Dispositivi di disturbo dei droni sui T-90M, T-73B3 e T-80BVM russi in Ucraina?

Il disturbo dei droni è diventato, in Ucraina, una questione sia tattica che strategica. Infatti, tra le tante tecnologie che hanno dimostrato la loro efficacia in combattimento in Ucraina, sono senza dubbio i droni da ricognizione o da attacco, a volte chiamati munizioni nascoste, che hanno causato gli sconvolgimenti più significativi nella condotta delle operazioni militari.

Non solo questi droni da ricognizione leggeri desopacificarono il campo di battaglia, rendendo quasi inefficaci tutti gli inganni e le manovre a sorpresa, ma, sotto forma di munizioni nascoste, colpirono pesantemente veicoli corazzati, sistemi di artiglieria e infrastrutture di entrambi i campi.

Nelle ultime settimane, le foto provenienti dalla Russia sembrano mostrare che questo problema è preso sul serio dai militari e dagli industriali del paese. Si tratta, infatti, di sistemi di disturbo destinati a contrastare i droni, montati sulle gabbie protettive dei nuovi carri armati T-80BVM, T-72B3 e T-90M.

La vulnerabilità dei carri armati russi e occidentali agli attacchi dei droni in Ucraina

Tradizionalmente, si accettava che il carro armato fosse il peggior nemico del carro armato. Tuttavia, fino a poco tempo fa molti prevedevano che l’efficacia dei moderni missili anticarro avrebbe segnato la fine dei carri armati.

Attacco di droni carri armati russi
La neutralizzazione dei droni è diventata una questione importante, sia per l’esercito russo che per quello ucraino, lungo la linea di impegno.

Se i missili anticarro hanno dimostrato la loro efficacia combattiva in Ucraina, non hanno tuttavia messo in alcun modo in discussione la necessità del carro armato, che rimane un compromesso unico tra protezione, mobilità e potenza di fuoco, l’unico in grado di fornire determinate opzioni in un contesto guerra congelata dall’artiglieria e dalla potenza aerea che fu in gran parte neutralizzata.

Mentre la minaccia dei missili era stata ammessa dagli stati maggiori russo e ucraino, né l’uno né l’altro, e nemmeno i sostenitori occidentali a Kiev, avevano previsto il ruolo cruciale che i droni avrebbero svolto, in questo conflitto, sia per quanto riguarda lo sgombero dei campo di battaglia e il loro utilizzo per effettuare attacchi oltre la linea di vista.

In questa zona, i carri armati russi, come quelli occidentali, hanno mostrato una notevole vulnerabilità agli attacchi di questo tipo di droni, in particolare dei russi Lancet, o dei Switchblade americani utilizzati dagli ucraini, distruggendo un gran numero di carri armati che, per lo più spesso non sapevano nemmeno di essere presi di mira.

Gabbie protettive installate rapidamente sui carri armati russi

Una prima risposta a questo tipo di minaccia, così come ai missili anticarro americani Javelin che colpiscono anche dall'alto le corazze prese di mira, è stata fornita dagli ingegneri russi, solo poche settimane dopo l'inizio del conflitto.

Gabbia protettiva T-80
La gabbia protettiva è apparsa dall’aprile 2022 sui carri armati russi e da allora ha ispirato diversi eserciti combattenti, tra cui quello ucraino e quello israeliano.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 carri armati da battaglia MBT | Notizie sulla difesa | Conflitto russo-ucraino

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli