È possibile controllare l’aumento dei prezzi delle attrezzature militari?

Quando si parla dell'aumento dei prezzi delle attrezzature militari, si è soliti citare i famosi La legge di Agostino, che prevedeva, a partire dal 1970, un aumento dei prezzi dei materiali di difesa molto più rapido rispetto a quello dei bilanci della difesa con, in definitiva, una significativa riduzione delle dimensioni degli eserciti.

È chiaro che i fatti degli ultimi 30 anni sembrano dare ragione a Norman Augustine, che era direttore della Lockheed Martin quando formulò questa teoria. Così, mentre il bilancio degli eserciti francesi è più che raddoppiato dal 1994, la struttura delle principali capacità militari francesi è stata dimezzata, a volte anche di più, passando da 900 a 200 carri armati da combattimento, da 600 a 225 aerei da combattimento, o addirittura da 2 portaerei e 30 scorte d'alto mare, per un singolo AP, e solo quindici scorte.

Questa concentrazione è in gran parte legata all’aumento dei costi delle attrezzature militari, sia per l’acquisto che per il possesso, che è molto più alto della sola inflazione e dell’aumento dei bilanci militari. È quindi fondamentale comprendere le cause che possono spiegare questi aumenti ed, eventualmente, individuare approcci atti a contenerli e limitarli, a beneficio della massa, ormai indispensabile, per fronteggiare la minaccia.

Il prezzo delle attrezzature di difesa occidentali è quasi triplicato in 30 anni

Il fatto è che, sotto molti aspetti, i prezzi delle attrezzature militari sono aumentati considerevolmente a partire dagli anni ’90 e dalla fine della Guerra Fredda. E questo, in tutto l'ambito occidentale, e riguardante tutte le categorie di attrezzature.

Rafale C Mirage 200D
Le Rafale sostituisce da solo 8 modelli di aerei da caccia delle forze aeree e navali francesi. Tuttavia, il numero totale di dispositivi è stato diviso per 3 dal 1990, mentre il prezzo unitario per dispositivo è aumentato di 3.

Così, in Francia, l'aereo da caccia standard del 1995, il Mirage 2000C, costava poco più di 25 milioni di euro, con un costo per ora di volo inferiore a 3 euro. Oggi, il Rafale costa circa 100 milioni di euro per aeromobile e un costo per ora di volo superiore a 10 euro. Allo stesso modo, le cinque fregate leggere stealth, acquistate dalla Marina francese, sono state acquistate per meno di 000 miliardo di euro, progettazione compresa, rispetto ai 1 miliardi di euro per le future 4 fregate da difesa e intervento.

Certamente, le capacità operative dell'IDF, come quelle dell' Rafale, sono molto superiori a quelli del FLF o del Mirage 2000C RDI. Eppure, anche per quanto riguarda le stesse apparecchiature, i prezzi sono aumentati notevolmente in soli vent’anni. Ad esempio, il missile americano FIM-96 Singer costava meno di 30 dollari a copia nel 000. Ora viene fatturato per più di 1995 dollari all’esercito americano e ai clienti americani dell’FMS.

L'F-16 Block 15, degli anni '90, è stato venduto per 25-30 milioni di dollari per aereo. Il Block 70 Viper si avvicina ora agli 80 milioni di dollari. Anche il missile Aster 15, inizialmente acquistato per armare la Charles de Gaulle nel 1998, aveva allora un prezzo quasi del 40% inferiore a quello attuale. Allo stesso modo, il Leopard 2 o l'americano Abrams furono offerti per meno di 3 milioni di dollari nel 1995. Oggi superano i 15 milioni di dollari.

Comprendiamo, in queste condizioni, come questi aumenti dei prezzi abbiano gravato notevolmente sui formati e sui bilanci degli eserciti. Il tema è tanto più preoccupante in quanto questi aumenti non sono omogenei a livello mondiale.

Pertanto, il T-90A russo fu acquistato dall’esercito russo per una cifra compresa tra 1 e 1,5 milioni di dollari negli anni ’90, mentre oggi rimane al di sotto dei 3 milioni di dollari. In altre parole, dove a Leopard 2 costava il prezzo di due T-90 nel 1995, oggi costa il prezzo di 5 T-90M, un carro armato molto capace.

Quali sono le cause di questi aumenti dei prezzi delle attrezzature militari in Occidente?

Per soddisfare le esigenze degli eserciti, la soluzione più ovvia, ampiamente utilizzata anche a livello parlamentare, è quella di chiedere un aumento degli investimenti destinati all’acquisizione di queste attrezzature.

Equipaggiamento per la difesa delle fregate FREMM
passando da 17 a 8 unità ordinate, il prezzo del contratto FREMM per la Marina francese è passato da 8 miliardi di euro a 8 miliardi di euro…

Potrebbe però essere utile approfondire le cause di questi aumenti dei prezzi, che potrebbero eventualmente mettere in luce alcune strade, proprio per aumentare le dimensioni degli eserciti, senza dover passare attraverso un massiccio aumento dei crediti.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Tessuto industriale difesa BITD | Analisi della difesa | Bilanci delle Forze Armate e sforzi di difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli