La Francia vuole rivolgersi alla svedese Saab GlobalEye per sostituire i suoi aerei Awacs

La possibile acquisizione, da parte della Francia, del sistema di allarme rapido svedese Saab GlobalEye, in sostituzione dell'AWACS E-3F Sentry dell'Aeronautica Militare, sarà senza dubbio uno dei grandi temi affrontati dal Presidente francese, in occasione del suo visita ufficiale in Svezia, che inizierà il 30 gennaio, quando Parigi e Stoccolma approfondiranno la loro cooperazione industriale in materia di difesa.

Ma la posta in gioco di questa visita potrebbe andare ben oltre questo quadro unico, che è già strategico. In effetti, tutto indica che in questa occasione il presidente francese discuterà della possibile partecipazione svedese al programma FCAS e forse anche di altre collaborazioni ambiziose, come nel campo dei droni da combattimento. Perché, sotto molti aspetti, Francia e Svezia condividono la stessa visione in termini di difesa e cooperazione industriale europea, ma anche esigenze simili.

La Svezia, una delle principali nazioni di difesa militare e industriale in Europa

Sebbene attaccata alla propria neutralità per lungo tempo, o forse proprio per questo, la Svezia è stata, durante la Guerra Fredda e successivamente, uno dei paesi europei che più condividevano le posizioni della Francia in materia di difesa.

Per garantire la protezione del suo immenso territorio, nonostante una popolazione relativamente piccola di soli 8 milioni di abitanti nel 1980, Stoccolma aveva sviluppato un potente strumento militare, nonché un'importante industria della difesa che le permetteva di produrre l'essenziale delle sue attrezzature, dai sottomarini ai aerei da combattimento.

Sottomarino A26 Blekinge
La Svezia è uno dei pochi paesi in grado di progettare sottomarini convenzionali ad alte prestazioni, come la nuova classe A26 Blekinge.

Come tutti i paesi europei, la Svezia ha abbassato la guardia negli anni 2000, con un budget per la difesa così ridotto che gli eserciti svedesi hanno schierato solo 2 battaglioni operativi attivi nel 2015, rispetto alle 15 brigate del 1990. Tuttavia, Stoccolma non ha mai smesso di sostenere la sua industria della difesa , producendo alcune attrezzature di particolare successo come il caccia JAS 39 Gripen, il Veicolo da combattimento di fanteria CV90, o il sottomarino A-19 della classe Götland.

Soprattutto, la Svezia ha fatto il punto sull’evoluzione della minaccia nell’Europa orientale nel 2016, reintroducendo il servizio militare obbligatorio, ma parziale, nel 2017, sostenuto da una nuova la cosiddetta dottrina della difesa globale, progettato per dissuadere un possibile avversario dal voler impadronirsi militarmente del paese.

La sua incidenza sul bilancio è evoluta proporzionalmente nello stesso periodo. Mentre nel 1 Stoccolma ha dedicato ai suoi eserciti solo l’2015% del suo Pil, ovvero 55 miliardi di corone (5 miliardi di euro nel 2015), nel 2024 questa cifra è stata portata a 115 miliardi di corone (10 miliardi di euro nel 2024) e al 2,1% del suo Pil. permettendoglielo far avanzare il suo sistema di difesa fino a 3 brigate, oltre a una ventina di battaglioni ausiliari, pronti entro 48 ore entro il 2025.

Pertanto, se la Svezia aderirà presto alla NATO, dopo l’accordo del Parlamento turco, continuerà ovviamente a investire pienamente nella propria difesa e nella difesa collettiva regionale ed europea.

Visita di Stato di Emmanuel Macron in Svezia per approfondire i legami industriali della difesa tra i due paesi

È in questo contesto che il presidente francese Emmanuel Macron inizierà la visita di Stato in Svezia il 30 gennaio. Se saranno molti gli argomenti di cui si discuterà tra il presidente francese e il suo omologo svedese Ulf Kristersson, in cima alla lista ci sarà la cooperazione franco-svedese nella difesa e nell'industria della difesa europea.

Missile MMP Aheron Jaguar
Parigi e Stoccolma avvieranno una cooperazione volta ad espandere le prestazioni e le capacità del missile anticarro Akheron di MBDA.

Infatti, se, come al solito, Parigi aveva messo sotto tensione Stoccolma, nel 2018, dopo che la Svezia ha arbitrato a favore del sistema antiaereo e antimissile americano Patriot, a scapito del franco-italiano SAMP/T Mamba, i rapporti si sono rapidamente normalizzati, con diverse efficaci collaborazioni industriali nel settore della difesa, che riguarda l'anti -munizioni per carri armati (razzi VT4, missili Akheron, proiettili Bonus), sistemi di rilevamento (radar giraffe, aerei Awacs GlobalEye, ecc.) e altri.

Perché se le industrie francesi e svedesi sono spesso in concorrenza, come nel caso di Rafale di fronte al Gripen , Sottomarino Blekinge di fronte allo Scorpene o al Marlin, o la pistola CAESAR rivolta verso l'Arciere, sanno anche collaborare molto bene, come nel caso del programma Neuron o del missile Meteor.

Parigi e Stoccolma condividono soprattutto posizioni strette riguardo alla cooperazione industriale europea nel settore della difesa e al rafforzamento dell'autonomia strategica europea, anche se la Svezia resta uno stretto partner, soprattutto nel campo dell'industria della difesa, degli Stati Uniti (motore Gripen, T -7A aereo da addestramento, ecc.).

La Francia sta prendendo in considerazione il Saab GlobalEye per sostituire i suoi 4 aerei radar AWACS E-3F

Per aprire il discorso, Emmanuel Macron non arriverà in Svezia solo con belle parole. Durante questa visita verranno infatti lanciati diversi programmi di cooperazione industriale nel settore della difesa, in particolare riguardanti l'evoluzione del missile anticarro Akheron di MBDA, che sarà dotato di nuove capacità con Saab.

Ma il grande tema di questa visita saranno senza dubbio le discussioni che verranno avviate tra i due paesi, per sostituire i 4 velivoli avanzati di sorveglianza aerea AWACS E-3F Sentry dell'Aeronautica Militare, con gli svedesi GlobalEye.

La svedese Saab Globaleye sostituirà la francese E-3F?
Un E-3F SDCA del 36° squadrone di rilevamento e controllo aviotrasportato. © A. Jeuland / Aeronautica Militare

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Awacs e guerra elettronica | Analisi della difesa | Aerei da caccia

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli