Ordinando 761 missili MMP, il Belgio ripone ancora una volta la sua fiducia nella Francia.

Il Belgio ha annunciato l'ordine per 761 missili MMP (o AKERON MP). anticarro a MBDA France, per armare i suoi 60 veicoli corazzati da ricognizione Jaguar EBRC e sostituire i missili SPIKE attualmente utilizzati. Questa è un'ulteriore prova dell'attaccamento di Bruxelles al partenariato franco-belga per la difesa, che si è espresso negli ultimi anni attraverso numerosi importanti ordini da parte dell'industria della difesa francese.

Cosa abbiamo sentito dire del Belgio in Francia, dopo che ha preferito acquisire l'F-35A piuttosto che un aereo europeo, per modernizzare le sue forze aeree.

Alcune persone hanno tanto il dente duro quanto la memoria lunga su questo argomento, come nel caso di Eric Trappier, CEO di Dassault Aviation, alla domanda sulla possibilità che Bruxelles aderisca al programma FCAS.

Le conseguenze della scelta del Belgio dell’F-35A

Secondo il leader dei dirigenti delle grandi imprese francesi della difesa, in realtà non si trattava di dare lavoro alle imprese belghe nell'ambito di questo programma, anche se il paese si era rivolto agli F americani -35A per sostituire i suoi F -16.

Se la memoria è lunga è anche particolarmente selettiva. Infatti, a parte l'F-35A, Bruxelles ha dimostrato una lealtà esemplare nei confronti degli equipaggiamenti europei, e più specificamente francesi.

F-35A scelto dal Belgio

Così, appena avevano annunciato l'arbitrato a favore dell'F-35A contro l'Eurofighter (e non contro l' Rafale, che non ha partecipato al concorso), che le autorità belghe hanno annunciato la firma del Programma CaMo, per Portata Motorizzata.

EBRC Jaguar, VBMR Griffon, Caesar NG: l'esercito belga si dota di equipaggiamento francese nell'ambito del programma CaMo

Ciò consisteva non solo nell’acquisizione di 60 giaguari EBRC e 382 grifoni VBMR da Nexter e dal BITD francese, ma anche in un importante sforzo di standardizzazione e impegno di cooperazione tra gli eserciti di terra francese e belga, come parte della bolla SCORPION.

Pochi mesi dopo, è stata la volta del gruppo navale francese e del suo partner belga ECA, oggi Exail, vincere la competizione contro l’olandese DAMEN per la progettazione e costruzione di 12 grandi navi da guerra mineraria e dei relativi droni, 6 per la compagnia belga Marina e 6 per la Marina olandese.

Insieme, questi contratti rappresentano un investimento di 4 miliardi di euro, più o meno equivalente a quello relativo all’acquisizione dell’F-35A da parte di Bruxelles, a cui si sono poi aggiunti altri contratti e collaborazioni.

È così che nel 2021 il Belgio ha ordinato nove cannoni CAESAR NG, seguiti pochi mesi dopo, nel luglio 2022, 19 unità aggiuntive, sempre con Nexter, sempre al fine di ottimizzare l'interoperabilità con l'Esercito.

Nell’aprile 2023, anche la Francia si è rivolta al Belgio e ai Paesi Bassi per acquisire sei grandi navi da guerra contro le mine progettate da Naval Group ed Exail per la Marina francese, all'interno di un programma ormai europeo che comprende i tre primi giocatori dei cacciamine tripartiti di classe Eridan.

Edificio per la guerra in miniera del gruppo navale Exail

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Missili anticarro | Notizie sulla difesa | Belgio

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

3 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli