Come sarebbero gli eserciti francesi con il 3% del PIL?

“Dobbiamo portare lo sforzo di difesa degli eserciti francesi al 3% del PIL, come durante la Guerra Fredda! » Avrete sicuramente sentito questa frase negli ultimi mesi, se seguite le notizie sulla difesa francese o europea.

In effetti, gli sviluppi della minaccia, soprattutto in Europa, e anche per quanto riguarda la deterrenza nucleare, mettono in dubbio la pertinenza della soglia del 2% prevista dalla LPM 2024-2030, che sembra incapace di fornire agli eserciti i mezzi necessari per realizzare ragionevolmente il loro futuro. missioni.

Come spesso accade, questo tipo di certezza si basa più su un sentimento potente, nonché su alcune scorciatoie storiche, economiche, sociali e persino militari, che su un'analisi costruita dell'ipotesi.

Allora, come sarebbero gli eserciti francesi se avessero effettivamente un budget equivalente al 3% del PIL del paese? Questa ipotesi è efficace nel rispondere alle minacce? Soprattutto, è realistico e applicabile, date le numerose sfide e vincoli a cui gli eserciti devono rispondere?

L'evoluzione dello sforzo di difesa francese dalla Guerra Fredda ai benefici della Pace

Dal 1950 al 1970, la spesa per la difesa francese ha rappresentato, in media, Il 5% della ricchezza prodotta ogni anno dal Paese. Questo tasso molto elevato si spiega con l'azione combinata della Guerra Fredda e della minaccia sovietica, particolarmente pressante in questo periodo, ma anche con le due guerre coloniali alle quali hanno partecipato, in Indocina e poi in Algeria.

Miraggio IV
Il Mirage IV ha effettuato la componente aerea del deterrente francese dal 1964 al 2005

Soprattutto, nello stesso periodo, il Paese si è ricostruito dalle conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e dell’occupazione tedesca, con uno sforzo molto significativo nella reindustrializzazione e in alcuni campi tecnologici, tra cui il nucleare, che hanno trasformato profondamente l’economia del Paese. .

Quindi, il Il PIL pro capite in Francia è aumentato da 10 a quasi 500 dollari nel decennio 16-000. il PIL del paese, dal canto suo, è passato da 15 miliardi di dollari nel 1950 a 126 miliardi di dollari nel 1970, per salire a 1060 miliardi di dollari nel 1990 e a 2650 miliardi di dollari nel 2022. Anche al netto dell’inflazione, si comprendono le ragioni che hanno obbligato la Francia a destinare tali percentuali al suo sforzo di difesa fino al 1970, e parte delle ragioni che hanno portato al declino di questo sforzo a partire dal 1980.

Difficile, in queste condizioni, paragonare lo sforzo di difesa nel 1970, pari al 3,06%, e quello dedicato oggi a questa stessa funzione dal Paese, sia a livello economico, sociale, politico, industriale, tecnologico e anche internazionale, sono senza paragone con cosa erano allora.

I limiti della soglia al 2% del Pil per lo sforzo di difesa francese

Tuttavia, gli eserciti in ricostruzione, con uno sforzo di difesa pari a circa il 2%, appare molto inadatto a rispondere alle sfide alla sicurezza che stanno prendendo forma, in particolare dopo la trasformazione dell’economia e della società russa, che ha posto gli eserciti e l’industria della difesa al centro dell’azione dello Stato.

SSBN trionfante
Il Triomphant SSBN deve rimanere non rilevabile per garantire la sua missione di deterrenza

E per una buona ragione, con uno sforzo di difesa al 2% del PIL, la deterrenza francese potrà contare solo su 4 SSBN e due squadroni da bombardamento strategico, l'Esercito su una forte forza operativa terrestre di soli 77 soldati. vero, da gran parte delle 000 guardie nazionali.

Questa forza è armata con solo 200 carri armati da combattimento, 600 veicoli da combattimento di fanteria, poco più di un centinaio di sistemi di artiglieria e da 10 a 20 lanciarazzi a lungo raggio, molto meno di quanto produce l’industria della difesa russa in un solo anno.

La Marina francese non si trova meglio, con la sua unica portaerei, un'aberrazione operativa, i suoi sei sottomarini d'attacco, le sue tre portaelicotteri, una delle quali funge da nave scuola, e le sue quindici fregate di prim'ordine, per un paese la cui metropoli ha tre facciate marittime e possiede la più grande zona economica esclusiva estesa su tutti gli oceani del pianeta.

L'Aeronautica Militare, infine, ha dovuto ridurre i propri aerei da caccia a 185 aerei, di cui una trentina dedicati alla sola missione nucleare, una cinquantina di aerei da trasporto tattico e strategico, una quindicina di aerei cisterna e quattro Awac, meno di dieci antiaereo -batterie antimissilistiche per aerei e a lungo raggio. Non dispone più nemmeno di dispositivi di addestramento ad alte prestazioni per l’addestramento dei suoi piloti da caccia e per l’addestramento dei piloti e degli abbonati negli squadroni.

Rafale Air Force
Con soli 185 aerei da combattimento, l'Air and Space Force non dispone della struttura necessaria per sostenere, nel tempo, un conflitto ad alta intensità.

Essendo la difesa un esercizio relativo, è opportuno paragonare questo formato degli eserciti francesi al 2% del PIL, con 208 uomini, agli eserciti russi, con un budget di 000 miliardi di dollari equivalenti al 110% del PIL, con 10 milioni di uomini, schierati 1,5 SSBN, più di 12 missili strategici ICBM, un centinaio di bombardieri strategici, da 500 a 2500 carri armati, 3500 veicoli corazzati e da combattimento di fanteria, più di 5000 cannoni semoventi e lanciarazzi, 2000 batterie antiaeree a lungo raggio e un migliaia di aerei da combattimento.

Certamente, la Francia non è la sola ad opporsi alla minaccia russa in Europa, e molti paesi stanno compiendo sforzi significativi per riequilibrare gli sfavorevoli equilibri di potere. Tuttavia, gli eserciti francesi dispongono, in Europa, di risorse detenute, a parte loro, solo dall'alleato americano, o anche dagli inglesi in certi casi.

Come potrebbero essere gli eserciti francesi se la Francia destinasse il 3% al bilancio militare?

In questo contesto, aumentare lo sforzo di difesa al 3% consentirebbe di ristabilire un equilibrio di potere favorevole, di fronte alla minaccia russa e globale, in Europa e altrove? Probabilmente, come vedremo, sarebbe così.

Pertanto, i cambiamenti nella composizione degli eserciti, passando dal 2 al 3% del PIL, sarebbero molto più sensibili di quanto lo siano stati passando dall’1,5 al 2%, dal 2016 al 2024. Infatti, risultante da questo primo aumento, che sopra Tutto ciò ha permesso di riportare gli eserciti ad un punto di equilibrio di bilancio nel loro formato, le forze francesi continuano a rispettare i volumi fissati dal Libro bianco del 2013, sia in termini di uomini, veicoli corazzati, aerei e navi.

Eserciti francesi Leclerc
L'LPM 2024-2030 non prevede la sostituzione del carro armato Leclerc, né l'incremento dei 200 esemplari da ammodernare, in attesa dell'MGCS che dovrebbe arrivare oltre il 2040.

Viceversa, il passaggio al 3% consentirebbe di contare su tutti gli investimenti operativi e di sviluppo già coperti dal passaggio al 2%, per dedicare gli sforzi, appunto, ad una significativa evoluzione del format. Perché, con un PIL di 2023 miliardi di euro nel 2650, uno sforzo di difesa del 3% consentirebbe di aumentare il bilancio dell’esercito da 47 miliardi di euro a quasi 80 miliardi di euro, ovvero un valore aggiunto di 30 miliardi di euro.

Un deterrente francese ridimensionato per contenere la minaccia russa

Di fronte alla minaccia russa e all’eventuale riorganizzazione della deterrenza europea, un bilancio per la difesa di 80 miliardi di euro permetterebbe di aumentare significativamente il potenziale operativo della deterrenza francese, in particolare da 4 a 6 SSBN.

Con 6 SSBN, la Marina francese potrebbe infatti mantenere permanentemente due navi in ​​mare e una terza in allerta 24 ore su XNUMX, per un periodo illimitato, contro una nave di pattuglia e una in allerta oggi.

Tuttavia, l’aumento di potenza della flotta sottomarina russa, ma anche il massiccio e inevitabile arrivo di droni di sorveglianza subacquea, aumenterà, negli anni a venire, il rischio che un SSBN in mare possa essere compromesso, quindi incapace di svolgere le sue funzioni. missione deterrente.

Tuttavia, se un sottomarino nucleare che lancia missili in mare ha, ammettiamo, una probabilità del 3% di essere scoperto durante il suo pattugliamento con questi nuovi mezzi, un rischio che possiamo giudicare relativamente basso, ciò significa anche che i francesi, e pertanto la posizione deterrente europea sarebbe minacciata 10 giorni all’anno. L’avversario dovrebbe solo essere un po’ paziente per eliminare potenzialmente questo rischio.

Iskander-M russo
Il deterrente francese deve avere un sistema equivalente al sistema balistico terra-terra a corto raggio Iskander-M per avere tutto il vocabolario necessario per il dialogo di deterrenza con Mosca.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Budget e sforzi di difesa delle forze armate | Analisi della difesa | Armi nucleari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

  1. Buongiorno,

    Quale sarebbe la struttura dell’esercito francese se arrivassimo al 5% del PIL come durante la Guerra Fredda?

    Potremmo avere 3 GAN, 750 NGF e diverse migliaia di droni di tipo Neuron, 1500 MBT, 1500 LRM e 10 SSBN?

    Possiamo massimizzare la produzione di tutte le armi/materiali/equipaggiamenti militari senza aumentare il debito/l’inflazione o le tasse/tasse/oneri?

    • Come spiegato nell’articolo, questa storia del 5% corrispondeva a un’epoca completamente diversa, quando l’economia e la società francese erano strutturate in modo molto diverso. Sinceramente non vedo assolutamente come gli eserciti potrebbero sfruttare efficacemente uno sforzo di difesa al 5% del Pil, senza che ci troviamo effettivamente in una guerra totale.
      Inoltre, per beneficiare di un effettivo ritorno di bilancio, la produzione di armi per gli eserciti francesi deve essere equivalente a quella esportata. Esiste quindi una soglia ovvia in questo ambito, quella del mercato indirizzabile.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli