Il futuro del cannone elettrico è nei piccoli calibri e nella difesa antiaerea?

Se gli Stati Uniti hanno terminato il loro programma di cannoni elettrici, o railgun, nel 2021, altri programmi in tutto il mondo hanno perseverato in questo modo, e ora sembrano raggiungere una certa maturità tecnologica.

Ciò è particolarmente vero nel caso del programma cinese, che sembra essere sempre più vicino ai test operativi, se dobbiamo credere alle recenti dichiarazioni degli ingegneri cinesi responsabili di questo progetto. Ma la Cina non è l’unica ad avvicinarsi ad una soluzione operativa, anche il Giappone, così come la Francia, si stanno muovendo rapidamente in quella direzione.

Questi programmi condividono, oltre a un calendario simile, un approccio tecnologico comune. Infatti, lungi dal cercare di riprodurre il sistema americano di grosso calibro, per sostituire l’artiglieria tradizionale, si sono tutti rivolti a munizioni di calibro molto più piccolo, per realizzare sistemi antiaerei, antimissili e antidroni, con caratteristiche uniche e notevoli.

Come funziona un cannone elettrico, o Railgun?

Dalla comparsa della polvere da sparo in Cina nell’XI secolo, cannoni, obici e altre armi da fuoco hanno funzionato tutti allo stesso modo. Mentre brucia, la polvere rilascia una grande quantità di gas caldo, spingendo il proiettile nella canna della pistola e imprimendogli la sua traiettoria.

cannone elettrico cinese LST railgun
Una delle foto ravvicinate del Railgun cinese installato per i test sull'LST della Marina cinese

Evidentemente nel corso di dieci secoli sono stati fatti molti progressi, sia nella qualità delle polveri, nella resistenza e nella lunghezza dei tubi, nella qualità dei proiettili, ecc. Seconda Guerra Mondiale, con una gittata spesso più che triplicata a parità di calibro, e una precisione senza pari.

Il fucile elettrico sfrutta un campo elettromagnetico per conferire al proiettile, posto su una rotaia (da cui il nome railgun), la sua velocità iniziale. Dal punto di vista teorico questa soluzione offre numerosi vantaggi, a patto di avere a disposizione una potente fonte elettrica.

In particolare, consente di rinunciare ad una scorta di polvere da sparo, che è allo stesso tempo ingombrante, particolarmente difficile da trasportare e che comporta notevoli rischi in combattimento. Inoltre, consente di conferire al proiettile una velocità iniziale, molto più elevata, a parità di lunghezza del tubo, rispetto alla propulsione a polvere, anche oltre la soglia ipersonica.

Infatti, consente potenzialmente di raggiungere distanze o altitudini inaccessibili ai sistemi di artiglieria convenzionali. Così, durante i suoi test, la Marina americana ha stimato che il suo programma Rail Gun potrebbe raggiungere una gittata di 200 km con una velocità di uscita della volata di Mach 7, e anche oltre 350 km, se questa velocità fosse portata a Mach 10.

L'impasse del programma americano Railgun di grosso calibro

Tuttavia, il Railgun non è privo di vincoli. Come detto in precedenza, deve avere a disposizione una notevole energia elettrica, come eserciti ad alta energia, laser o cannoni a microonde.

Cannone a rotaia della marina statunitense
Il programma della Marina americana è stato abbandonato nel luglio 2021

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Cannoni elettrici Railgun | Analisi della difesa | STATI UNITI

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli