Il sistema Hard Kill Diamant potrebbe proteggere le armature francesi dal 2026

La distribuzione dei quadri della DGA sembra indicare che il sistema hard kill Diamant del sistema di protezione attiva Prometeus di Thales, sarebbe prossimo ad iniziare i suoi test a bordo dei veicoli della bolla Scorpion, con entrata in servizio che potrebbe avvenire dal 2026.

Se l'argomento meritasse una conferma ufficiale, rappresenterebbe, senza il minimo dubbio, un importante e rapido progresso per i veicoli corazzati dell'Esercito, al fine di aumentarne la sopravvivenza, in particolare in caso di uno scontro ad alta intensità.

Se i veicoli corazzati che compongono la bolla SCORPION nell'esercito francese, e presto anche in quello belga, sono moderni, efficienti e molto mobili, molti specialisti in materia, compresi quelli principalmente interessati, i militari, si rammaricano che non siano ulteriormente protetti, soprattutto in caso di impegno ad alta intensità.

Più specificamente, questo è stato spesso riferito il vantaggio di aggiungere un sistema di protezione contro l'uccisione dura, progettato per intercettare missili e razzi, con il sistema di protezione attiva Diamant (APS), che mira a impedire di prendere di mira il veicolo utilizzando esche, cortine fumogene e jammer, e che è già in servizio a bordo di Griffon, Jaguar e Serval.

Se il design di un tale sistema fosse menzionato nella Legge sulla Programmazione Militare 2024-2030, poche informazioni erano state comunicate al riguardo sia dalla DGA che dalle Forze Armate o dai produttori. Distribuzione di alcune tavole PowerPoint, da un briefing della DGA, attorno allo sviluppo del sistema Thales Hard-Kill Diamant, nell'ambito dell'APS Prometeus, costituisce quindi un vero e proprio evento nel microcosmo delle armi terrestri.

Il sistema Thales Hard Kill Diamant sviluppato per APS PROMETEUS dal 2019

In effetti, i quattro forum pubblicati su Twitter sembrano indicare che i lavori sul sistema di hard kill DIAMANT, inizialmente sviluppato da Thales all'inizio degli anni 2010, sarebbero ripresi nel 2019. L'obiettivo presentato sarebbe quello di integrare questo sistema di hard kill nell'APS Diamant , per proteggere i nuovi veicoli corazzati Scorpion, Giaguaro dell’EBRC, VBMR Griffon e VBMRL Serval, ma anche carri armati VBCI e Leclerc.

Programma e obiettivi di Prometeus Diamond
Secondo questo programma, l'integrazione di Diamond nel sistema Prometeus su Griffon, Serval, Jaguar, VBCI e Leclerc (e altri, se vogliamo credere ai puntini di sospensione), potrebbe iniziare già nel 2024, mentre si svolgerebbero i test finali a fine 2025. Si può infatti sperare nell’integrazione operativa dei primi sistemi già a partire dal 2026.

Lo sviluppo del sistema hard kill, e la sua integrazione su un veicolo blindato Griffon e una Jaguar, a scopo dimostrativo, dovrà durare fino alla fine del 2025. Ancora più sorprendente, la fase successiva, che mira a integrare il sistema sui veicoli blindati di la bolla dell’Esercito dello Scorpione, viene presentata come iniziata alla fine del 2023, e proseguirà fino al 2030 (fine del diagramma), e probabilmente oltre. Anche una foto di un Griffon VBMR equipaggiato con l'APS Prometeus che illustra un'altra tavola, sembra confermare che questo programma sarebbe rispettato e credibile.

Il sistema Diamant è descritto nelle altre tavole distribuite. Questo è stato progettato secondo specifiche dell'Esercito particolarmente ambiziose, che richiedevano una protezione dei veicoli a 360°, anche contro le minacce in caduta libera. Il rischio per i veicoli e il personale che circondano il veicolo blindato che implementerà il sistema deve essere ridotto il più possibile, l'obiettivo dichiarato è quello di raggiungere il rischio zero.

Un leggero sistema di protezione attiva Hard Kill progettato per l'alta intensità

Inoltre, gli elementi del sistema non devono impedire o ostacolare il corretto funzionamento del veicolo blindato e dei suoi sistemi, e non avere un effetto negativo sulla sua discrezionalità o mobilità, che richiede un dispositivo compatto, leggero con un ingombro ridotto e dimensioni ridotte. consumo di energia.

Ricordate però che quando il radar del Diamond viene attivato, ridurrà di fatto la discrezione elettromagnetica del veicolo corazzato, agendo come un faro elettromagnetico sul campo di battaglia. L'obiettivo qui non è certamente quello di degradarlo quando il sistema è spento o in standby.

Immagini del grifone del team Prometeus
Questa scheda mostra diverse immagini di un Griffon VBMR equipaggiato con il Prometeus APS (Active Protection System) che integra il sistema Diamond Hard-Kill

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Protezione Hard-Kill / Soft-Kill | Notizie sulla difesa | Carri armati MBT

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli