La US Navy vuole vendere fregate FFG / X a tutti gli alleati

La Marina degli Stati Uniti sembra aver realizzato il reale potenziale del progetto FREMM utilizzato per progettare le sue prossime fregate di classe Constellation, dal momento che tale è stata chiamata la classe di navi risultante dal programma FFG/X. Infatti, il Segretario della Marina, Kenneth Braithwaite, ha dichiarato di voler trasformare il programma ispirandosi al programma "Joint Strike Fighter" che ha dato vita all'F35, per farne la "Joint Strike Frigate", e vendere queste navi a tutte le marine alleate degli Stati Uniti. Questa dichiarazione è arrivata quando il consigliere per la difesa speciale del presidente Trump ha affermato che la Marina degli Stati Uniti avrebbe avuto bisogno di...

Leggi l'articolo

La Marina russa ha testato il suo primo sistema antiaereo navale Pantsir-M

Per controllare i numerosi mari interni che si affacciano sulle sue coste, come il Mar Baltico, il Mar Nero o il Mar Caspio, Mosca ha sviluppato una grande flotta di corvette leggere come le navi di classe Karakurt. Queste navi lunghe 67 m e scartamento 800 tonnellate sono paragonabili a molte classi di motovedette occidentali in termini di prestazioni. D'altra parte, i Karakurt sono notevolmente ben armati, il che consente di classificarli tra le navi da guerra e non negli edifici della sovranità. Oltre al già impressionante cannone A-76 da 190 mm per una nave così piccola, la corvetta ha...

Leggi l'articolo

I pattugliatori oceanici della marina francese disporranno di un cannone RapidFire da 40 mm

Ciò che fino a quel momento era a metà strada tra dicerie e deduzioni logiche è stato confermato oggi dal comandante Ghislain Deleplanque incaricato dell'ufficio di protezione e sicurezza della Marina francese. Le 10 nuove navi da pattugliamento oceanico che sostituiranno le navi da pattugliamento d'altura di classe A69 dal 2025 saranno quindi infatti dotate di un cannone RapidFire da 40 mm. Questo sistema di protezione ravvicinata consentirà alle navi di fornire protezione contro bersagli navali leggeri e medi, ma anche contro droni, elicotteri, aerei da combattimento operanti a bassa quota, nonché...

Leggi l'articolo

Il Pentagono non vuole ulteriori sistemi israeliani di Iron Dome

Secondo la stampa israeliana, il Pentagono ha rinunciato all'acquisizione di ulteriori sistemi Iron Dome per rafforzare le sue capacità di protezione ravvicinata, a causa dell'incompatibilità del sistema israeliano con la rete di difesa antiaerea utilizzata dall'esercito americano. Secondo il generale Mike Murray, comandante del Future Command dell'esercito americano, le analisi avrebbero evidenziato diversi problemi, in particolare in termini di cybersecurity, e soprattutto in termini di interoperabilità con gli altri sistemi di difesa utilizzati, ed in particolare con quelli articolati sistemi Patriota. Questo annuncio non rimette in discussione l'acquisizione delle prime due batterie annunciata nel 2019, che ancora oggi sono attese dall'esercito americano come soluzione...

Leggi l'articolo

La Marina francese modernizzerà i suoi cannoni Narwhal da 20 mm, il che solleva interrogativi sull'evoluzione delle sue capacità di difesa ravvicinata

Secondo Naval News, la DGA avrebbe notificato il 16 gennaio un contratto di modernizzazione per i cannoni da 20 mm azionati a distanza della Marina francese, il Narwhal 20B di Nexter. L'operazione di ammodernamento sarà effettuata da Nexter e Naval Group e si svolgerà in due fasi, con i dettagli tecnici dell'operazione disponibili nell'analisi effettuata da Nathan Gain per Naval News. A grandi linee, le fasi V1 e V2 di questa modernizzazione, che durerà fino al 2022, mireranno principalmente a migliorare le capacità di avvertimento antincendio, la cui precisione e portata oggi lasciano a desiderare contro obiettivi non militari (minacce terroristiche, ecc.)

Leggi l'articolo

Moderne navi da combattimento russe di acque profonde

Mentre la Marina russa fa spesso notizia della sua flotta di sottomarini, la sua flotta da combattimento di superficie sta ora subendo un pieno risveglio e ha nuove capacità che probabilmente porranno problemi significativi alla NATO e alla sua forza navale di primo piano. Questa panoramica delle unità di combattimento di superficie in alto mare della Marina russa ci consentirà di comprendere le loro capacità e le sfide. Incrociatori di classe Kirov (2) L'entrata in servizio dell'incrociatore Kirov nel 1980 preoccupò così tanto la US Navy che decise di riattivare le 4 corazzate di classe Iowa ereditate dalla seconda guerra mondiale, per riequilibrare gli equilibri di potere...

Leggi l'articolo

La Marina francese sarà ampiamente equipaggiata con una pistola RAPIDFire da 40 mm?

La questione dell'artiglieria media sulle navi di superficie della Marina francese si pone già da diversi anni, al punto che la configurazione generale dei pezzi di artiglieria delle future fregate FDI ha impiegato del tempo prima di essere relativamente risolta. Oggi, oltre a pochi cannoni da 100 mm che armano le fregate e gli aviso più antichi (divenuti motovedette d'altura), la Marina Militare articola l'artiglieria dei suoi edifici attorno a due cannoni principali: il 76 mm di Leonardo e il 20 mm Narwhal di Nexter, che viene utilizzato in aggiunta al 76 mm sulle fregate e come pezzo principale sulle nuove motovedette. Tuttavia, dalla comparsa di...

Leggi l'articolo

La Russia presenta le prossime evoluzioni del sistema antiaereo di Pantsir

Il sistema di difesa antiaereo e antimissilistico russo Pantsir-S è stato uno dei grandi successi commerciali dell'industria della difesa russa negli ultimi anni, essendo stato esportato in 11 paesi tra cui l'Oman, gli Emirati Arabi Uniti e recentemente la Serbia . Identificato dalla NATO come SA-22 Greyhound, il sistema è stato ampiamente utilizzato in Siria per proteggere le infrastrutture russe schierate dal 2015, e più in particolare la base aerea di Hmeimim, bersaglio di numerosi attacchi delle Forze democratiche siriane e di Daesh. Mentre i primi rapporti indicavano una mancanza di efficienza del sistema, sembra che i recenti cambiamenti siano cambiati...

Leggi l'articolo

Le forze russe sostituiranno i loro sistemi Pantsir CIWS

L'informazione era trapelata già qualche mese fa: il sistema di difesa antiaerea a corto raggio Pantsir S1 e S2, identificato dal codice NATO SA-22 GreyHound, e utilizzato dalle forze russe e siriane per proteggere basi aeree e installazioni sensibili, sembra di non aver dato soddisfazione nel teatro siriano. Secondo le indiscrezioni dell'epoca, il radar del sistema aveva grandi difficoltà a rilevare piccoli bersagli e molto spesso veniva interferito da vari elementi, come stormi di uccelli. Questa informazione sembra prendere forma ora. Così, secondo una fonte anonima del ministero della Difesa russo, citata...

Leggi l'articolo

Il sistema di difesa a corto raggio navale PANTSIR-ME attira l'attenzione sul Medio Oriente

Secondo il direttore della cooperazione internazionale della compagnia russa Rostec, il nuovo sistema di protezione antiaerea navale a corto raggio Pantsir-ME susciterebbe un fortissimo interesse tra i partner mediorientali dell'industria della difesa russa. Derivato dal sistema di protezione ravvicinata Pantsir-S1 e S2, utilizzato da diverse forze armate comprese le forze armate russe, per la protezione ravvicinata di siti sensibili, il Pantsir-ME è costituito da un radar a banda UHF ed EHF, che mostra un raggio di rilevamento di 35 km e impegno di 25 km per un bersaglio di grandi dimensioni, oltre a un sistema di interrogatori IFF. Il Panstir è progettato per coinvolgere...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE