori del pianeta.

Leggi l'articolo

Il sistema di protezione attiva Israel Trophy dimostra il suo valore sul Leopard 2s tedesco

Lo scorso febbraio, Berlino ha annunciato di aver ordinato al sistema di protezione attiva Trophy dall'israeliano Rafael di equipaggiare l'equivalente di una compagnia di carri armati Leopard 2A7. Questo sistema Hard-Kill, che equipaggia in particolare i carri armati Merkava e i veicoli da combattimento della fanteria Namer, aveva già ampiamente dimostrato la sua efficacia operativa durante gli scontri israeliani in Medio Oriente dal 2011, mostrando un'eccezionale capacità di intercettare razzi e missili anticarro contro i carri armati israeliani . Questo sistema è stato meticolosamente testato anche dall'esercito americano, che ha deciso di equipaggiarne parte dei suoi carri armati pesanti M1A2 Abrams come soluzione provvisoria, in...

Leggi l'articolo

L'esercito americano preferisce Dynetics all'Iron Dome di Israele per la difesa aerea ravvicinata

Dopo le dimostrazioni di forza ed efficienza fatte dai sistemi Iron Dome per proteggere le città israeliane dai razzi di Hamas in questi mesi, si potrebbe ragionevolmente pensare che l'offerta congiunta di Rafael e Raytheon sarebbe stata preferita dall'esercito americano a quella dell'americana Dynetics per fornire una stretta protezione antiaerea dei siti dell'esercito americano come parte del programma Indirect Fire Protection Capacity, o IFPC. Tuttavia, è l'Enduring Shield di quest'ultimo, che utilizza il costoso missile AIM-9X Sidewinder a $ 0,5 milioni per unità, che è stato scelto a scapito dell'Iron Dome e del suo missile Tamir a $ 190.000. $,...

Leggi l'articolo

Il British Char Challenger 3 (anche) sarà protetto dal sistema Israeli Trophy

Sapevamo che Londra stava progettando di equipaggiare il suo futuro carro Challenger 3, un retrofit del Challenger 2 attualmente in servizio per compensare difetti e obsolescenza e per rendere possibile il collegamento con una possibile sostituzione dal 2035, con un sistema di protezione Hard -Kill per aumentare la sua protezione contro missili anticarro e razzi. Il Ministero della Difesa britannico ha appena confermato che per questo era stato selezionato il sistema di protezione attiva Trophy dell'israeliano Rafael, in questo caso nella sua versione più leggera Trophy MV/VPS. L'esercito britannico sarà quindi il 3° esercito NATO a scegliere il sistema di autoprotezione israeliano,...

Leggi l'articolo

L'esercito americano metterà alla prova l'Iron Dome per proteggere la sua infrastruttura vulnerabile

Una delle principali lezioni della guerra che ha contrapposto le forze azere contro le forze armene nel Nagorno-Karabakh nel 2020 è stata la grande vulnerabilità dei siti di supporto delle forze, come aree logistiche, posti di comando e fortificazioni, di fronte ai moderni sistemi di artiglieria accoppiati con droni da ricognizione. E se le difese antiaeree armene sono riuscite a tenere a distanza i combattenti azeri, sono rimasti in gran parte inattivi di fronte ai piccoli droni da ricognizione che dirigevano il fuoco dell'artiglieria nemica. Al di là di questo esempio, l'aumento della portata e della precisione dei sistemi di artiglieria moderni e futuri, siano essi artiglieria...

Leggi l'articolo

La Germania sceglie il sistema di protezione israeliano TROPHY per le uccisioni pesanti per il suo Leopard 2

Le autorità tedesche hanno deciso di seguire le orme dell'esercito americano scegliendo di acquisire il sistema di protezione Hard-Kill TROPHY, progettato e prodotto dall'israeliano Rafael, per proteggere i suoi carri armati Leopard 2 in prima linea, e questo in tempi relativamente brevi tempo da quando l'obiettivo annunciato è quello di avere una compagnia di carri armati equipaggiata con questo dispositivo entro il 2023, per entrare a far parte della Very High Readiness Joint Task Force (VJTF) della NATO. L'annuncio è stato dato direttamente dal ministero della Difesa israeliano e l'appalto sarà aggiudicato con una procedura da governo a governo. Questo contratto non riguarda l'equipaggiamento...

Leggi l'articolo

Esche rimorchiate X-GUARD, missili METEOR e SCALP: i Rafale presto consegnati in India saranno pesantemente armati

Pochi giorni fa abbiamo discusso della situazione molto tesa tra India e Cina nella regione del Ladakh e di come questa crisi stesse spingendo l'aeronautica indiana ad accelerare le consegne di Rafale, aumentando al contempo il suo personale di MiG russi e Sukhoi. Sulla base di ben informate fonti indiane, è ora possibile comprendere l'entità degli sforzi compiuti dalla Francia per fornire il più rapidamente possibile una prima capacità operativa per il Rafale DH, la variante biposto del Rafale indiano. Nel 2015, dopo anni di esitazioni e trattative infruttuose, l'India ha deciso di acquistare...

Leggi l'articolo

Israele acquisisce munizioni vaganti FireFly per supportare forze speciali e fanteria

Il Ministero della Difesa israeliano ha emesso un ordine per un numero sconosciuto di armi vaganti di tipo Spike FireFly, ottimizzate per il combattimento ravvicinato. Particolarmente leggera, la FireFly avrà la possibilità di essere utilizzata sia per l'attacco di precisione che per la ricognizione, combinando le funzioni di munizioni erranti e drone leggero a seconda del carico utile a bordo. Nessuno quindi che questo uso misto rafforzerà solo la confusione tra droni e munizioni vaganti, queste ultime spesso descritte come droni suicidi o droni kamikaze. Tuttavia, se le moderne munizioni vagabonde devono...

Leggi l'articolo

Il combattente leggero indiano Tejas dovrebbe finalmente essere pienamente operativo quest'anno

Era tempo ! Il caccia leggero indiano Tejas Mark 1 ha effettuato ieri il suo primo volo in una configurazione completamente operativa, o FOC (Final Operational Clearance). Lanciato negli anni '1980, il programma Light Combat Aircraft (LCA) doveva creare un aereo da combattimento leggero, versatile ed economico per sostituire rapidamente i vecchi MiG-21 dell'aeronautica indiana. A distanza di oltre 35 anni, l'LCA Tejas è ancora molto lontana dal mantenere le sue promesse. La colpa è dello sviluppo caotico e della cattiva gestione del programma da parte del produttore nazionale di aeromobili HAL, che non riesce a tenere il passo con le tariffe pianificate o il...

Leggi l'articolo

Il dispositivo laser israeliano Drone Dome meno rivoluzionario di quanto sembri

All'inizio di gennaio le autorità militari israeliane avevano pubblicato sui social network un video che mostrava un dispositivo di protezione antiaerea e antimissilistico basato su energia laser che prefigurava un notevole salto tecnologico. Ma il video pubblicato ieri da Rafael riguardante il suo sistema chiamato "Drone Dome", suggerisce prestazioni molto meno spettacolari, e un uso tattico più limitato. Allora, la montagna ha partorito un topo? Il video presentato ieri da Rafael, una delle principali compagnie di difesa israeliane, mostra un dispositivo di rilevamento, tracciamento e ingaggio per droni leggeri a bordo di un veicolo blindato e che utilizza un raggio laser per distruggere i suoi bersagli....

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE