Lezioni dalla guerra in Ucraina: la vulnerabilità dell'armatura in prima linea

Secondo il sito di Oryx, che fa riferimento alle perdite documentate da entrambe le parti dall'inizio del conflitto, gli eserciti russi hanno finora perso più di 550 carri armati pesanti, di cui più della metà sono stati distrutti da missili anticarro, colpi di artiglieria o dai carri armati nemici. La situazione è sostanzialmente la stessa per i veicoli corazzati da combattimento (350 di cui 150 distrutti) e per i veicoli da combattimento di fanteria (600 di cui 350 distrutti), che rappresentano la metà di tutti i veicoli corazzati in prima linea schierati dalla Russia in Ucraina prima dell'inizio dei combattimenti. Fatto,…

Leggi l'articolo

In che modo la guerra in Ucraina trasformerà la pianificazione strategica in Europa?

Solo 3 settimane fa, pochissimi in Occidente credevano che la Russia avrebbe davvero intrapreso una guerra globale di aggressione contro l'Ucraina. Per molti, il dispiegamento delle forze russe intorno all'Ucraina aveva lo scopo di far piegare il presidente Zelensky sulla sua appartenenza alla NATO e sullo status delle repubbliche separatiste del Donbass. Per i più informati, come lo Stato maggiore degli eserciti francesi, e come abbiamo discusso in un articolo del 23 febbraio, i rischi militari e politici associati a tale offensiva non superavano i potenziali benefici, sicché tale decisione appariva irrazionale e quindi poco...

Leggi l'articolo

Le 5 armi occidentali Le forze ucraine hanno bisogno di più oggi

Da 12 giorni a questa parte, le Forze armate e la Difesa territoriale ucraine sono riuscite a resistere all'offensiva russa, nonostante un evidente inasprimento delle regole di ingaggio dell'avversario, quando è ovvio che non avrà alcuna possibilità di una rapida vittoria o di conquista il sostegno o addirittura la neutralità della stragrande maggioranza della popolazione ucraina. Iniziate prima del conflitto dagli Stati Uniti e da alcuni paesi europei, le consegne di armi alle forze ucraine svolgono ora un ruolo decisivo nella loro capacità di mantenere la pressione sulle unità che prendono parte all'offensiva russa, colpendo efficacemente i convogli di rifornimenti e bloccando alcune offensive, in…

Leggi l'articolo

Maggiori dettagli sul futuro elicottero da combattimento European Tiger III

Sebbene non sia ancora noto se Berlino sceglierà di preservare e sviluppare la sua flotta di elicotteri da combattimento Tiger, o di dotarsi di Apache AH-64 americani, Airbus Helicopters ha dettagliato i miglioramenti previsti sul futuro standard Tiger III, che dovrebbe consentire al velivolo di rimanere in servizio fino al 2035 e l'arrivo di un eventuale nuovo elicottero da combattimento europeo. Pertanto, questa nuova versione integrerà un'evoluzione avanzata delle capacità di gestione della missione, comunicazione e impegno cooperativo del velivolo, con una cabina di pilotaggio ridisegnata che si avvicina al Glass Cockpit di aeromobili di nuova generazione, sistemi di geolocalizzazione satellitare ridondanti, ecc.

Leggi l'articolo

La prima unità russa BMPT Terminator è operativa

Dalla sua prima apparizione pubblica nel 2002, il BMPT Terminator Infantry Engagement Vehicle ha generato un intenso interesse da parte dei media. È vero che questo veicolo blindato progettato su un telaio T-72 e trasporta un impressionante arsenale composto da 2 cannoni automatici da 30 mm, 4 missili anticarro 9M120 ATAKA-T, 2 lanciagranate da 30 mm e una mitragliatrice da 7,62 mm servita da un equipaggio di 5 uomini, è stato un approccio innovativo ereditato dalle vulnerabilità osservate nei veicoli da combattimento della fanteria e nei veicoli corazzati per il trasporto di personale durante i conflitti in Afghanistan, nonché durante la disastrosa campagna di Cecenia del 1994.…

Leggi l'articolo

Esercizio Zapad-21: l'esercito russo testa le sue nuove armi

Di tutte le principali esercitazioni quadriennali dell'esercito russo, l'esercitazione Zapad, che significa Occidente, è di gran lunga quella che porta il maggior valore simbolico, nonché quella che attira la maggiore attenzione dei media, in Europa come in Russia . Quest'anno si svolge per la maggior parte in Bielorussia, mentre Vladimir Putin e Alexander Lukashenko hanno appena firmato uno storico accordo di riavvicinamento tra i due paesi, consentendo al primo di aumentare la presa su questo stato slavo e al secondo di proteggere la sua posizione a capo di esso. Ma al di là dei suoi aspetti politici e geostrategici, parte delle forze russe...

Leggi l'articolo

Leopard 2, Leclerc, Merkava: quanto valgono i carri armati moderni? (1/3)

Fin dalla sua prima apparizione sui campi di battaglia durante la prima guerra mondiale, il carro armato principale è stato oggetto sia di estremo fascino per alcuni che di totale smentita per altri. Nel corso dei conflitti, e della comparsa di nuovi sistemi d'arma, come il missile anticarro o più recentemente le munizioni erranti, la fine del primato del carro armato nel combattimento terrestre è stata più volte profetizzata, seguendo l'esempio altri armamenti importanti come portaerei o aerei da combattimento. Tuttavia, è chiaro oggi, mentre le tensioni geopolitiche continuano a crescere, che il mercato...

Leggi l'articolo

La Russia svela la versione per l'esportazione del suo nuovo missile anticarro a lungo raggio Hermes

Al di là delle munizioni vaganti e dei droni, se c'è un sistema d'arma che ha dimostrato la sua efficacia durante il conflitto tra le forze azere e armene nel Nagorno-Karabakh nell'autunno del 2020, è il missile anticarro SPIKE NLOS a lungo raggio israeliano, che ha distrutto un numero significativo di armature e roccaforti armene senza che gli obiettivi siano mai consapevoli di essere presi di mira. Allo stesso modo dei missili anticarro AT-2 di prima generazione che hanno devastato i ranghi dei veicoli corazzati israeliani durante la guerra dello Yom Kippur, portando all'ingresso massiccio di questo nuovo tipo di armamento...

Leggi l'articolo

Il British Char Challenger 3 (anche) sarà protetto dal sistema Israeli Trophy

Sapevamo che Londra stava progettando di equipaggiare il suo futuro carro Challenger 3, un retrofit del Challenger 2 attualmente in servizio per compensare difetti e obsolescenza e per rendere possibile il collegamento con una possibile sostituzione dal 2035, con un sistema di protezione Hard -Kill per aumentare la sua protezione contro missili anticarro e razzi. Il Ministero della Difesa britannico ha appena confermato che per questo era stato selezionato il sistema di protezione attiva Trophy dell'israeliano Rafael, in questo caso nella sua versione più leggera Trophy MV/VPS. L'esercito britannico sarà quindi il 3° esercito NATO a scegliere il sistema di autoprotezione israeliano,...

Leggi l'articolo

TOW, AT4, M4: l'esercito americano rafforzerà la sua potenza di fuoco anticarro

Di fronte all'accresciuto rischio di conflitti cosiddetti ad alta intensità, e alla possibilità di dover fronteggiare avversari muniti di mezzi corazzati, l'esercito americano si è impegnato ad ammodernare il proprio arsenale anticarro, sia nel campo delle armi leggere che di medio calibro missili a gittata. Oggi le forze americane utilizzano 5 tipi di armi anticarro: il razzo leggero AT4 e il cannone senza rinculo Carl Gustaf M4 di origine svedese, il missile di fanteria FGM-148 Javelin, oltre al missile TOW a medio raggio e l'AGM-114 Missile pesante Hellfire per veicoli corazzati ed elicotteri armati. Per modernizzare questo parco, l'esercito americano ha intrapreso...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE