La Marina americana si troverebbe nella stessa situazione del 1930, secondo l'ammiraglio Franchetti, il suo nuovo capo di stato maggiore

Dopo un lungo blocco al Congresso senza alcun legame con la Marina statunitense, l'Ammiraglio Lisa Franchetti è stata nominata, il 2 novembre 2023, Capo delle Operazioni Navali, o CNO secondo l'ormai consolidato acronimo inglese, diventando così la prima donna capo di stato maggiore di una Esercito americano.

Ha prestato giuramento lo stesso giorno. In effetti, la Marina americana non poteva più aspettare, trovandosi da diversi anni in una situazione molto difficile, in particolare per quanto riguarda l’evoluzione della sua flotta di superficie, dopo diversi programmi tanto costosi quanto inefficaci e una palese instabilità nella programmazione .

È proprio su questo tema che si è impegnato l'ammiraglio Franchetti un confronto sorprendente, in particolare negli Stati Uniti, in occasione della conferenza annuale della Navy Surface Association, tenutasi pochi giorni fa in Virginia. Secondo l'ufficiale generale americano, la situazione in cui si trova oggi la flotta di superficie della Marina americana sarebbe paragonabile a quella dei primi anni '30...

La Marina americana esce dalla Grande Depressione

È vero che ci sono molti punti di paragone con questo periodo che ha permesso Pearl Harbor, la guerra del Pacifico e, in misura minore, che ha reso così difficile la battaglia dell'Atlantico.

USS Enterprise CV6
Se il 95% delle unità navali impegnate nella Seconda Guerra Mondiale furono progettate o costruite negli anni '30, la USS Enterprise (CV-6), con la Ranger (CV-4), sono le uniche due portaerei americane ad aver attraversato il conflitto da entrambe le parti. Gli altri quattro furono affondati in combattimento.

Dopo la Grande Depressione del 1929, la flotta americana, e più in particolare la flotta di superficie, era molto meno efficiente di quanto lo fosse stata prima, in particolare durante la Prima Guerra Mondiale. Tre fattori simultanei hanno creato questa situazione.

In primo luogo, l’età media della flotta stava aumentando rapidamente a causa della mancanza di investimenti nel rinnovamento delle navi, mentre le entrate di bilancio erano diminuite significativamente a causa del movimento pacifista seguito alla prima guerra mondiale e della crisi economica del 1929, che colpì fortemente l'economia del paese con un PIL che passò da 147 miliardi di dollari nel 1929 a 115 miliardi di dollari nel 1932, e gli effetti del sequestro di bilancio del New Deal di Roosevelt, che non era orientato verso l'industria della difesa.

Allo stesso tempo, la Marina imperiale giapponese aveva registrato una rapida crescita nello stesso periodo, permettendole di superare, in numero di navi, ma anche in capacità operative disponibili, la Marina americana del 1938.

Tuttavia, gli sforzi compiuti nel corso degli anni '30 per rinnovare la flotta della Marina statunitense, dalla progettazione all'evoluzione degli strumenti industriali, hanno permesso di produrre il 95% delle unità navali americane che hanno partecipato alla Seconda Guerra Mondiale, e che hanno continuato a navigare molto tempo dopo questo.

Un bilancio negativo di fregate, cacciatorpediniere e incrociatori per molti altri anni

Le somiglianze con la situazione attuale sono evidenti, anche se si possono individuare alcune importanti differenze. Come negli anni '30, la flotta americana, in particolare la flotta da combattimento di superficie, sta invecchiando, mentre una parte significativa di essa raggiungerà presto il limite di età e dovrà essere ritirata dal servizio.

Classe Ticonderoga della Marina statunitense
Nel 2022, la Marina americana ha chiesto di ritirare dal servizio i 17 incrociatori della classe Ticonderoga ancora in servizio entro il 2027. Allo stesso tempo, le verranno consegnati solo otto cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke e 3 fregate della classe Constellation.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotte de surface | Analyses Défense | Budgets des armées et effort de Défense

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli