Fornitura di armi all'Ucraina: la Polonia è arida, sintomo di un fenomeno su larga scala in arrivo.


Dall’inizio dell’aggressione russa, la Polonia è stata in prima linea nella fornitura di armi all’Ucraina. In un anno e mezzo, Varsavia ha consegnato più di 300 T-72, PT-91 e Leopard 2A4, così come 14 MiG-29 e numerosi veicoli corazzati e munizioni di ogni tipo a Kiev.

La Polonia, infatti, è stata per lungo tempo il più importante fornitore di equipaggiamenti militari pesanti a supporto degli eserciti ucraini, anche di fronte agli Stati Uniti, e ha svolto in più occasioni il ruolo di sprone per spostare le linee occidentali. della consegna delle armi.

Infine, la Polonia ha accolto più della metà dei 4 milioni di rifugiati ucraini e ha permesso a un gran numero di attrezzature militari occidentali di transitare attraverso il suo territorio per raggiungere l’Ucraina.

La Polonia non vede l’ora di consegnare armi all’Ucraina

Tuttavia, questo sforzo spettacolare è stato compiuto a scapito degli eserciti polacchi che, in alcune zone, hanno perso quasi il 40% delle loro capacità operative a causa delle consegne all’Ucraina.

Consegna di armi all'Ucraina Polonia PT-91
La Polonia ha consegnato più di 300 carri armati pesanti PT-91 e T-72 anche all'Ucraina Leopard 2A4.

Se Varsavia è impegnata da diversi mesi in una dinamica altrettanto spettacolare per modernizzare i suoi eserciti, la consegna di nuovi equipaggiamenti richiederà da diversi mesi a diversi anni, un periodo durante il quale la Polonia sarà esposta e vulnerabile, soprattutto perché difficilmente potrà contare sulla sua influenza europea. vicini per rafforzare le proprie difese.

Inoltre, come i lettori di Meta-defense sanno da molti mesi, Mosca si è impegnata, a partire dall’estate del 2022, a riformare profondamente la propria industria della difesa e a trasformare il Paese in una vera economia di guerra.

Infatti, qualunque sia la conclusione del conflitto ucraino, gli eserciti russi saranno presto in grado di minacciare la Polonia o gli Stati baltici ai suoi confini.

L'annuncio shock, ma atteso, del primo ministro polacco Mateusz Morawiecki

Quindi non c’è nulla di veramente sorprendente nell’affermazione del primo ministro polacco Mateusz Morawiecki riguardante la cessazione delle consegne di armi polacche all'Ucraina.

Per quanto riguarda il relativo contesto alle tensioni tra Kiev da un lato, Varsavia, Bratislava e Budapest dall’altro, in tema di cereali ucraini, e per di più in un contesto preelettorale esasperato in Polonia, avrà solo l’effetto di svelare una situazione altrimenti inevitabile e prevedibile.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki
Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha annunciato la fine delle consegne di armi all'Ucraina, al fine di mantenere le forze necessarie per far fronte alla minaccia.

Per quanto prevedibile, questo fenomeno di esaurimento delle scorte di armi trasferibili all'Ucraina non è stato tuttavia previsto, né da Varsavia, né dagli altri paesi europei, anch'essi esposti alle stesse limitazioni.

Le conseguenze dello sforzo bellico russo

Così, dopo aver consegnato un centinaio di carri armati Leopard 2 moderne consegne europee ora consistono in carri armati Leopard 1 risalente alla fine degli anni '60 inizio anni '70.

Questi hanno poco da invidiare ai T-62 e T-55 rilasciati dalle scorte in Russia. Tuttavia, rappresentano solo una parte dei carri armati consegnati agli eserciti russi. In effetti, le fabbriche di armi russe ora operano a pieno regime, a ritmi superiori a quelli prebellici.

Così, la fabbrica di carri armati Uralvagonzavod a Nizhny Tagil, nell'oblast di Sverdlovsk, negli Urali, produce ora da 200 a 400 carri armati all'anno, a seconda delle fonti, principalmente T-90M, ma anche T-80BV e T-72B3M, cioè per dire modelli molto più recenti ed efficienti del Leopard 1 inviato in Ucraina.

Il miraggio delle fabbriche di armi in Ucraina

Nel tentativo di rispondere alla pericolosa evoluzione degli equilibri di potere che sta emergendo, Kiev si è impegnata, da diversi mesi, a negoziare con gli industriali europei la costruzione di infrastrutture che consentano la produzione di questa attrezzatura in Ucraina.

KF-51 Panther Rheinmetall
Secondo quanto riferito, Rheinmetall sta costruendo una fabbrica di carri armati e armature pesanti in Ucraina, forse per produrre carri armati KF51 Panther.

Così Rheinemtall ha intrapreso, da diverse settimane, la costruzione di una fabbrica in grado di assemblare fino a 400 veicoli blindati pesanti, carri armati da combattimento e veicoli da combattimento di fanteria all'anno.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Equilibrio di potere militare | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli