Comprendere la spedizione del Mirage 2000-5 in Ucraina in 7 punti

La Francia invierà quindi i Mirage 2000-5 in Ucraina! Ormai è diventata un'abitudine per il presidente francese sorprendere il suo pubblico, compresi i dipendenti e gli industriali, riguardo alla decisione di inviare nuove importanti attrezzature in Ucraina.

In effetti, l’annuncio della cessione di parte della flotta Mirage 2000-5 all’Ucraina, nel corso di un’intervista televisiva nell’ambito delle commemorazioni del 6 giugno, ricorda quello fatto, poco più di due anni fa, a proposito dei primi cannoni Caesar trasferiti agli eserciti ucraini e, sei mesi dopo, quello di inviare in questo teatro gli AMX-10RC.

Se dovessero sorgere dubbi sull'opportunità di un simile annuncio, sulla sua fattibilità in termini di scadenze e sul suo impatto sulle capacità di difesa aerea francese, resta comunque vero che la decisione francese di inviare questo caccia, di progettazione interamente francese e quindi europea, segna anche una nuova tappa nel sostegno fornito da Parigi a Kiev.

Inoltre, una volta che gli aerei saranno effettivamente operativi, purché mantenuti e pilotati da personale qualificato, saranno in grado di apportare alcuni valori aggiunti operativi chiave alle forze aeree ucraine contro il VVS, ma anche aprire strade strategiche , per quanto riguarda la loro evoluzione.

Il Mirage 2000-5, specialista nell'intercettazione e nella superiorità aerea, ancora molto efficace

Non c’è dubbio che l’annuncio presidenziale avrà sorpreso la gente. In primo luogo perché solo pochi giorni fa la Svezia ha annunciato la rinuncia all’invio dei Gripen in Ucraina, per favorire l’omogeneità della trasformazione della flotta da caccia ucraina in F-16, ma anche perché la scelta del Mirage 2000-5, per raggiungere l'Ucraina.

Mirage 2000-5F EAP Baltico
Due Mirage 2000-5F eseguono un volo a seguito di una corsa di tango il 21 agosto 2018 presso la base aerea di Ämari in Estonia.

Penultima versione del primo caccia francese con comandi di volo elettrici, il -5 è, infatti, un aereo specializzato nell'intercettazione e nella superiorità aerea, dove molti, anche su questo sito, anticipavano l'invio del Mirage 2000 -D. Lato francese.

D'altro canto, i venti di questi caccia ancora in servizio nell'Aeronautica Militare segnano il peso degli anni, perché sono basati su celle -C, consegnate negli anni '80, e aggiornati negli anni '90 a questo nuovo standard .

Infine perché, nonostante la loro età, i Mirage 2000-5F dell'Aeronautica Militare, partendo dal presupposto che la dozzina di caccia che verranno inviati saranno prelevati dalla flotta attiva francese, hanno continuato a fornire numerosi servizi per assicurare la difesa aerea del territorio, fare lo stesso nei paesi baltici, anche per scortare i Rafale Portaerei B del missile nucleare ASMPA, durante le missioni Poker.

Mirage 2000-5 e ASC 890, una coppia progettata per difendere la profondità dello spazio aereo ucraino

E per una buona ragione! In effetti, il Mirage 2000-5 rimane, ancora oggi, uno degli aerei da superiorità aerea più capaci, motivo per cui, oltre alla Francia, le forze aeree in prima linea, come la Grecia di fronte agli F-16 turchi, l'India di fronte a quelli pakistani F-16 e JF-17 e Taiwan, di fronte ai J-10/11 e 16 cinesi, continua a fare affidamento su questo dispositivo.

MIrage 2000-5 MICA Heelenic Air Force
I Mirage 2000-5 dell'aeronautica militare ellenica continuano ad essere in prima linea contro gli F-16 turchi nel Mar Egeo.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

13 Commenti

  1. La cosa sta diventando seria. Incrociamo le dita. Gli annunci discontinui di potenziali clienti per il 2000-5 utilizzati da Grecia, Emirati Arabi Uniti o Qatar negli ultimi mesi tendevano a dimostrare che il tema dell’invio di miraggi in Ucraina era lungi dall’essere chiuso, soprattutto da quando i generali avevano lasciato intendere tra le righe che l’uso di Mirage per consegnare missili da crociera o più era allo studio.
    Dovremo vedere cosa darà. Mica è buono, ma non ha la portata delle meteore o dei missili russi. E secondo i dati ufficiali, le scorte sono limitate, sia di missili che di bombe. Incrociamo le dita affinché le decisioni necessarie siano state prese in anticipo.

    • Non dobbiamo farci ingannare dalla portata teorica dei missili russi. Durante lo scontro indo-pakistano del 2019, i loro 2000 MICA hanno ottenuto soluzioni di fuoco sugli F-16, Mirage III e JF-17 pakistani, ben prima del Su-30MKI e del loro R-77. Tipo cosa …

      • sì, il 2000 è un dispositivo meraviglioso. Ovunque fosse impegnato, regnava nel cielo.

        Vediamo che il ciclo è finalmente chiuso.

        Ci chiedevamo perché Dassault offrisse tariffe incredibili (ne vedevo 4 al mese), beh, abbiamo capito

        Vedo che i clienti Mirage dedicano la loro caccia a tutto rafale F4….. sarà pazzesco

        Da notare che la Francia ha sempre annunciato gli aiuti quando erano fatti o quasi (SCALP A2SM AMX o Caesar). Le voci sull'addestramento ucraino trovano quindi la loro spiegazione (volo di prova con seggiolino eiettabile in pattuglia)
        Il piano era perfetto.

  2. La Francia non fornirà nulla all’Ucraina perché entro dicembre 2024 ci sono forti possibilità che la questione russo-ucraina venga risolta. E i leader europei lo sanno perfettamente; basti vedere l'indifferenza con cui la decisione del presidente è stata accolta dai suoi colleghi europei.
    Il presidente ucraino sembra aver accettato questa idea e il suo discorso all'Assemblea nazionale è più un ringraziamento per quello che è stato fatto che per quello che sarà fatto.
    Pianificare la consegna di aerei con piloti addestrati e MCO in 6 mesi, mentre i russi sono in piena offensiva e hanno rotto il fronte ucraino, è l’incompetenza più totale o la menzogna più totale. L’ottimismo mi porta a credere che sia la seconda opzione.

  3. Signor Arnaud, o chiunque tu sia come troll filorusso che si nasconde dietro questo soprannome, la tua propaganda filorussa basata sulla sabbia e regolarmente smentita dai fatti interessa solo a te e inquina uno dei rari siti dedicati alla questione militare dove i soggetti vengono discussi e affrontati in modo equilibrato.
    Per favore, riserva la tua sfrontatezza ai siti abituati a questo (come Opex 360, che non è privo di interesse nel suo genere) e lascia che le persone mature scambino in modo ponderato e intelligente su questo sito.

  4. Dove hanno sfondato il fronte i russi???
    L'incompetenza (o la disinformazione) è più nelle tue affermazioni

    • È il mio cognome e non so cosa significhi il termine "troll", che secondo me non è un termine francese.
      Non riverso la mia rabbia su nessuno ma mi limito ad analizzare ciò che leggo e ascolto sulla stampa, non solo su LCI, e traggo le mie conclusioni. Se non ti piacciono, non posso farci niente e mi dispiace!
      In generale, non vedo come un paese di 45 milioni di abitanti, senza industria degli armamenti, possa sconfiggerne un altro di 146 milioni come la Russia. La prova è l’aiuto che gli USA e altri devono costantemente fornire a questo Paese per non essere travolto. Tanto più che questi aiuti prima o poi dovranno cessare, date le insufficienti risorse finanziarie e industriali di cui dispongono gli Stati europei e i problemi strategici che gli Stati Uniti si troveranno presto ad affrontare nel Pacifico.
      Ora, se preferisci vedere gli ucraini essere uccisi – o non ti interessa – per avere il piacere di pensare che sei dalla parte del bene, è un tuo assoluto diritto, ma in termini di maturità abbiamo visto di meglio!

      • Per informazione, nel 3 Israele aveva una popolazione di 1968 milioni di persone. Ha sconfitto una coalizione araba di oltre 120 milioni di persone, infatti, grazie al sostegno americano e occidentale. Allora eravamo in un rapporto di 1/40, non 1/3 come in Ucraina. Quindi questo argomento della differenza di popolazione è poco rilevante.

        • Caro compagno,
          Condivido la tua opinione ma vorrei sottolineare che, a differenza dell’Ucraina nel 2022, Israele nel 1968 aveva essenzialmente, equipaggiato dai russi, gli egiziani di fronte a loro, che non furono mai oggetto della furia della guerra (vedi operazione franco-inglese) e avevano armi (fornite principalmente dalla Francia), relativamente parlando, e un know-how molto maggiore rispetto ai loro nemici.
          Inoltre la loro scelta, a quel tempo, era binaria: vincere o morire!
          E infine, se ci fosse una coalizione, gli israeliani avrebbero dovuto affrontarla solo per fasi, ma mai uniti.

          • A quanto pare, ci sono altri fattori da tenere in considerazione.
            Non hanno combattuto sullo stesso fronte i quattro principali paesi arabi alleati contro Israele (Egitto, Siria, Giordania e Iraq), ma questo non è stato un vantaggio, poiché hanno dovuto affrontare gli egiziani nel Sinai, i siriani nel Golan, ecc. … E anche contro il solo Egitto, dotato di equipaggiamenti ad alte prestazioni (T-55 contro Centurion, MiG-21 contro Mirage III…), il rapporto della popolazione era di 1 a 12.
            La differenza nella popolazione non è realmente decisiva, di per sé. La Prussia era significativamente meno popolata della Francia nel 1870 (25 contro 38 m), il Giappone imperiale affrontò la Cina nel 1936 (70 contro 650 m), ecc... Molti fattori influenzano gli equilibri di potere, altrettanto o anche di più di questo.

  5. Signor Arnaud,
    non sai cos'è un troll: scoprilo.
    Lungo il percorso, scopri anche chi è l'aggressore in questa guerra, chi sta bombardando le popolazioni civili se le morti ti interessano davvero...
    Secondo il tuo ragionamento sui numeri, la Gran Bretagna di Churchill avrebbe dovuto deporre le armi alla Germania nazista e ai suoi alleati nel 1940.
    Con te lo spirito di Monaco non è morto: preferisci il disonore alla guerra. State tranquilli, con Putin avrete disonore e guerra.
    Non so se sia la parte buona, ma preferisco sostenere gli aggrediti piuttosto che gli aggressori.
    Ognuno ha le sue scelte...

  6. Signore,
    Bisogna ragionare e non lasciarsi trasportare dalla passione e aggrapparsi ad una storia passata: lo spirito di Monaco? penseresti di sentire BHL! La differenza tra Monaco e il conflitto ucraino è che nel 1938 nessun paese aveva armi nucleari ma vi concedo che se i leader di allora avessero battuto i pugni sul tavolo, Adolf Hitler forse avrebbe riconsiderato la copia! Probabilmente pensi che negoziare con un paese dotato di armi nucleari così come con un paese che ne è privo ti farà molto bene, ma ti sbagli. Ancor di più quando uno dei due è considerato un dittatore capace del peggio.
    Quanto ai numeri: se è vero che la Gran Bretagna e soprattutto W. Churchill seppero resistere alla Germania nazista, lo fece con la certezza che gli USA prima o poi sarebbero intervenuti in loro favore sapendo che le stavano già fornendo un significativo aiuto volume di armamenti, che nulla toglie al loro coraggio! Inoltre vi ricordo, o vi informo, che la Gran Bretagna a quel tempo aveva un impero, la flotta della prima guerra mondiale e un’importante aviazione tattica e strategica, il che non è il caso dell’Ucraina.
    D’altronde rimango sbalordito nel leggere la tua conclusione che dimostra l’incoerenza, ed è riduttivo, del tuo ragionamento: “Non so se è il campo del bene, ma preferisco sostenere l’aggredito piuttosto che il aggressori. Quindi dubiti che il sostegno all’Ucraina non sia positivo? Approccio interessante alla situazione!
    Al contrario, non ho mai sostenuto né auspicato la vittoria della Russia, ho riletto quello che ho scritto con meno passione, ma ho solo detto che la sua vittoria mi sembrava inevitabile. Questa è la mia analisi e non ci metto passione. Se i negoziati di pace proposti da Zelenski nel marzo 2022 non fossero stati ostacolati da Regno Unito e Stati Uniti, ciò avrebbe evitato inutili perdite civili e militari: c’è differenza tra essere “monacischi” e cinici, come è avvenuto in questa vicenda per consentire agli Stati Uniti di condurre una guerra contro la Russia attraverso persone e cadaveri.
    Ultimo dettaglio, ora so cos'è un “troll”, termine molto utilizzato sul sito Opex 360 che devi quindi visitare assiduamente per padroneggiarne anche il vocabolario.

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE