Riappare la pista indonesiana per Dassault Rafale

Più volte annunciato come vicino, sembra che un primo ordine di aerei da combattimento Rafale sia sulla buona strada prima della fine dell'anno in Indonesia. In ogni caso, questo è ciò che risale alle indagini svolte dal giornalista specializzato in Difesa Michel Cabirol del sito economico La Tribune, e che potrebbero svolgersi anche prima della fine dell'anno 2021. Non sarebbe, questa volta , un ordine importante per una quarantina di aerei come accennato in precedenza, Jakarta semplicemente non disponendo delle risorse per finanziare un tale programma. Rimarrebbero invece sul budget 2021 risorse dell'ordine di 600 milioni di dollari in...

Leggi l'articolo

L'industria aeronautica francese può riprendersi dal successo dell'F-35 in Europa?

Alla fine della scorsa settimana, e come anticipato, le autorità finlandesi hanno annunciato di aver scelto il caccia americano F-35A per succedere agli F-18 all'interno della propria forza aerea, al termine della competizione HX che ha visto ancora una volta il caccia americano agli altri modelli occidentali, F/A 18 E/F Super Hornet, Gripen, Rafale e Typhoon. Come in Svizzera, le conclusioni presentate dalle autorità finlandesi sono definitive, l'F-35 appare superiore agli altri concorrenti in tutti i settori, anche in quello della sostenibilità di bilancio. E come in Svizzera, ora si levano molte voci per restaurare...

Leggi l'articolo

L'ordine di Rafale dagli Emirati Arabi Uniti potrebbe portare a nuovi contratti a breve termine

L'ordine di 80 velivoli Rafale firmato venerdì scorso dagli Emirati Arabi Uniti ha profondamente sconvolto le dinamiche industriali attorno ai velivoli da combattimento francesi, assicurando la sostenibilità e la produzione della catena di montaggio nei prossimi dieci anni, e mettendo in vendita il Rafale e l'F35 su un piano di parità, Abu Dhabi ha confermato di essere ancora determinato ad acquisire i 50 aerei da combattimento americani dalla Lockheed-Martin per evolversi insieme al nuovo velivolo francese. Ma questo ordine mette anche sotto pressione diversi partner francesi, che avevano manifestato una potenziale intenzione di ordinare il dispositivo, quindi...

Leggi l'articolo

Industria, lavoro, geopolitica e tecnologia: i punti chiave del contratto Rafale negli Emirati Arabi Uniti

L'annuncio dell'ordine eccezionale di 80 caccia Rafale da parte degli Emirati Arabi Uniti è stato accolto in Francia in maniera contrastante. Come ormai è diventata la regola ad ogni annuncio di un importante contratto di difesa, un numero significativo di leader politici, ma anche ONG, giornalisti e redattori hanno messo in dubbio la rilevanza di questo contratto. È vero che non sempre vengono avanzate le stesse argomentazioni. Pertanto, nel caso della Grecia o della Croazia, le riserve avanzate riguardavano le capacità di pagamento del paese, ma anche l'impatto sulla flotta di...

Leggi l'articolo

Perché lo standard Rafale F4 sta riscuotendo un tale successo internazionale?

Con l'annuncio dell'ordine fermo di 80 velivoli da combattimento da parte degli Emirati Arabi Uniti, il Rafale è diventato, con 242 velivoli ordinati per l'esportazione da 6 forze aeree, il più grande successo commerciale internazionale della sua generazione, nettamente surclassando altri velivoli della stessa categoria come l'Eurofighter Typhoon, il Super Hornet o il Su-35, e aerei ancora più leggeri della stessa generazione come lo svedese Gripen o l'americano F-16 Block 70/72+ Viper. Al mondo, solo il Lockheed-Martin F-35, che gode del costante supporto strategico di Washington e di un budget di ricerca e sviluppo 12 volte superiore a quello dell'aereo...

Leggi l'articolo

Gli Emirati Arabi Uniti ordinano 80 Rafale F4 dalla Francia per 16 miliardi di euro

Se durante la vorticosa visita di Emmanuel Macron nei paesi del Golfo dal 2 al 4 dicembre era previsto un ordine per un aereo Rafale, pochissimi speravano che raggiungesse un tale volume! Infatti, il presidente francese e il suo omologo degli Emirati, il principe ereditario Sheikh Mohammed Bin Zayed Al-Nahyan, comunemente noto come MBZ, hanno firmato questa mattina due contratti per un importo record di 16 miliardi di euro relativi in ​​primo luogo all'acquisizione di 80 velivoli Rafale secondo lo standard F4 per 14 miliardi di euro, inclusi gli aeromobili ma anche le infrastrutture di manutenzione, i pezzi di ricambio e la formazione del personale, oltre a un contratto da 2 miliardi di euro con...

Leggi l'articolo

Quali sono i punti di forza e di debolezza dell'industria della difesa francese?

L'industria della difesa francese è ora riconosciuta a livello internazionale come una delle più efficienti e complete del pianeta. Dai sottomarini a propulsione nucleare agli aerei da combattimento, passando per satelliti da ricognizione, veicoli corazzati e missili, le maggiori compagnie di difesa francesi sono presenti in tutte le nicchie, e come tali rivendicano il 3° rango dei paesi esportatori di tecnologia della difesa dopo Stati Uniti e Russia, ma davanti a Cina, Germania e Gran Bretagna. Rappresenta, in quanto tale, non solo il pilastro dell'autonomia strategica francese, ma una delle principali industrie di esportazione del...

Leggi l'articolo

SCAF, MGCS… Arriverà troppo tardi il nuovo equipaggiamento militare europeo?

In un'intervista rilasciata al sito lesecho.fr, Franck Haun, CEO del gruppo KNDS che riunisce il tedesco Krauss Maffei Wegman e il francese Nexter, ha invitato i governi francese e tedesco ad accelerare il Main Ground Combat System o programma MGCS , che secondo lui, allo stato attuale delle cose, non dovrebbe arrivare ad una consegna prima del 2040 e nemmeno del 2045. Se le considerazioni di Franck Haun sono soprattutto industriali, invitando in particolare ad allargare il programma sulla scena europea, resta il fatto non meno vero di un'analisi oggettiva dei palinsesti dei programmi in corso, MGCS come SCAF, il programma degli aerei da combattimento...

Leggi l'articolo

Quali conseguenze per la Francia se i programmi SCAF e Tempest si fondessero?

Dopo il suo omologo tedesco tenente generale Ingo Gerhartz, tocca al generale Luca Goretti, Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare Italiana, dichiarare che, secondo lui, i programmi europei di velivoli da combattimento di 6a generazione SCAF (for Future Combat Air System) che riunisce Germania, Spagna e Francia, e FCAS (che sta per Future Combat Air System, lo stesso acronimo) che riunisce Gran Bretagna, Italia e Svezia, dovrebbero fondersi in un futuro più o meno prossimo. Secondo il generale italiano, viste le questioni industriali e di bilancio, e la vicinanza di programmi, attori industriali e paesi,...

Leggi l'articolo

Il Rafale sarebbe vicino a sedurre gli Emirati Arabi Uniti

Il Rafale negli Emirati Arabi Uniti è una storia lunga... Da più di 10 anni a questa parte, l'ipotesi di un ordine imminente per l'aereo francese da parte di Abu Dhabi non ha smesso di emergere, per poi sprofondare altrettanto rapidamente nella 'svista . Può darsi, tuttavia, che questa doccia scozzese finisca nelle prossime settimane. Secondo il sito economico francese Challenges.fr, infatti, un ordine per 60 Rafale sarebbe prossimo alla conclusione con gli Emirati Arabi Uniti, e potrebbe anche essere ufficializzato durante la visita del Capo dello Stato, Emmanuel Macron, nel persiano Golfo dal 2 al 4 dicembre. Né il Ministero delle Forze Armate, né...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE