La Svezia si è sparata sui piedi per quanto riguarda la sua candidatura alla NATO?

Per proteggere il suo ministro della Giustizia da un voto di sfiducia, il primo ministro svedese Magdalena Andersson ha negoziato un accordo con la parlamentare svedese Amineh Kakabaveh di origine curda ed ex peshmerga, garantendole di non cedere alle richieste turche sull'adesione della Svezia alla NATO . Dall'annuncio delle candidature finlandesi e svedesi all'adesione all'Alleanza Atlantica, il presidente turco RT Erdogan si è mostrato molto ostile a questa possibilità, incolpando i due paesi scandinavi non solo dell'embargo sulle armi pronunciato da Stoccolma contro Ankara, ma anche compiaciuto politica nei confronti dei rifugiati curdi, e in particolare dei membri delle YPG e...

Leggi l'articolo

In visita al Campidoglio, il primo ministro greco vuole acquisire l'F-35 e mette in guardia contro la Turchia

Dall'inizio degli anni '70, cioè ancor prima della sua adesione all'Unione Europea (1981), Atene ha sempre perseguito una strategia equilibrata di equipaggiare le proprie forze aeree, affidandosi contemporaneamente ad aerei americani e francesi. Negli anni '70 e '80, i Mirage F1 si sono evoluti sotto una coccarda blu e bianca insieme all'F4 Phantom 2, F5 Tiger II e A7 Corsair 2, mentre negli anni '90, gli Hellenic Mirage 2000 hanno completato la sua flotta di F-16. Oggi le autorità greche intendono estendere questo modello che ha dato risultati convincenti per contenere le tensioni con il vicino turco, acquisendo il francese Rafales, e...

Leggi l'articolo

Il Congresso degli Stati Uniti potrebbe autorizzare l'esportazione di nuovi F-16 Block 70 Vipers in Turchia

Nell'ottobre 2021 le autorità turche avevano ufficialmente presentato richiesta alla Foreign Military Sales, o FMS, l'organizzazione americana preposta alle esportazioni di armi agli alleati degli Stati Uniti, per acquisire 40 nuovi F-16 Block 70 Viper e 80 kit per portare i propri aerei a questo standard molto più avanzato ed efficiente rispetto all'F-16 C/D Block 52 attualmente in servizio con l'Aeronautica Militare Turca. Se il presidente Biden avesse promesso di fare il possibile per portare a compimento questa richiesta, il Congresso americano, che controlla fermamente le esportazioni di armi statunitensi, si sarebbe opposto, sullo sfondo della crisi relativa all'acquisizione...

Leggi l'articolo

La Turchia rimane determinata a ricevere una seconda batteria antiaerea S-400 di fabbricazione russa

Dall'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, la Turchia ha mostrato un atteggiamento coerente con il suo allineamento alla NATO, in particolare chiudendo lo stretto e impedendo così alle navi russe posizionate nel Mediterraneo di rafforzare la flotta della Marina. Inoltre, Ankara ha attivamente sostenuto lo sforzo militare di Kiev, in particolare consegnando droni Bayraktar TB2, quest'ultimo avendo svolto un ruolo importante nel molestare le unità russe durante l'offensiva contro Kiev, nonché nella conduzione degli attacchi ucraini contro le unità navali russe presenti nel Mar Nero, anche contro l'incrociatore Moskva. Questo cambio di...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti intendono rafforzare le proprie capacità di deterrenza in Europa

Attuato dalla metà degli anni '60 nel bel mezzo della Guerra Fredda, e in modo molto riservato, il deterrente condiviso della NATO ha consentito agli eserciti dei suoi membri di utilizzare armi nucleari americane, con un principio noto come "doppie chiavi", gli Stati Uniti e i vertici degli eserciti europei che implementano queste armi hanno entrambi una "chiave" che consente di armare le cariche nucleari, la designazione degli obiettivi essendo, invece, responsabilità del comando integrato dell'Alleanza, non degli Stati stessi. Nel corso degli anni, questo sistema si è evoluto fino a riunire, su base permanente, solo 5 membri di...

Leggi l'articolo

Germania, Polonia, Slovacchia: presto i carri armati europei in Ucraina?

Fino a che punto siamo arrivati ​​dal giorno dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, un diplomatico tedesco avrebbe risposto al suo omologo ucraino che non aveva senso inviare equipaggiamento militare agli eserciti ucraini, poiché questi ultimi sarebbero stati spazzati via in un pochi giorni. In questi giorni, infatti, si sono moltiplicate le dichiarazioni in Europa, e più in generale in tutto il campo occidentale, a favore di un sostegno molto più sostenuto dato all'Ucraina in termini di equipaggiamento di difesa, compreso il pesante equipaggiamento richiesto per diverse settimane da Kiev per resistere alle ondate d'assalto lanciate da Mosca. Già, la scorsa settimana, Praga aveva confermato...

Leggi l'articolo

La Turchia è nuovamente interessata al sistema antiaereo e antimissilistico franco-italiano SAMP/T

Le relazioni tra l'Europa, e in particolare la Francia, e la Turchia sono state tumultuose negli ultimi anni, per non dire altro. Tra l'intervento turco nel nord della Siria contro gli alleati curdi di Francia e Stati Uniti, il supporto militare fornito da Ankara al regime di Tripoli in Libia, e le tensioni nel Mediterraneo orientale, nel Mar Egeo e intorno a Cipro, i punti di gli attriti tra Ankara e Parigi non sono mancati, ei rapporti tra i due Paesi, come tra i due capi di Stato, erano diventati molto difficili. Allo stesso tempo, la decisione turca di acquisire il sistema antiaereo a...

Leggi l'articolo

Il Pakistan annulla l'ordine per gli elicotteri T-129 turchi di passare allo Z-10 Chinese cinese

Nel 2018 l'industria aeronautica turca aveva ottenuto un notevole successo firmando con il Pakistan la vendita di 30 elicotteri da combattimento T-129 ATAK, un elicottero di fabbricazione locale derivato dall'italiano A-129 Mangusta. Questo contratto da 1,5 miliardi di dollari è stato quindi il più grande contratto di esportazione mai vinto da questo settore, consentendo ad Ankara di nutrire la speranza di posizionarsi come attore internazionale in questo mercato saldamente detenuto da americani, europei e russi per diversi decenni. Con l'intervento militare in Siria, e l'acquisizione delle batterie dei sistemi antiaerei S-400 da Mosca, la Turchia è però, dal 2019, oggetto...

Leggi l'articolo

La Turchia affonda nella negazione dei programmi di difesa

A forza di voler giocare su più fronti contemporaneamente, Ankara sembra ora vedere le prospettive dei suoi ambiziosi programmi di difesa confrontarsi con la realtà delle relazioni internazionali. Così, nell'ambito del programma T-FX volto a progettare un cacciabombardiere di nuova generazione in sostituzione dei più vecchi F-4 e F-16, e che prevede ancora di produrre un primo prototipo entro il 2023, il direttore delle industrie delle forze di difesa turche , Ismail Demir, ha annunciato il 4 dicembre che il nuovo dispositivo sarebbe stato alimentato, nella sua versione iniziale, dal reattore F-110 dell'americana General Electric, il reattore che equipaggia in particolare l'F-16...

Leggi l'articolo

La Turchia vuole essere la prima a sviluppare una nave da trasporto di droni da combattimento

Mentre la portaerei d'assalto TCG Anadolu sarà presto trasferita alla Marina turca, Ankara sembra sempre più convinta dal concetto di portaerei da combattimento, che rappresenterebbe, secondo i funzionari turchi, una continua evoluzione delle portaerei negli anni e nei decenni venire. Per questo Ankara lavorerà sin dal varo dell'Anadolu, alla progettazione di una nuova nave appositamente progettata per questo scopo, e che sarà in grado di implementare droni da combattimento azionati da elica come la TB2 Bayraktar che riscuote un vero successo a livello internazionale scena per diversi mesi, il futuro TB3 dotato di ali pieghevoli,...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE