Constellation, F-35...: i programmi di difesa statunitensi sono afflitti da specifiche eccessive?

Game changer, Wunderwaffen... Fin dall'inizio del conflitto in Ucraina, questi termini sono stati spesso usati, sia per designare l'arrivo di nuove armi fornite dagli alleati occidentali, sia per riferirsi a nuovi programmi di difesa statunitensi o alleati.

È vero che immaginare un nuovo carro armato, aereo, drone o missile, così superiore ad altri equipaggiamenti esistenti, da rappresentare, di per sé, un netto vantaggio operativo, è qualcosa che seduce. Soprattutto per gli sceneggiatori di Hollywood che lo hanno utilizzato come base per molti grandi successi, come Firefox o Caccia all'Ottobre Rosso.

Questo sentimento trova le sue radici nei benefici concreti apportati agli eserciti americani dai grandi programmi dei primi anni ’70, che hanno dato vita, tra gli altri, ai carri armati Abrams, all’elicottero Apache, ai missili Patriot, SM-2 e Tomahawk. , gli F-15, F-16 e F-18, nonché le superportaerei Nimitz, la SSN Los Angeles e i cacciatorpediniere Arleigh Burke.

Da allora si è evoluto verso un pregiudizio di eccessiva specificazione riguardo alla progettazione di nuovi programmi americani di attrezzature di difesa, che, oggi, ostacolano seriamente la modernizzazione degli eserciti americani, a fronte di una Cina e una Russia molto più pragmatiche a questo riguardo.

Fregate Constellation: solo il 15% delle FREMM italiane, con 3 anni di ritardo e il 50% più costose

A questo proposito, la Marina americana aveva già, per così dire, toccato con mano le conseguenze di questi eccessivi pregiudizi tecnologici nella progettazione delle sue navi da molti anni. Pertanto, ha speso 21 miliardi di dollari per il programma di cacciatorpediniere pesanti Zumwalt, che dovrebbe fornire un vantaggio decisivo in termini di supremazia navale di superficie, in particolare grazie ai suoi nuovi cannoni a lungo raggio da 155 mm.

due programmi di difesa statunitensi falliti: ZUmwalt e LCS
I programmi LCS e Zumwalt erano entrambi caratterizzati da un eccesso di ambizioni e specifiche tecnologiche, che hanno portato all’esplosione dei costi e ad impasse di capacità.

Alla fine furono costruite solo 3 navi, prive dei suddetti cannoni, con un potenziale operativo inferiore rispetto alle più tradizionali Arleigh Burkes e 2,5 volte meno costose. Anche se gli Zumwalt sostituiranno oggi i loro inutili cannoni con missili ipersonici, questo programma ha gravemente ostacolato la modernizzazione della flotta di superficie americana, che attualmente è sotto pressione.

La stessa cosa accadde con il programma Littoral Combat Ships, o LCS. Queste navi, a metà tra l'OPV, la corvetta e la fregata, dovevano essere dotate di moduli di combattimento che permettessero di adattare le capacità della nave alla missione, che si trattasse di guerra contro le mine, guerra di superficie, guerra antisommergibile, o di supporto e sovranità.

Ancora una volta, lo era un fallimento tecnologico doloroso e costoso, e delle 32 navi costruite, a più di 600 milioni di dollari per unità, per sostituire le fregate OH Perry ritirate dal servizio nel 2014 e i cacciamine Avenger attualmente in fase di ritiro, una decina sono già, o saranno presto, ritirate dal servizio, a causa della mancanza di potenziale operativo adeguato alle esigenze.

Di fronte a questi due fallimenti, la Marina americana si è impegnata, nel 2017, a costruire una flotta di fregate più leggere, e soprattutto più economiche e veloci da costruire, rispetto ai cacciatorpediniere Burke. Per accelerare il processo e ridurre i costi, la scelta è caduta sul modello FREMM dell'italiana Fincantieri, una fregata polivalente da 6 tonnellate destinata a soddisfare le esigenze della Marina americana, con modifiche minime, per consentirne l'entrata in servizio dal 000.

Classe FREMM Bergamini
Le fregate Constellation e Begamini alla fine avranno solo il 15% di componenti comuni, il che mette in dubbio il valore di aver scelto un modello standard per la Marina degli Stati Uniti.

In occasione di l'audit ordinato dal SECNAV (Segretario della Marina), Carlos des Toro, e guidata dalla Marina statunitense, in merito alle difficoltà incontrate dall'industria navale americana, è emerso che la fregata USS Constellation, prima unità della classe, la cui costruzione è appena iniziata presso la I cantieri Fincantieri Marinette, non entreranno in servizio prima del 2029, ovvero con scadenze quasi raddoppiate rispetto al programma iniziale.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Ricerca e sviluppi sulla difesa | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli