Olaf Scholz promette di portare lo sforzo di difesa tedesco al 2% e di sostenere l’Ucraina… Ancora una volta…

Durante una visita ad una fabbrica della Rheinmetall, Olaf Scholz ha promesso che porterà lo sforzo di difesa tedesco oltre il 2% richiesto dalla NATO e che aumenterà gli aiuti militari forniti all'Ucraina. Per la cancelliera si trattava di rispondere alle minacce del candidato Trump e di cercare di riconquistare una certa leadership su questi temi in Europa, come fece quasi due anni fa, dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. .

Tuttavia, la mancanza di determinazione con cui ha attuato la Zeitenwende (cambiamento di tempi) durante i due anni appena trascorsi, ma anche il suo evidente seguito americano quando si è trattato di consegnare armi all’Ucraina, probabilmente non gli daranno, in quanto a Alla Germania lo stesso slancio e lo stesso merito che gli furono attribuiti dopo il suo primo discorso.

Le diverse risposte all’evoluzione della minaccia russa in Europa

Ci sono paesi europei e capi di Stato che si sono impegnati con convinzione nella ricostruzione dei loro eserciti, in particolare dopo che la Russia ha lanciato l’operazione militare speciale contro l’Ucraina, e che hanno mantenuto questa linea con determinazione. È il caso dei Paesi scandinavi e baltici, della Polonia, dei Paesi Bassi e, più in generale, dei Paesi dell’Est Europa.

Ce ne sono altri che fanno sempre orecchi da mercante e che, nonostante certe promesse e dichiarazioni, continuano ad evolversi con uno sforzo di difesa particolarmente basso, lontano dagli standard richiesti dalla situazione. È il caso del Belgio, del Canada e perfino della Spagna.

Olaf Scholz Bundestag
Il discorso del 27 febbraio 2022 pronunciato da Olaf Scholz davanti al Bundestag che ha dato il via ai lavori Zeitenwende ha ricevuto un massiccio sostegno da parte dei parlamentari tedeschi

Infine, c’è un paese e un capo di stato che sembrano adattare le proprie convinzioni agli eventi attuali e alle parole chiave di tendenza su Twitter. Si tratta, ovviamente, della Germania e di Olaf Scholz, che continuano ad adattare il suo discorso in questo ambito alle aspettative percepite dall’opinione pubblica e dall’industria della difesa, vestendo questa determinazione con un aspetto molto europeo.

Così, a pochi giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, e soprattutto dopo che il capo di stato maggiore della Luftwaffe ha pubblicato, su LinkedIn, un post intriso di una certa disperazione, evidenziando l'impreparazione della Bundeswehr ad affrontare una possibile guerra ad alta intensità , il cancelliere tedesco ha tenuto un discorso molto offensivo al Bundestag, per ricostruire urgentemente il potenziale difensivo dell'esercito tedesco.

Ad ascoltarlo, quindi, il nuovo cancelliere, appena eletto, aveva effettivamente colto in pieno la sfida che si presentava, annunciando contemporaneamente la creazione di un fondo di investimento da 100 miliardi di euro affrontare urgentemente le carenze più significative della Bundeswehr e l’aumento del bilancio dell’esercito oltre il 2% del PIL, per mantenere questo sforzo nel tempo.

La determinazione di Olaf Scholz nell'implementare il Zeitenwende affrontare la prova del tempo

Ben presto, una volta superato lo shock iniziale e sotto controllo l’ansia dell’opinione pubblica tedesca, la cancelliera tedesca ha invertito la rotta. Innanzitutto, integrando gradualmente, spese legate al fondo speciale di investimento con l'obiettivo del 2%., poi integrando, nel tempo, programmi già pianificati altrove, e spese di funzionamento.

In poco più di un anno, infatti, lo sforzo eccezionale a favore della ricostruzione della Bundeswehr, votato dal Bundestag, si era concretizzato svuotato di quasi tutta la sua sostanza, mentre gli eserciti tedeschi vedevano svanire le loro speranze in un rapido rinnovamento dell'equipaggiamento, o addirittura in un cambio di formato.

Puma Bundeswehr
La disponibilità di attrezzature e unità della Bundeswehr rimane particolarmente problematica, due anni dopo il lancio della Zeitenwende.

Alla fine, due anni dopo il discorso del Bundestag, la Bundeswehr resta in una situazione operativa spesso disastrosa, con una disponibilità di forze eccezionalmente bassa, programmi di rinnovamento delle attrezzature che sono diminuiti con il venir meno della determinazione politica e investimenti orientati più a sostenere le esportazioni dell’industria della difesa tedesca, che a rafforzare la resilienza della Bundeswehr.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Germania | Notizie sulla difesa | Bilanci delle Forze Armate e sforzi di difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli