L'esercito ordina urgentemente munizioni americane Switchblade 300 vagabondi: di chi è la colpa?

In occasione della mostra Eurosatory che si è svolta la scorsa settimana a La Villette, l'Esercito, tramite il suo capo del Pan Office, il colonnello Arnaud Goujon, aveva sollevato la possibilità di ordinare ad American AeroVironment munizioni vagabonde American Switchblade 300, poiché confermato dal Ministero, con l'obiettivo di colmare un urgente deficit di capitano. Questa procedura non è eccezionale, tanto più che lo Switchblade 300 non è un equipaggiamento particolarmente avanzato, né particolarmente costoso. Consentirà infatti alla fanteria o alle unità smontate dell'esercito di acquisire una capacità di fuoco di precisione indiretta, completando il personale di...

Leggi l'articolo

Lezioni dalla guerra in Ucraina: la vulnerabilità dell'armatura in prima linea

Secondo il sito di Oryx, che fa riferimento alle perdite documentate da entrambe le parti dall'inizio del conflitto, gli eserciti russi hanno finora perso più di 550 carri armati pesanti, di cui più della metà sono stati distrutti da missili anticarro, colpi di artiglieria o dai carri armati nemici. La situazione è sostanzialmente la stessa per i veicoli corazzati da combattimento (350 di cui 150 distrutti) e per i veicoli da combattimento di fanteria (600 di cui 350 distrutti), che rappresentano la metà di tutti i veicoli corazzati in prima linea schierati dalla Russia in Ucraina prima dell'inizio dei combattimenti. Fatto,…

Leggi l'articolo

Le lezioni in Ucraina contraddicono i paradigmi militari ereditati dalla Guerra del Golfo

Pochissimi, la sera del 24 febbraio 2022, data dell'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, avevano immaginato che dopo 3 settimane di guerra le forze russe avrebbero compiuto così pochi progressi nel Paese, a costo di perdite così pesanti... Così, un articolo pubblicato di nascosto sul cosiddetto tabloid filo-Cremlino Komsokolskaja pravda ieri, riportava quasi 10.000 morti e oltre 16.000 feriti all'interno dell'esercito russo secondo il suo staff, questo non tenendo conto delle perdite dei suoi ausiliari Wagner e ceceni . Sebbene tali accuse possano essere discutibili, va riconosciuto che questo livello di...

Leggi l'articolo

Queste 7 tecnologie che rivoluzioneranno il campo di battaglia entro il 2040

Se gli ultimi anni della guerra fredda sono stati occasione di numerosi e importanti progressi tecnologici nel campo degli armamenti, con l'arrivo di missili da crociera, aerei e navi stealth e sistemi avanzati di comando e geolocalizzazione, questa dinamica si è completamente arrestata con il crollo del blocco sovietico. In assenza di un avversario importante e tecnologicamente avanzato, e a causa delle numerose campagne asimmetriche a cui hanno preso parte le forze armate, tra il 1990 e il 2020 si sono registrati pochissimi progressi significativi dal punto di vista tecnologico, con la notevole eccezione della generalizzazione di droni aerei di ogni tipo. Ma con l'emergere, dall'inizio di...

Leggi l'articolo

Gli eserciti turchi ricevono i loro primi droni Akinci

Due anni. Questo è il tempo impiegato dallo specialista turco nella produzione di droni militari Baykar, per portare il suo nuovo drone Akinci MALE Medium Altitude Long Endurance dalla fase di prototipo al suo ingresso operativo negli eserciti turchi. Il 29 agosto, durante una cerimonia dai forti slanci nazionalisti, è stato lo stesso presidente RT Erdogan a celebrare l'arrivo del nuovo drone da combattimento nei suoi eserciti, con sincero orgoglio da parte del leader turco. Va detto che l'Akinci PT-2 TIHA ha qualcosa da soddisfare il presidente e i suoi sforzi a favore di un'industria della difesa...

Leggi l'articolo

Il rilevamento passivo si imporrà nei futuri impegni militari?

L'eliminazione sistematica di tutte le difese antiaeree armene da parte delle forze azere è stata un fattore determinante per il successo fulmineo ottenuto da queste ultime contro soldati temprati dalla battaglia e ben armati durante il conflitto del 2020 in Nagorno-Karabakh. Per raggiungere questo obiettivo, lo stato maggiore di Baku aveva implementato una strategia che era sia semplice che altamente efficace. Non appena un sistema antiaereo ha attivato il suo radar, è stato rilevato e localizzato dai sistemi di rilevamento elettronici che attraversavano il campo di battaglia, dopodiché il bersaglio è stato distrutto da droni o munizioni vaganti se un'unità da guerra era dotata di elettronica ...

Leggi l'articolo

La Russia svela la versione per l'esportazione del suo nuovo missile anticarro a lungo raggio Hermes

Al di là delle munizioni vaganti e dei droni, se c'è un sistema d'arma che ha dimostrato la sua efficacia durante il conflitto tra le forze azere e armene nel Nagorno-Karabakh nell'autunno del 2020, è il missile anticarro SPIKE NLOS a lungo raggio israeliano, che ha distrutto un numero significativo di armature e roccaforti armene senza che gli obiettivi siano mai consapevoli di essere presi di mira. Allo stesso modo dei missili anticarro AT-2 di prima generazione che hanno devastato i ranghi dei veicoli corazzati israeliani durante la guerra dello Yom Kippur, portando all'ingresso massiccio di questo nuovo tipo di armamento...

Leggi l'articolo

La prontezza strategica della Russia raggiunge i suoi obiettivi

Il 3 luglio Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa, ha promulgato una nuova versione del Piano di Dottrina Militare e di Difesa per la Federazione Russa, per il periodo dal 2021 al 2025. Questa nuova dottrina riconosce il successo della dottrina precedente, dal 2016 al 2020, che prevedeva un importante sforzo di ammodernamento delle forze armate, ma anche la loro prontezza e disponibilità operativa, nonché la preparazione e la resilienza delle istituzioni e della società civile a possibili aggressioni. In futuro, e secondo questa dottrina, Mosca intende usare la forza armata ovunque sarà...

Leggi l'articolo

I droni da combattimento turchi moltiplicano i successi commerciali

I droni TB2 e ANKA hanno avuto un'enorme visibilità mediatica durante la guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020, durante la quale, insieme alle munizioni itineranti Harop e Harpy di origine israeliana, hanno contribuito notevolmente al successo delle forze armate azere sulle forze armene. Da allora, Ankara ha moltiplicato contratti e trattative in esclusiva per esportare i suoi preziosi equipaggiamenti, contribuendo a posizionare il Paese tra le prime tre nazioni mondiali in questo campo, insieme a Stati Uniti e Cina. Infatti, oltre agli eserciti turchi e azeri, negli ultimi mesi sono stati ordinati droni turchi anche Ucraina, Qatar, Marocco,...

Leggi l'articolo

Droni, intelligenza artificiale, digitalizzazione: la Russia è in prima linea anche nelle nuove tecnologie di difesa

Negli ultimi anni, le forze armate americane hanno intrapreso una profonda trasformazione per integrare nuove tecnologie come l'uso massiccio dei droni, la digitalizzazione del campo di battaglia e l'impegno cooperativo, e per tentare di riconquistare il predominio militare sui suoi potenziali avversari, e in particolare sulla Cina, che oggi occupa gran parte dell'attenzione degli strateghi del Pentagono. L'obiettivo annunciato è quello di compensare il vantaggio numerico legato all'onnipotenza del PLA e alla probabile vicinanza al suolo cinese in un ipotetico scontro contro le forze cinesi nel Pacifico occidentale, ed in particolare intorno a Taiwan. Un rapporto pubblicato dall'American Center for Naval Analysis, ricorda che...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE