DARPA lancia il programma Ekranoplan Liberty Lifter per il sollevamento strategico

Tra i più importanti successi americani della seconda guerra mondiale in campo industriale, è comune riferirsi ad aerei da combattimento come il P-51 Mustang o l'F-6F Hellcat, al carro Sherman o alle portaerei della Wasp classe. Tuttavia, il materiale che senza dubbio giocò il ruolo più decisivo nella sconfitta della Germania nazista e del Giappone imperiale fu la Liberty Ship, un modello di mercantile lungo 135 metri e 10.000 tonnellate di dislocamento, prodotto in 2,710 esemplari, e che trasportò l'intera guerra americana e alleata sforzo in Africa, Europa e...

Leggi l'articolo

Il Pentagono si affida più che mai alla DARPA per i suoi programmi ipersonici

Se negli anni '90, 2000 e 2010 gli Stati Uniti avevano programmi di ricerca in campo ipersonico, come l'X-51 Waverider, l'argomento era considerato di minore importanza dal Pentagono, e beneficiava solo di crediti limitati e soprattutto di nessun programma applicativo da seguire. Ma quando nel marzo 2018 Vladimir Putin ha annunciato l'entrata in servizio del missile ipersonico aviotrasportato Kinzhal, ma lungi dal rappresentare una notevole svolta scientifica nel campo, le cose sono cambiate radicalmente a Washington e lo sviluppo dei sistemi ipersonici è diventato molto rapidamente una questione strategica per le forze armate americane. L'entrata in servizio del cinese DF-17, il prossimo arrivo...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti annunciano la fine dei test dei propri sistemi antisatellite

Il 15 novembre 2021, la Russia ha distrutto il satellite Kosmos-1408 utilizzando un missile anti-satellite, provocando il rilascio di quasi 1500 detriti in un'orbita trafficata, anche dalla Stazione Spaziale Internazionale. Dagli anni '60, non meno di una dozzina di test riusciti sono stati effettuati da Stati Uniti, Unione Sovietica/Russia, Cina e India in questo campo, creando più di 6500 frammenti di detriti spaziali di cui 4500 sono ancora in orbita, minacciando costellazioni di satelliti sia civili che militari. Per Kamala Harris, vicepresidente americana, era ora necessario porre fine a questa escalation, tra cui,...

Leggi l'articolo

Decolla il programma Pele Transportable Nuclear Reactor del Pentagono

Ogni giorno il Pentagono consuma 50 milioni di litri di carburante per le sue forze armate, cifra che potrebbe più che raddoppiare in caso di uno scontro importante. Oltre ai costi esorbitanti che tale consumo rappresenta anche per un Paese produttore di petrolio come gli Stati Uniti, e all'impatto sempre più problematico per i circa 100 milioni di kg di CO2 immessi nell'atmosfera ogni giorno, questa dipendenza costituisce anche un mal di testa logistico permanente per le forze americane schierate fuori dal territorio, anche se la guerra in Ucraina ha dimostrato l'immensa vulnerabilità delle catene logistiche di fronte ai moderni sistemi d'arma e alla fanteria...

Leggi l'articolo

La DARPA ha testato con successo un secondo modello di missile da crociera ipersonico

Quando nel marzo 2018 Vladimir Putin annunciò che il missile balistico ipersonico aviotrasportato Kinzhal sarebbe presto entrato in servizio, tutte le forze armate occidentali compresero che questa nuova tecnologia sarebbe diventata rapidamente un imperativo operativo e che in quest'area l'avevano lasciata alla Russia, ma anche alla Cina, che l'anno successivo presentò il proprio missile ipersonico DF17, un progresso decisamente troppo grande. Se gli europei, come al solito, hanno reagito con la velocità di un cetriolo di mare, i giapponesi, gli australiani, i sudcoreani e soprattutto gli Stati Uniti hanno reagito con rapidità e determinazione, attuando rapidamente programmi volti ad acquisirne il maggior numero rapidamente possibile di questo tipo di armamento. lun...

Leggi l'articolo

DARPA riesce a recuperare in volo il drone X-61A Gremlins

I droni lanciati dall'aria offrono molti vantaggi dal punto di vista operativo, in particolare quello di poter essere schierati a lunghe distanze grazie ad un aeromobile vettore, e di dover utilizzare il proprio carburante solo una volta sganciati, per non dover consumalo solo una volta sopra o vicino all'obiettivo. L'autonomia in volo dei droni viene così notevolmente aumentata, rafforzandone l'efficienza operativa. Ma questo approccio soffre di un notevole punto debole, poiché una volta rilasciato, le possibilità di riuscire a recuperare il drone una volta terminata la sua missione sono tanto più scarse in quanto interviene lontano dalle basi alleate....

Leggi l'articolo

US Air Force investe nella produzione di carburante per aerei da CO2 atmosferica

Se la nuova dottrina Joint All-Domain Command and Control avanzata dalle forze armate americane fornisce numerose risposte al moltiplicarsi delle minacce, induce anche, come abbiamo più volte discusso, una notevole complessità della filiera delle forze schierate in unità più piccole e disperse. In quest'area sono emersi due problemi particolarmente importanti, in particolare durante la campagna in Afghanistan che, in un certo senso, prefigurava i vincoli logistici che le forze americane dovranno affrontare, ovvero l'acqua potabile e il carburante, rappresentando tra loro più del 50% della massa trasportato giornalmente per…

Leggi l'articolo

Il missile da crociera ipersonico HAWC della DARPA ha completato con successo il suo volo inaugurale

Nel campo delle armi ipersoniche si fronteggiano 3 principali famiglie di propulsione: gli alianti ipersonici che vengono azionati da missili balistici prima di essere lanciati ad altissima quota e ad alta velocità, e che riescono a mantenere la loro velocità ipersonica sfruttando la gravità; missili balistici o semi-balistici che utilizzano una propulsione del tipo a motore a razzo che trasportano simultaneamente carburante e ossidante per produrre spinta; e i cosiddetti sistemi aerobici che impiegano un nuovo tipo di motore, lo Scramjet, che, come un motore a reazione, utilizza l'ossigeno atmosferico come ossidante per produrre spinta. Ovviamente quest'ultimo...

Leggi l'articolo

BAe svilupperà il controllo del flusso aerodinamico attivo per DARPA

Dal Wright Flyer, che ha pilotato per la prima volta un aeroplano a Kitty Hawk nel 1903, ai recentissimi F-35 e Su-57, tutti i velivoli oggi sono diretti e controllati utilizzando superfici di controllo aerodinamiche, che alterano il flusso e la direzione del flusso d'aria per creare o degradare la portanza e le forze risultanti. Sebbene la tecnologia e la comprensione dell'aerodinamica si siano evolute considerevolmente negli ultimi 118 anni, l'uso di queste superfici di controllo continua a complicare la progettazione e la manutenzione degli aeromobili e offre poche possibilità di adattarsi alle nuove esigenze...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE