Le nuove ambizioni della Cooperazione Permanente Strutturata Europea

La Cooperazione Europea Strutturata Permanente, o PESCO, è innegabilmente uno dei maggiori progressi ottenuti nel campo della Difesa all'interno dell'Unione Europea. Lanciato a dicembre 2017, consente agli industriali e agli attori politici europei di collaborare allo sviluppo di nuovi programmi, siano essi puramente tecnologici o industriali, con l'obiettivo di evitare il moltiplicarsi di programmi simili all'interno dell'Unione Europea, e quindi spese ritenute irrilevanti perché ridondanti tra i membri. Il 6 marzo 2018 è stato presentato il primo elenco di progetti, incentrato soprattutto sui programmi di supporto, nel campo della formazione, simulazione,…

Leggi l'articolo

La Polonia applicherà metodi di finanziamento "COVID" per la modernizzazione dei suoi eserciti

Per molti aspetti, le posizioni delle autorità polacche, in particolare nei confronti dell'Unione europea, sono oggetto di critiche e per di più apertamente criticate. Ma c'è un'area in cui Varsavia è esemplare in Europa, la sua determinazione a dotarsi di una potenza militare sufficiente per dissuadere qualsiasi avversario, in particolare la Russia, da eccessive ambizioni nei suoi confronti e contro i suoi vicini. In questo senso, la Polonia sta sostituendo sempre più il ruolo svolto da Bonne durante la Guerra Fredda, quando la sola Germania Federale schierò più di 1000 caccia F104 e F4 e più di 2000 carri armati pesanti Leopard e M48. Oggi, nonostante un PIL...

Leggi l'articolo

Per l'esercito americano diventa urgente sostituire i sistemi antiaerei Patriot e Stinger

Negli ultimi 4 anni, Raytheon e il Dipartimento di Stato americano sono riusciti a convincere 4 paesi europei ad acquisire il sistema antiaereo e antimissilistico MIM-104 Patriot: Svezia, Romania e Polonia nel 2017 e 2018, e più recentemente la Svizzera in una competizione tra il sistema americano e la SAMP/T franco-italiana. In totale, sono oggi 6 i paesi europei membri della NATO che implementano questo sistema, a cui si aggiungono Svezia e Svizzera, che sono o saranno presto dotati di questo sistema. Il sistema portatile FIM-92 Stinger equipaggia 9 forze armate europee. Questi due sistemi...

Leggi l'articolo

La Polonia investirà 6,75 miliardi di euro per la difesa antiaerea a corto e medio raggio

Sebbene ci sia molto da dire sul tropismo panamericano di Varsavia, resta indiscutibile che la Polonia è uno dei paesi europei che sta compiendo il maggiore sforzo per modernizzare le proprie forze armate e dotarsi delle capacità necessarie per far fronte a un impegno di intensità, se necessario. Solo negli ultimi 3 anni, le forze armate polacche hanno così annunciato l'acquisizione di batterie Patriot PAC-3 per $ 5 miliardi, 20 sistemi HIMARS per $ 414 milioni, 100 missili Javelin e 80 stazioni di tiro per $ 100 milioni. , 5 C di seconda mano -130H per 15 milioni di dollari, 32 F-35A per 4,6...

Leggi l'articolo

Confermando l'acquisizione dei carri armati Abrams, la Polonia assume una posizione forte in Europa

Appena pochi giorni dopo che la stampa polacca aveva mandato in onda le discussioni tra Varsavia e Washington su una possibile acquisizione di carri armati Abrams M1A2 SEPv3 (o M1A2C), il Ministero della Difesa polacco ha confermato questa mattina di aver firmato un memorandum d'intesa per sostituire i 232 T- 72 attualmente in servizio all'interno di 4 battaglioni corazzati dal carro pesante americano, con le prime consegne che dovrebbero avvenire già nel 2022. L'esatto importo del contratto, così come i suoi termini, non sono stati per il Tempo comunicati, ma sarebbe sembra che gran parte dei blindati così acquisiti verrebbe assemblata in Polonia, e che un centro dedicato...

Leggi l'articolo

La Polonia starebbe per acquisire 250 carri armati americani M1A2 Abrams

La sostituzione dei carri armati T-72 e dei PT-91 in servizio con le forze armate polacche è una delle priorità più importanti di Varsavia nel suo sforzo di modernizzazione dei suoi eserciti, ma quest'ultima si è scontrata, negli ultimi anni, con una situazione più che lenta offerta in Occidente in quest'area, in particolare in Europa. Dopo aver acquisito 128 Leopard 2 A4 nel 2002, poi 119 Leopard 2 A4 e A5 nel 2013 dalle scorte dell'esercito tedesco, le autorità polacche non hanno risparmiato sforzi nel trovare un secondo modello più economico per sostituire i suoi veicoli corazzati ereditati dall'era sovietica e che oggi…

Leggi l'articolo

Quali sviluppi possono essere previsti e quali ostacoli devono essere superati per la NATO?

In occasione dell'ultimo incontro del G7 organizzato in videoconferenza venerdì 19 febbraio, il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha ribadito il suo appello a un profondo cambiamento della NATO per darle un'organizzazione e una legittimità in linea con gli sviluppi nel mondo dalla fine del la Guerra Fredda e la scomparsa del Patto di Varsavia. Per il Capo di Stato, l'Alleanza deve muoversi verso una struttura più equilibrata tra Stati Uniti ed europei, ma anche verso un più ampio ambito di responsabilità, al fine di affrontare le sfide alla sicurezza del pianeta, con l'obiettivo di rendere l'alleanza più efficiente e più potente in...

Leggi l'articolo

La Polonia si allinea con la Germania nel rifiuto dell'autonomia strategica europea

Dire che oggi le autorità polacche sono atlantiste è un eufemismo. Negli ultimi anni, infatti, Varsavia ha quasi sistematicamente favorito l'acquisizione di equipaggiamenti per la difesa progettati dagli americani, ignorando altrettanto sistematicamente le proposte dei suoi partner europei. Durante il mandato del presidente Trump, i legami tra Varsavia e Washington si fecero più stretti, al punto che le autorità polacche, per adulare l'ego smisurato del presidente americano, proposero di nominare "Fort Trump" la base dove possibile truppe americane aggiuntive sulla Polonia suolo. Allo stesso tempo, le autorità polacche hanno sempre respinto con vigore le iniziative europee, e in particolare quelle francesi,...

Leggi l'articolo

L'Italia offre alla Polonia la progettazione congiunta del carro pesante europeo

Sia Roma che Varsavia hanno espresso negli ultimi mesi il loro interesse alla Germania e alla Francia per il programma di carri armati MGCS di nuova generazione. Tuttavia, la coppia franco-tedesca sembra, in entrambi i casi, non aver dato una risposta favorevole a questi approcci, non più che alla richiesta di Roma di integrare il programma MGCS nel quadro della cooperazione strutturata permanente europea, o PESCO. Pertanto, non sorprende scoprire che l'Italia ha offerto alla Polonia il progetto comune di un nuovo carro pesante da combattimento e di aprire l'accesso ad altri partner europei, come la Spagna. Secondo il sito web...

Leggi l'articolo

La Corea del Sud fa di tutto per vendere il carro armato K2 Black Panther alla Polonia

Se l'acquisizione dei carri armati sudcoreani K2 Black Panther da parte della Polonia era, poche settimane fa, solo un'ipotesi di lavoro, da allora è diventata più credibile, visti i disaccordi sulla partecipazione polacca al programma di carri armati franco-tedeschi di nuova generazione MGCS. La proposta molto dettagliata e più attraente fatta da Seoul a Varsavia questa settimana le dà ora uno stato molto probabile. In effetti, le autorità sudcoreane hanno ovviamente percepito perfettamente le esigenze militari, industriali, politiche e di bilancio delle loro controparti polacche, proponendo un'offerta su misura per vincere la decisione. Quindi, il K2PL, tale è...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE