Annunciando la consegna dei missili Iskander-M alla Bielorussia, V.Putin lancia una nuova grande crisi in Europa

Nel 1997, la NATO e la Federazione Russa hanno firmato un accordo bilaterale impegnando, in particolare, le due parti a non estendere le rispettive capacità di attacco nucleare tattico oltre il formato esistente. In altre parole, la NATO si è impegnata a non dispiegare armi nucleari oltre i 5 paesi partecipanti alla deterrenza condivisa dell'Alleanza (Germania, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Turchia), mentre la Russia si è impegnata a non schierare o trasferire le proprie armi nucleari oltre i suoi confini. Infatti, quando durante un nuovo incontro con il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia...

Leggi l'articolo

La Polonia continua a escludere le offerte europee dai suoi contratti di armi

Dall'annullamento del contratto elicotteristico Caracal annunciato nel 2016 per rivolgersi a elicotteri di fabbricazione americana, Varsavia ha mostrato una netta preferenza per l'equipaggiamento americano, con l'ordine di 2 batterie antiaeree e antimissilistiche Patriot PAC3 nel 2018, 20 HIMARS sistemi a lancio multiplo di razzi, 185 missili anticarro Javelin e 32 cacciabombardieri F-35A nel 2019 e, più recentemente, 250 carri armati pesanti M1A2 Abrams nel 2021. In molti casi sono stati proposti equipaggiamenti equivalenti o addirittura superiori di fattura europea (Rafale/Typhoon /Gripen, missili MMP/EuroSpike, sistema SAMP/T Mamba e carri armati Leopard 2A7), senza potersi imporre alle offerte americane.…

Leggi l'articolo

Perché uno sforzo di difesa del 2% del PIL è insufficiente per la Francia?

Al suo arrivo all'Eliseo nel 2017, il nuovo presidente Emmanuel Macron ha compiuto un grande sforzo per portare lo sforzo di difesa della Francia al 2% del suo prodotto interno lordo, come la Francia si era impegnata nel 2014 durante il vertice della NATO a Cardiff. Per raggiungere questo obiettivo, il nuovo esecutivo ha attuato una nuova legge di programmazione militare dal 2019 al 2025 volta a raggiungere questo obiettivo, nonché a riparare le numerose e talvolta drammatiche carenze di cui soffrivano gli eserciti francesi dopo 20 anni di sottoinvestimenti di un attività operativa particolarmente pesante. Questo era un paradosso per questo periodo designato...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti temono la banalizzazione del “ricatto deterrente” russo e cinese

Appena pochi giorni dopo l'inizio delle operazioni militari in Ucraina, Vladimir Putin ha ordinato, in modo molto pubblicizzato, al suo capo di stato maggiore e al suo ministro della Difesa di mettere in massima allerta le forze strategiche russe, in risposta al primo round di sanzioni da gli Stati Uniti e l'Europa contro la Russia in risposta a questa aggressione. Da allora, Mosca ha ripetutamente ripetuto le sue minacce strategiche nel tentativo di impedire all'Occidente di interferire nel conflitto in corso e di fornire un sostegno crescente agli ucraini. Se ciò non impedisse agli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e a molti paesi europei di consegnare armamenti...

Leggi l'articolo

L'artiglieria antiaerea sta tornando ad essere un'alternativa credibile?

Durante la guerra del Vietnam, le forze armate americane persero quasi 3.750 aerei e 5.600 elicotteri. Mentre i caccia e i missili nordvietnamiti hanno giocato un ruolo decisivo, insieme hanno abbattuto solo il 15% degli aerei persi dagli Stati Uniti, mentre gli incidenti hanno rappresentato il 25% delle perdite registrate. Il restante 60% proveniva dall'artiglieria antiaerea del Vietnam del Nord, che rappresentò la più grande minaccia per gli aerei americani durante la guerra. Economiche da acquisire e relativamente semplici da implementare, le batterie antiaeree di fattura sovietica e cinese implementate dal solo Vietnam del Nord abbatterono il 45% degli aerei...

Leggi l'articolo

Dopo il Giappone, la Corea del Sud sceglie l'americano SM-6 per contrastare la minaccia ipersonica

Mentre gli occhi del mondo rimangono puntati sulla guerra in Ucraina, le tensioni nel teatro del Pacifico rimangono molto alte e le principali nazioni coinvolte stanno raddoppiando i loro investimenti e innovazione nel tentativo di avere il sopravvento sui loro potenziali avversari. Così, negli ultimi mesi, le due Coree si sono impegnate in un tiro alla fune sulle rispettive capacità di attacco a lungo raggio, dimostrando successivamente l'efficacia dei loro nuovi missili balistici e da crociera, mentre la Cina ha anche implementato nuove capacità in questo settore, tra cui armi a traiettoria ipersoniche e semibalistiche. Quelli…

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti intendono rafforzare le proprie capacità di deterrenza in Europa

Attuato dalla metà degli anni '60 nel bel mezzo della Guerra Fredda, e in modo molto riservato, il deterrente condiviso della NATO ha consentito agli eserciti dei suoi membri di utilizzare armi nucleari americane, con un principio noto come "doppie chiavi", gli Stati Uniti e i vertici degli eserciti europei che implementano queste armi hanno entrambi una "chiave" che consente di armare le cariche nucleari, la designazione degli obiettivi essendo, invece, responsabilità del comando integrato dell'Alleanza, non degli Stati stessi. Nel corso degli anni, questo sistema si è evoluto fino a riunire, su base permanente, solo 5 membri di...

Leggi l'articolo

La DARPA ha testato con successo un secondo modello di missile da crociera ipersonico

Quando nel marzo 2018 Vladimir Putin annunciò che il missile balistico ipersonico aviotrasportato Kinzhal sarebbe presto entrato in servizio, tutte le forze armate occidentali compresero che questa nuova tecnologia sarebbe diventata rapidamente un imperativo operativo e che in quest'area l'avevano lasciata alla Russia, ma anche alla Cina, che l'anno successivo presentò il proprio missile ipersonico DF17, un progresso decisamente troppo grande. Se gli europei, come al solito, hanno reagito con la velocità di un cetriolo di mare, i giapponesi, gli australiani, i sudcoreani e soprattutto gli Stati Uniti hanno reagito con rapidità e determinazione, attuando rapidamente programmi volti ad acquisirne il maggior numero rapidamente possibile di questo tipo di armamento. lun...

Leggi l'articolo

La Turchia è nuovamente interessata al sistema antiaereo e antimissilistico franco-italiano SAMP/T

Le relazioni tra l'Europa, e in particolare la Francia, e la Turchia sono state tumultuose negli ultimi anni, per non dire altro. Tra l'intervento turco nel nord della Siria contro gli alleati curdi di Francia e Stati Uniti, il supporto militare fornito da Ankara al regime di Tripoli in Libia, e le tensioni nel Mediterraneo orientale, nel Mar Egeo e intorno a Cipro, i punti di gli attriti tra Ankara e Parigi non sono mancati, ei rapporti tra i due Paesi, come tra i due capi di Stato, erano diventati molto difficili. Allo stesso tempo, la decisione turca di acquisire il sistema antiaereo a...

Leggi l'articolo

Joe Biden rinuncia alla dottrina del "nessun primo utilizzo" per le armi nucleari americane

Se la dottrina dell'uso delle armi nucleari nelle democrazie è un argomento fortemente politico, è chiaro che per cinquant'anni queste sono cambiate poco, sia in Francia, in Gran Bretagna come negli Stati Uniti. Durante l'ultima campagna presidenziale americana, il candidato Joe Biden ha promesso di incorporare una regola ferma sull'uso di queste armi se fosse stato eletto, rinunciando ad esse se non attaccato da altre armi nucleari. E poiché ce n'erano molti prima di lui, Joe Biden alla fine smise di implementare una tale dottrina, attenendosi alla dottrina molto tradizionale dell'uso ...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE