La mobilitazione russa avrebbe potuto superare di gran lunga i 300.000 uomini annunciati

Per far fronte alle pesanti perdite registrate dall'inizio del conflitto in Ucraina, Vladimir ha annunciato il 21 settembre una mobilitazione parziale di 300.000 uomini di età compresa tra i 18 ei 49 anni. Secondo gli annunci del leader russo e del suo ministro della Difesa, Sergei Shoighu, si trattava soprattutto di mobilitare uomini di recente esperienza militare (-5 anni), scartando l'idea di una mobilitazione generale, intimamente legata alla concetto stesso di guerra, questo andando contro la narrativa del Cremlino che, dall'inizio del conflitto, ha parlato di Operazioni Militari Speciali. Molte testimonianze sui social network russi hanno mostrato...

Leggi l'articolo

La tecnologia Digital Twins può salvare i programmi SCAF e MGCS?

Dall'inizio del 2022, il programma SCAF per Future Air Combat System, che riunisce Germania, Spagna e Francia, nell'ottica di progettare il sostituto del Rafale francese e del Typhoon europeo, è stato giudicato, in un contesto di profondo disaccordo sulla condivisione industriale attorno al primo pilastro del programma volto a progettare l'NGF, Next Generation Fighter, il velivolo da combattimento al centro di questo programma. I due maggiori produttori del programma, la francese Dassault Aviation e la tedesca Airbus Defence & Space, infatti, non riescono a trovare un compromesso sulla gestione di questo pilastro, inizialmente attribuito a...

Leggi l'articolo

Quali saranno le priorità della prossima legge francese di programmazione militare?

Fino all'inizio dell'intervento russo in Ucraina, l'esecutivo francese aveva una parola d'ordine e una sola riguardante lo svolgimento dello sforzo di difesa: Tutta la Legge di Programmazione Militare 2019-2025, ma quella LPM 2019-2025. Progettata sulla base della Revisione strategica del 2017, a sua volta fortemente vincolata dal Libro bianco del 2013, la LPM 2019-2025 mirava a riparare i notevoli danni derivanti da due decenni di sotto-investimenti negli eserciti francesi, anche se la pressione operativa rimaneva molto alto. È chiaro che in 5 anni la situazione degli eserciti è notevolmente migliorata, con un budget annuo aumentato di 8,5 miliardi di euro, ovvero...

Leggi l'articolo

Riducendo il programma MMRCA 57 a 2 velivoli, l'India aumenta le possibilità di vincita del Rafale

Nel 2001 New Delhi ha lanciato un importantissimo concorso finalizzato all'acquisizione di 114 velivoli da combattimento medi in sostituzione dei suoi Mig-27 e Jaguar che avrebbero raggiunto il limite di età entro la fine degli anni 2010. Nel 2012 le autorità indiane hanno annunciato la vittoria del Dassault Rafale, e l'avvio delle trattative per la produzione industriale locale di questi velivoli destinati all'Indian Air Force. Tuttavia, molte difficoltà sono arrivate ad ostacolare le discussioni, in particolare per quanto riguarda la partecipazione dell'industriale statale HAL, portando Parigi e Nuova Delhi ad annunciare nel 2015 l'annullamento di questa operazione, sostituita da un ordine fermo di 36 Rafale prodotti in Francia. Tuttavia,…

Leggi l'articolo

Il programma F-35 deve ancora affrontare ritardi significativi e sforamenti dei costi

Negli ultimi mesi, l'F-35 ha vinto in molte competizioni internazionali, anche in Europa Che si tratti di Svizzera, Finlandia, Canada o Germania, il dispositivo Lockheed-Martin ha sistematicamente preso il sopravvento sui suoi omologhi occidentali, come l'americano Super Hornet, o il Rafale europeo, Typhoon e Gripen. Paradossalmente, allo stesso tempo, il Pentagono ha annunciato di avere intenzione di ridurre il numero di F-35 che saranno acquisiti entro il 2025, e questo in maniera sostanziale. Infatti, nonostante il suo innegabile successo commerciale, il dispositivo continua a subire notevoli ritardi per quanto riguarda la disponibilità della versione...

Leggi l'articolo

India, Indonesia: dovremmo cambiare i paradigmi del programma Rafale per anticipare il successo futuro?

Il 2021 sarà stato senza dubbio l'anno della consacrazione per Dassault Aviation, Safran, Thales, MBDA e le circa 400 società francesi che formano il Team Rafale, con 146 ordini fermi per l'esportazione o in compensazione di aeromobili usati. E anche il 2022 potrebbe essere un buon anno, con due importanti contratti in vista, l'India per la sua Marina da un lato, e per rafforzare le sue forze aeree dall'altro di fronte all'ascesa del potere cinese e pakistano. , e Indonesia, che ora include sistematicamente il Rafale nelle sue presentazioni sull'evoluzione della sua forza aerea. Allo stesso tempo, la stessa Francia ha ordinato...

Leggi l'articolo

L'eurofondamentalismo del Ministero delle Forze Armate danneggia le capacità di equipaggiamento degli eserciti?

Per quasi un decennio il Ministero della Difesa, divenuto Ministero delle Forze Armate, e la Direzione Generale degli Armamenti, che sovrintende a tutti i programmi industriali per le Forze armate, hanno quasi sistematicamente privilegiato una visione europea dei programmi di Difesa. . Così, durante la sua ultima udienza, il Delegato Generale per gli Armamenti, Joel Barre, ha escluso la possibilità di dare la preferenza al Falcon X della Dassault Aviation per la sostituzione dell'Atlantic 2 della Patrouille Maritime, qualora il programma MAWS dovesse essere fatto senza La Germania (che ha appena ordinato a 5 Poseidon P-8A americani di sostituire i suoi P-3C più vecchi), sostenendo che ...

Leggi l'articolo

Potrebbe "Buy American" di Joe Biden minacciare le esportazioni della difesa degli Stati Uniti?

Ogni anno, lo Stato federale degli Stati Uniti difende 600 miliardi di dollari dai fornitori di servizi privati, per molteplici prodotti e servizi che vanno dall'IT ai servizi di pulizia, compresa la consulenza e il materiale rotabile. Per sostenere l'economia americana, in particolare mentre si impegna a varare una serie di vaste opere destinate a essere il pilastro della ricostruzione industriale e sociale del Paese, Joe Biden, da gennaio, si è infilato nei panni del conteso predecessore, di sostenere l'emergere del "Buy American Act", una legge che obbligherebbe la spesa federale a essere indirizzata principalmente verso i fornitori di servizi nazionali, inizialmente fino al 55%,...

Leggi l'articolo

Contro ogni logica, il nuovo veicolo blindato leggero dell'Esercito sarà progettato in cooperazione europea

La sostituzione dei veicoli corazzati leggeri, o VBL, è oggi in cima alla lista dei programmi da avviare urgentemente per l'esercito francese. Progettato negli anni '80 dalla società Panhard General Defense (integrata in Arquus quando il marchio è stato creato nel 2018), il VBL ha fatto parte di tutti gli impegni francesi sin dalla sua entrata in servizio nel 1990. Nonostante le qualità innegabili, in particolare in termini di mobilità e scalabilità, essendo il veicolo disponibile in 13 versioni di cui 7 in servizio con gli eserciti francesi, segna ora il peso degli anni a fronte di impegni più duri,...

Leggi l'articolo

Il primo ministro greco K. Mitsotakis conferma il nuovo ordine per 6 Rafale

Appena un anno fa, il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato l'ordine di 18 caccia Rafale dalla Francia, di cui 12 di seconda mano prelevati dalla flotta dell'Aeronautica Militare e dello 'Space, per un importo di 2 miliardi di euro. Mentre il primo velivolo, portato allo standard F3R, è stato ufficialmente trasferito a luglio all'Aeronautica Militare Hellenic, quest'ultima ha appena annunciato, nel corso di un discorso tenuto all'85a Fiera Internazionale di Salonicco, l'ordine di 6 velivoli aggiuntivi, al fine di portare la flotta greca a 24 aeromobili, rispondendo così alle aspettative espresse da…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE