Tutti i contratti polacchi sulle armi verranno eseguiti, afferma Donald Tusk

Nel suo primo discorso ufficiale da primo ministro, Donald Tusk ha confermato che avrebbe rispettato tutti i contratti polacchi sulle armi firmati dal governo precedente. Procedendo in questo modo, il nuovo governo di centrosinistra si impegna a garantire la continuità del suo predecessore in termini di difesa e conferma le ambizioni e i timori della Polonia di fronte alle future sfide alla sicurezza.

In vista delle elezioni legislative polacche dell’ottobre 2023, il partito al governo, PiS, aveva firmato diversi contratti molto ambiziosi per la modernizzazione degli eserciti del paese. Per il PiS era proprio una questione di rispondere alla crescente minaccia russa, piuttosto che fare dello sforzo di difesa polacco un potente argomento elettorale.

Tuttavia, a differenza di quanto accaduto in Turchia qualche mese prima, questa scommessa non ha ripagato il governo uscente, sconfitto in ottobre da una coalizione di centrosinistra filoeuropea guidata dall’ex primo ministro Donald Tusk (si pronuncia 'Tuschio'e no'Teusk', COME " poutine » che si scrive Putin).

Infatti, a seguito di questa sconfitta elettorale, Sono emersi notevoli dubbi sul futuro dei contratti sugli armamenti firmati dal PiS, soprattutto perché il loro finanziamento richiederà un aumento significativo dello sforzo di difesa polacco, oltre il 4% del PIL del paese. La posizione di Donald Tusk sull'argomento era quindi attesa con impazienza e preoccupazione, soprattutto dagli eserciti polacchi e dagli industriali con i quali erano stati firmati questi contratti.

I contratti sugli armamenti polacchi firmati dal precedente governo verranno eseguiti dalla nuova maggioranza

Non senza sorprendere il suo pubblico, il nuovo primo ministro polacco ha tolto ogni dubbio, fin dal suo primo discorso ufficiale. Secondo D. Tusk tutti i contratti firmati dal precedente governo nel campo degli armamenti verranno eseguiti.

Polonia Donald Tusk Elezioni 2023 Polonia | Notizie sulla difesa | Alleanze militari
La vittoria di Donald Tusk alle elezioni legislative polacche del 2023 ha sollevato molte domande sulla continuazione dello sforzo militare di Varsavia.

Si tratta di diversi contratti importanti, come l'acquisizione dei carri armati Abrams M1A2 e K2 Black. Panther, veicoli da combattimento di fanteria e da trasporto truppe Borsuk, aerei da combattimento F-35A e FA-50, elicotteri AH-64 Apache e persino fregate del programma Miecznick.

Per il momento, invece, non è stata data alcuna direttiva definitiva sui programmi in corso di negoziazione, che non sono stati oggetto di un contratto definitivo. Pensiamo in particolare ai circa 600 K2PL che saranno prodotti in Polonia, o ai 500 HIMARS polacchi il cui status contrattuale rimane poco chiaro. Inoltre, non sappiamo se l’ambizione di passare da un formato da 4 a 6 divisioni di fanteria meccanizzata rimane attuale.

Un vice primo ministro responsabile della consistenza dell'equipaggiamento degli eserciti polacchi

Tutti questi contratti, attualmente in fase di negoziazione, verranno trasmessi a Władysław Kosiniak-Kamysz, il futuro vice primo ministro. Ciò sarà responsabile, tra l’altro, della coerenza degli eserciti e del loro equipaggiamento. Va notato a questo proposito che, come nel caso del governo Duda, la posizione del vice primo ministro polacco è direttamente collegata alle questioni di difesa.

4273190 mariusz blaszczak Polonia | Notizie sulla difesa | Alleanze militari
Il nuovo vice primo ministro polacco succederà a Marius Błaszczak per quanto riguarda la costruzione di una forza armata polacca coerente e sufficiente di fronte alla minaccia russa.

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Polonia | Notizie sulla difesa | Alleanze militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli