SSN-AUKUS avrà la pelle dei futuri F-35A australiani?


Per due anni, e l'annuncio ufficiale delAlleanza AUKUS che riunisce Australia, Regno Unito e Stati Uniti, quindi il programma congiunto di sottomarini da attacco nucleare SSN-AUKU, le autorità australiane operano, per così dire, in uno stato al limite della schizofrenia per quanto riguarda la programmazione militare del paese.

Da un lato, sono ditirambici ed esaltati quando si tratta di lodare il potenziale futuro di otto nuovi SSN della Royal Australian Navy, da 3 a 5 navi di classe Virginia che saranno acquisite dagli Stati Uniti, e da 3 a 5 sottomarini di nuova generazione (per un totale di otto navi) progettati congiuntamente con il Regno Unito, con il supporto tecnologico americano.

Fregate classe Hunter, IFV AS21 Redback e F-35A: si allunga la lista dei tagli al programma in Australia

D’altro canto continuano ad abbassare le ambizioni degli altri programmi relativi alle attrezzature. È così che, lo scorso aprile, il programma LAND 400 che mirava ad acquisire 450 nuovi veicoli da combattimento di fanteria per l'esercito australiano, fu diviso per 3 e ridotto a 150 unità, in questo caso, AS-21 Redback sudcoreano preferito al tedesco KF41 Lynx.

Qualche settimana fa, all'inizio di settembre, lo era il turno del programma delle fregate della classe Hunter ad essere minacciato per ragioni di budget, senza sapere al momento se verrà semplicemente ridotta di dimensioni, oppure cancellata per virare su un modello di nave meno costoso della britannica Type 26 scelta finora.

AS21 Dorso rosso
L'esercito australiano alla fine acquisterà solo 150 dei 450 IFV AS21 Redback previsti per il programma Land 400

Questa settimana, secondo il sito web di Janes, è emersa una nuova minaccia per un importante programma australiano. La Royal Australian Air Force punta infatti a lanciare, nel corso di questo decennio, un programma volto a sostituire i 24 F/A-18 F Super Hornet attualmente in servizio, con circa trenta F-35A Lighting 2 aggiuntivi come parte del programma AIR 6000, peraltro già in servizio nel Paese con 60 esemplari successivi, più 12 su ordinazione.

Questo programma mirava naturalmente a omogeneizzare la flotta da caccia australiana, anche se i 12 aerei da guerra elettronica EA-18G Growler, anch'essi in servizio, sembravano dover essere preservati.

Inoltre, la Royal Australian Air Force è apparsa particolarmente soddisfatta e convinta delle capacità del caccia Lockheed-Martin, e del suo valore aggiunto operativo rispetto ai velivoli più vecchi, come il Super Hornet.

Tuttavia, secondo le informazioni ottenute dal sito specializzato Janes, tutto lascia pensare che questa ambizione non sarà realizzata, almeno non nel corso di questo decennio. Interrogato dal sito su questo argomento, il Ministero della Difesa australiano ha precisato che non è stata presa alcuna decisione, ma che, invece, I Super Hornet australiani continuerebbero a essere modernizzati negli anni a venire.

Preservare il Super Hornet F/A-18 per implementare il missile AGM-158C LRASM

Questa dichiarazione deve essere messa in prospettiva rispetto alle conclusioni e alle raccomandazioni dell' la nuova revisione strategica resa pubblica poche settimane fa, che prevede di continuare a utilizzare gli F/A-18 F della RAAF almeno fino al 2027, in particolare per implementare munizioni antinave Missile antinave a lungo raggio AGM-158C o LRASM, cosa di cui l'F-35A non è attualmente in grado.

Resta che al di là dell'argomentazione precedente che ha solo una portata limitata poiché sia ​​l'AGM-158C LRASM che il Joint Strike Missile JSM verranno integrati nel Blocco 4 dell'F-35 per essere operativi entro la metà del prossimo anno, è in atto un'evidente dinamica volta a contenere, o addirittura ridurre, alcune spese legate ai grandi programmi.

F/A-18 F Super Calabrone
Si prevede che i Super Hornet F/A-18F australiani verranno ampliati nel corso di questo decennio, quando saranno sostituiti da 30 F-35A aggiuntivi nell'ambito del programma AIR6000.

E ora emerge un elenco non esaustivo di tutti gli equipaggiamenti e i mezzi a cui gli eserciti australiani dovranno rinunciare per potersi dotare effettivamente di questi otto sottomarini d'attacco nucleari.

Sorprendentemente, l'argomento non è mai stato presentato sotto questo aspetto, né ai parlamentari australiani, né all'opinione pubblica del Paese. Ad oggi, l’argomentazione proposta si limita a evidenziare il valore aggiunto dei sottomarini a propulsione nucleare, rispetto ai sottomarini a propulsione convenzionale e AIP.

I vantaggi attesi e il valore aggiunto del programma SSN-AUKUS

Tuttavia, è ovvio che i primi offrono prestazioni e capacità decisamente migliori rispetto ai secondi. Infatti, i prossimi 8 australiani SSN Virginia e SSN-AUKUS avranno senza dubbio molti vantaggi e punti di forza, rispetto agli SSK che sostituiranno, sia che si tratti dei Collins attualmente in servizio, sia di altri modelli, tra cui anche lo Shortfin Barracuda precedentemente ordinato .

Gli SSN lo sono infatti, considerevolmente più veloce e avere un Autonomia subacquea teoricamente illimitata, che glielo consente riposizionarsi molto rapidamente e discretamente, su richiesta dell'Ammiragliato. Inoltre, questa velocità glielo consenteaccompagnare e scortare le navi capitali come le portaerei a propulsione nucleare, che si evolvono anch’esse a velocità sostenuta.

Rappresentano finalmente l'arma preferita ingaggiare e distruggere i sottomarini a propulsione nucleare avversari i quali, anch'essi, possono approfittare della loro velocità per evitare un ingaggio, se necessario. Pertanto, gli SSN australiani sembrano essere una risorsa innegabile per la Royal Australian Navy, almeno a prima vista.

classe Nimitz
Scortare navi capitali come le portaerei a propulsione nucleare è una delle missioni principali della SSN. La Marina australiana non ha portaerei e nemmeno vere e proprie navi capitali.

Le esigenze e i vincoli della Marina australiana

Tuttavia, questi mezzi vengono oggi utilizzati principalmente da paesi che hanno navi capitali da scorta, come le portaerei americane, inglesi, cinesi e francesi e le grandi navi d'assalto, o per esigenze molto specifiche, come l'eliminazione degli SSBN e l'attacco delle navi convogli, come per la Russia. L’Australia, invece, non ne ha né deterrenza né nave capitale da proteggere, e non ha nemmeno alcuna reale capacità di proiezione di potere da scortare.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotta sottomarina | Alleanze militari | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli