MBDA prepara l'Aster 15 EC, due volte più efficiente dell'Aster 15

La famiglia dei missili Aster sarà presto ampliata, con l'arrivo degli Aster 15 EC. Entrati in servizio dal 2001, questi missili antiaerei hanno costituito una vera rivoluzione culturale nel campo della difesa aerea. Per la prima volta, infatti, gli occidentali potevano fare affidamento su un sistema non americano (o sovietico) per garantire la difesa aerea a medio e lungo raggio dei propri siti o delle proprie navi.

La gamma Aster era composta da due missili. L'Aster 30, dotato di un booster a lungo raggio, ha permesso al missile di raggiungere una gittata superiore a 120 km e un'altitudine di 20 km.

L'Aster 15 era più compatto, 4,2 metri contro 4,9 m, e più leggero, 310 kg contro 450. Sebbene conservasse l'estrema manovrabilità della famiglia Aster, e un cercatore radar attivo di altissima efficienza, gli fu dato solo di avere un'autonomia superiore a 30 km, 45 km essendo però spesso citati dalla stampa specializzata.

A quel tempo, altri missili a medio raggio raggiungevano solo una gittata inferiore, 42 km per il 9M37 Buk russo, 40 km per l’ESSM americano e 30 km per il NASAMS norvegese.

Da allora, questi sistemi hanno fatto notevoli progressi e raggiungono tutti una gittata di 50 km, compresi l'ESSM, il NASAMS e il tedesco Iris-t SLM, a volte anche di più, 70 km per il missile 9M37 del Buk-M3. Era quindi necessario che l'Aster 15 si evolvesse, come ha fatto l'Aster 30 con il Blocco 0, Blocco 1 e Blocco 1NT. Questo è esattamente ciò a cui ora si dedica MBDA.

L’eccellente comportamento della famiglia Aster di fronte ai droni e ai missili Houthi

Sebbene sia entrato in servizio nel 2001, il missile Aster non aveva mai avuto esperienza di combattimento, fino agli scontri nel Mar Rosso iniziati alla fine del 2023 contro droni Houthi e missili antinave, e in Ucraina contro missili e droni russi.

Fregata ASter Alsazia
Le fregate Linguadoca e Alsazia della Marina francese hanno lanciato più di 22 Aster 15 e 30 missili nel Mar Rosso.

Il missile europeo aveva mostrato, fino ad allora, qualità notevoli, salvo durante i lanci di prova e le esercitazioni, anche internazionali, in particolare riguardanti le versioni navali a bordo di fregate e cacciatorpediniere delle Marine francese, italiana e perfino britannica.

Tuttavia, non potendo contare sull'etichetta “Combat Proven”, né sulla precedenza del produttore missilistico europeo nel campo dei missili antiaerei a lungo raggio, l'Aster ha avuto molte difficoltà ad affermarsi nelle competizioni internazionali, soprattutto contro l'American Patriot, SM-2 e ESSM.

Pertanto, l’uso intensivo delle fregate Aster della Regia Marina, della Marina Nazionale e della Marina Militare, contro droni e missili da crociera Houthi, con un’ottima percentuale di successo, segna un cambiamento radicale nell’immagine del missile sulla scena internazionale .

Ciò è particolarmente vero da quando la fregata francese Alsace è diventata la prima nave europea ad intercettare con successo non uno, ma tre missili balistici antinave, portando l'Aster allo stesso livello del Patriot americano PAC e dell'SM-6.

Il missile Aster 15 EC sostituirà l'Aster 15 nel 2030

Per rispondere all’evoluzione della minaccia, e a quella della concorrenza, MBDA si è quindi impegnata, nel 2023, a sviluppare una nuova versione dell'Aster 15. Denominato Aster 15 EC, questo missile dovrà entrare in servizio nel 2030, inizialmente a bordo dei 4 sistemi SYLVER 43 della portaerei francese Charles de Gaulle, in occasione del 3° e ultimo grande arresto tecnico della nave, prima di essere schierato sulle fregate francesi .

Aster 15 EC avrà un'autonomia di oltre 60 km
Secondo MBDA, l'Aster 15 EC avrà un'autonomia superiore a 60 km, superando significativamente l'ESSM, il NASAMS e l'IRIS-T SLM.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Difesa antiaerea | Notizie sulla difesa | Conflitto russo-ucraino

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

6 Commenti

  1. “Potrebbe darsi che, in queste condizioni, il Mamba franco-italiano (e non franco-tedesco), una volta approvato in seno all’ESSI, si affermi rapidamente come standard europeo, con grande sgomento di Berlino e degli Stati Uniti , per il quale l'iniziativa costituì un trampolino di lancio molto efficace per prendere il controllo della difesa antiaerea europea. »

    • So che sono in corso delle discussioni. Ma non sarà semplice, perché affinché la Francia (e l’Italia) aderiscano all’ESSI, è ovvio che Berlino dovrà accettare di integrare la SAMP/T, così come la MICA VL NG. E come si dice nell’articolo, questo non funzionerà, ma non funzionerà affatto, nell’interesse di Berlino, né di Washington. A mio avviso bisognerà aspettare la partenza di Scholz perché tutto questo si concretizzi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli