RETEX Mar Rosso chiede un rafforzamento immediato della difesa antiaerea delle fregate francesi

Numerosi specialisti navali hanno, a più riprese, chiesto di rafforzare la difesa antiaerea delle fregate francesi di prim'ordine e, più in generale, delle navi della Marina francese.

Infatti, tradizionalmente, la Marina francese ha privilegiato il numero di scafi rispetto al proprio armamento, in un contesto, è vero, di minori tensioni geopolitiche e di bilanci magri.

Tuttavia, l’ultimo intervento del Ministro delle Forze Armate, del 26 marzo, riferendosi in particolare al consumo di missili Aster da parte delle fregate schierate nel Mar Rosso, delinea una prospettiva difficile da ignorare, sia da parte del Ministero che da parte Ammiragliato.

22 missili Aster lanciati in 4 mesi da due fregate francesi

Sébastien Lecornu ha indicato, durante questa conferenza stampa, che le due fregate, schierate nel Mar Rosso dalla fine di novembre 2024, prima la fregata FREMM Languedoc della classe Aquitaine, fino alla fine di gennaio, e da allora sostituiti dalla Fregata di difesa aerea dell'Alsazia FREMM, dell'omonima classe, hanno lanciato, in questo periodo, 22 missili Aster contro droni e missili Houthi, per proteggere se stessi e le navi commerciali scortate.

Fregate francesi di classe F Alsazia
L'Alsace è la prima fregata francese ad aver intercettato missili balsitici in combattimento.

Tuttavia questo numero rappresenta quasi la metà del totale dei missili antiaerei Aster 15 e 30 a bordo di queste due fregate, 16 per la Linguadoca, 32 per l'Alsazia, mentre è difficile dire che il teatro in cui si sono evoluti, fosse particolarmente intenso (tutto sommato), né che i missili e i droni lanciati dagli Houthi richiedessero un maggiore consumo di munizioni.

Questo Retex dimostra anche che, d’ora in poi, anche i teatri di minore intensità tecnologica, poiché gli Houthi non sono rinomati per le loro armi ad alta tecnologia, nonostante il sostegno iraniano, espongono le navi francesi a gravi minacce aeree e balistiche, richiedendo di rafforzare le loro capacità in questo campo. la zona.

Le dimensioni insufficienti di 16 fregate Aster della classe Aquitaine e Amiral Ronarc'h della Marina francese

Questa necessità di rafforzare le difese antiaeree riguarda, più specificamente, due classi di fregate che rappresentano la maggior parte della flotta di superficie di primo livello della Marina francese, le fregate FREMM della classe Aquitaine con sei navi, e le cinque future fregate FDI della classe Admiral Ronarc'h.

Entrambi, infatti, dispongono in quest'area soltanto di due sistemi di lancio verticale SYLVER 50, capaci di ospitare complessivamente 16 missili antiaerei Aster 15, con una gittata di 50 km, e Aster 30, che possono superare i 100 km e ha capacità antibalistiche di basso livello, oltre a un cannone da 76 mm.

Cannone FREMM da 76 mm
Il cannone da 76 mm dell'Alsazia si è rivelato efficace contro i droni Houthi.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Analisi della difesa | CIWS e SHORAD

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

Tutto

17 Commenti

  1. Grazie per il riassunto!
    E che dire anche di MICA VL? Forse meno costoso per più vettori.
    Inoltre mi sembra che MBDA stia lavorando ad una soluzione semplificata per i lanciatori Sylver, per quanto riguarda la compatibilità dei diversi missili a catalogo (già menzionata nei vostri articoli e confermata da una mia fonte attendibile).

    • Sì, ma ciò richiede l'inserimento di nuovi cabinati di tiro, l'adattamento del sistema di combattimento, ecc. È molto più lungo e pesante dell'aggiunta di due Sylver. In seguito, oggi non ha più senso utilizzare Mica VL NG piuttosto che Aster 15. La differenza di prezzo è minima e nessun guadagno in termini di prestazioni. Sarebbe interessante se MICA VL potesse essere multipack su Sylver. Ma ciò è ancora più lungo e più costoso, poiché richiede la riprogettazione del SYLVER, progettato in modo economico.

      • Esattamente, quale sarebbe l'entità del lavoro sul sistema SYLVER se volessimo multipack MICA NG?

        Infatti, come già indicato in almeno 2 articoli su questo sito, sarebbe interessante portare il Sistema SYLVER ad una modularità vicina a quella dell'americano Mk-41.

        Date le prestazioni annunciate del MICA NG nella versione aria-aria, potrebbe essere un serio concorrente del RIM-162 ESSM. Solo che quest’ultimo è di default “quadpacked” (4 missili per cellula di lancio). E come risultato ha ottenuto una serie di vittorie nelle esportazioni.

        Per quanto riguarda l'LMP, si tratta di una soluzione interessante ma limitata alla portata (e all'altitudine massima) del missile Mistral SATCP. E quindi particolarmente efficace contro i droni leggeri e altri minidroni. Contro droni pesanti e missili vari, sono necessari missili antiaerei più pesanti come l’attuale minimo MICA VL.

        • Ciò richiederebbe una riprogettazione quasi completa del VLS, almeno dei contenitori stessi e dei collegamenti agli armadietti. Ciò comporterebbe ovviamente molti vantaggi, ma è un progetto vero e proprio, che probabilmente durerà diversi anni. In questo articolo parleremo più di Quickwin, che può essere implementato in tempi molto più brevi e a costi inferiori.

          • In effetti, i ritardi saranno sicuramente troppo lunghi per l’attuale conflitto nel Mar Rosso. Sarebbe possibile parlarne in modo più specifico in un prossimo articolo?

          • Non ho altre informazioni oltre a queste su questo argomento. Ma se escono informazioni sull'argomento, non me le perderò. Detto questo, non vi è alcuna indicazione che ciò sia in cantiere oggi.

  2. Che senso ha dotare un edificio di LMP se significa lasciare permanentemente 4 moduli maestrale?
    Il giorno in cui si presenteranno altre necessità (esca, MMP, razzi da 70 mm, bombe di profondità), quante decine di minuti saranno necessarie per sostituire un modulo?
    Ci sarà spazio per i moduli di riserva?
    I lanciatori doppi maestrale o sadrale non sono equivalenti agli LMP per la contraerea?
    Non sarebbe il momento di effettuare un ordine all'ingrosso di 50 Rapid Fire da consegnare in 5-7 anni per ottenere economie di scala? 8 su navi cisterna, 2 su PA, 13 su fregate, 10 su motovedette, 2 a Long Island...

    • Precisamente, la modularità dell'LMP consente di adattare il suo carico alla minaccia immediata. Devi indurire il CIWS, puoi arrivare fino a 16 Mistral. Prevedi i droni navali? Puoi inserire un modulo Akeron e un modulo razzo da 70 mm, nonché un modulo lanciafumo. È un sistema davvero brillante.
      Gli incendi rapidi sono già previsti per le tre BRF (navi per il rifornimento di petrolio), le dieci navi pattuglia offshore e le sei GBGM (guerra contro le mine). È vero che alle quindici fregate di prim’ordine aggiungerne altre, le tre PHA e la PAN, sarebbe certamente gradito.

    • Un Oto-Melara da 76 mm e un Rapid Fire non hanno la stessa impronta, né la stessa profondità. Non possiamo confrontare i due. D'altronde, infatti, sono molto efficaci la Strales e la DART shell. D'altro canto soffre di un limite di tiro, che può cambiare solo aumentando il numero di pezzi.

  3. Allo stesso modo il MISTRAL 3 può essere utilizzato contro piccole navi poiché ha neutralizzato un carro armato AMX-30 durante un test più di dieci anni fa, quindi non sono necessari AKERON o razzi da 70 mm LMP ma solo MISTRAL 3 in grandi quantità.

    • Non ho mai sentito parlare di un Mistral che ha sparato contro un AMX-30. E non vedo come questo missile possa perforare un carro armato, data la sua testata progettata per lanciare palline di tungsteno per creare un cono di distruzione. È l'equivalente di un tiro al volo da 12,7 e non può perforare un carro armato. Può essere usato contro veicoli non corazzati, possibilmente contro navi, ma il suo dispositivo di ricerca non è progettato per il fuoco diretto in mare agitato. Non ci scommetterei. L'Aheron inizia guadagnando quota, il che gli dà una visione molto più chiara del bersaglio.

  4. Due SYLVER 50 VLS aggiuntivi sui 5 FDI ​​della classe Amiral Ronarc'h e due aggiuntivi sui Forbin e Chevalier Paul, per quanto efficaci siano queste modifiche, porterebbero di fatto ad un aumento significativo della necessità di missili da equipaggiare gli immobili interessati (160 Aster per la FDI e 128 per la FDA) quindi per definizione il costo degli immobili. Ciò richiederà un aumento ancora più significativo del volume di munizioni in stock.
    Sarà, come sempre, un problema di budget: se si faranno questi cambiamenti, sarà a discapito di un altro o di altri programmi.

    • Questo è assolutamente corretto. Ora bisogna considerare anche altri fattori, come il prezzo umano, politico e di bilancio che deriverebbe dalla perdita di una nave da 700/800 milioni di euro con più di cento marinai francesi a bordo, perché non sufficientemente protetta.
      Con un budget fisso, si pone la questione se sia meglio avere 15 scafi moderatamente armati, che potrebbero avere buchi nel sistema di protezione, o 14 o 13 scafi, armati come sarebbe opportuno, tenendo conto della minaccia. Non ho la risposta, ma è chiaro che il MN ha sempre privilegiato il numero di scafi rispetto agli armamenti, e lo trovo discutibile. Mi sembra che dovremmo definire l'armamento imbarcato su una fregata di prim'ordine, in relazione alle esigenze di calcolo, e non in relazione ai calcoli di bilancio per dedurne le possibilità. Passando da SEM/F-8 o F1/Jaguar/2000 a Rafale, abbiamo fatto un enorme salto in termini di potenziale operativo, ma abbiamo deciso di dividere la flotta a metà, perché avevamo bisogno di un Rafale essere efficiente. Anche qui tenderei ad applicare lo stesso ragionamento. Scegliere tra 300 Mirage (15 fregate) e 200 Rafale (13 fregate armate molto meglio), non dovremmo orientarci verso la seconda ipotesi?
      Infine, tra un IDE Marine Nationale con 16 Aster, 8 Exocet e un 76 mm, e un IDE con 32 Aster, 32 Mistral 3, 8 Exocet (quindi in totale 72 missili), un 76 mm e un Rapid Fire, sono dell'opinione che sia il secondo ad attirare l'attenzione sulla scena internazionale. 72 missili, non siamo poi così lontani dai 90 missili del Burke, e esattamente allo stesso livello del Constellation (grazie all’ESSM e con la metà dei missili terra-aria a lungo raggio), che costano il doppio molto, e che non sarà altrettanto efficace in ASM (perché in ASM siamo i migliori, e basta!).

      • Condivido la tua opinione, ma dato che siamo già a corto di petrolio in termini di edifici di prim'ordine, non vedo come potremmo ridurne decentemente il numero per finanziare l'armamento moderno di quelli rimanenti.
        Quanto alla scelta di privilegiare il numero, si tratta, a mio avviso, del residuo del vecchio principio di flotta in vigore che, ad esempio, faceva sì che l'Hood venisse mandato a fondo con il suo equipaggio di 2000 uomini al secondo salvo dalla Bismark: il suo ammodernamento non era stato completato dal rafforzamento del ponte corazzato ma sulla carta la Home Fleet disponeva di un incrociatore da battaglia da 48 t.

  5. Buonasera Fabrice,

    Mi sembra di aver letto il mese scorso che il Paseo XLR sarebbe stato installato sulle fregate delle classi Aquitaine e Alsace e che offriva una garanzia in più rispetto allo scarso numero di missili. Quindi non basta?

    La classe Aquitaine non è destinata alla contraerea, la guerra antiaerea rinforzata non andrà a scapito della guerra sottomarina?

    • Bonsoir
      Il Paseo è senza dubbio un vantaggio, per sfruttare al meglio il 76 mm. Ma questo cannone è efficace solo per l'autodifesa, non per la scorta. E ha i suoi limiti, anche in termini di copertura spaziale. Se vola un po' alto, un po' veloce o dietro la fregata, è fuori portata. Si tratta di una vera risorsa, ma non costituisce una risposta commisurata all’evoluzione della minaccia.
      Per l'Aquitania, come gli IDE, sono soprattutto ASM, infatti. Ma poiché disponiamo solo di 15 fregate, di cui solo 4 AA, abbiamo inviato nel Mar Rosso la Linguadoca, dove i sottomarini non erano una legione.
      Una densificazione come l’evocazione di capacità AA non deteriorerebbe l’ASM. D’altra parte è molto difficile fare entrambe le cose contemporaneamente, se non impossibile.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE