La Francia può sviluppare i programmi MGCS e FCAS senza la Germania?


Nelle ultime settimane i media hanno riportato informazioni preoccupanti sulla cooperazione industriale franco-tedesca nel settore della difesa. In effetti, i programmi MGCS (carri armati di nuova generazione) e FCAS (futuri aerei da combattimento) sono sottoposti a forti tensioni, per quanto riguarda la condivisione industriale, il programma e le questioni industriali e operative.

Sebbene il programma FCAS abbia la garanzia di raggiungere fasi 1B e 2, con lo studio e la progettazione di un dimostratore, il suo futuro rimane incerto a causa delle possibili conseguenze della cancellazione del programma MGCS.

In questo contesto, è importante tenere conto delle potenziali conseguenze di un successivo fallimento dei programmi MGCS e FCAS, nonché valutare alternative per sostituire i carri armati e gli aerei da combattimento francesi nei decenni a venire.

1. Minacce ai programmi MGCS e FCAS

A parte i pochi mesi di euforia politica seguiti all’annuncio, nel 2017, da parte di Emmanuel Macron e Angela Merkel, di una vasta iniziativa industriale e politica franco-tedesca attorno al concetto ancora vago di Europa della Difesa, i programmi lanciati allora congiuntamente hanno rapidamente incontrato notevoli insidie .

È così che, in soli cinque anni, i programmi CIFS (artiglieria a cavallo), Tiger III (elicottero da combattimento) e MAWS (pattugliamento marittimo) furono sepolti per mancanza di decisione da parte di Berlino.

Elicottero tigre
Il programma Tiger III fu abbandonato da Berlino

All'inizio del 2022 rimanevano solo 2 programmi Il programma MGCS per la sostituzione dei serbatoi Leclerc e Leopard 2 nel 2035 e FCAS, il sistema di combattimento aereo del futuro a cui subentrare Rafale et Typhoon nel 2040. Sebbene siano rimasti, hanno comunque incontrato notevoli difficoltà.

Così, nell'inverno del 2022, le tensioni tra Dassault Aviation e Airbus DS hanno costretto i ministri delle Forze Armate dei tre paesi membri del programma, Germania, Spagna e Francia, a forzare la mano ai loro produttori per uscire dalla routine e lanciare la fase 1B, per lo studio del dimostratore tecnologico.

1.1 MGCS: il carro armato di Schrödinger

Se FCAS sembrava, all’inizio del 2023, essere su una traiettoria più sicura, questo non era il caso di MGCS. Infatti, sotto l’azione combinata dell’aumento della domanda di carri armati da combattimento, della guerra in Ucraina e dell’ingresso di Rheinmetall nel programma nel 2019, il programma era in uno stato di stasi da diversi mesi. I pochi sviluppi e progressi che lo riguardano sono bastati appena a mantenerlo in vita e a non seguire il destino del CIFS o del MAWS.

In questione, visioni sempre più divergenti tra le esigenze dei due eserciti, la Francia favorevole alla mobilità, la Germania alla protezione e alla potenza di fuoco. Anche le agende industriali e operative sono diventate più complesse da unire.

Senza una soluzione industriale e commerciale di alternativa provvisoria al Leclerc, la Francia deve imperativamente pianificare la sostituzione dei suoi serbatoi tra il 2035 e il 2040. In questa data, infatti, i Leclerc attualmente in servizio raggiungeranno i loro limiti meccanici e operativi, mentre l'industria francese dovrà trovare un'attività dimensionata per subentrare al programma SCORPION.

Piattaforma MGCS
Il programma MGCS deve progettare un sistema di combattimento terrestre, molto più di un semplice carro armato

La Germania, la Bundeswehr e i suoi industriali non sono esposti agli stessi vincoli. Con il KF-51 di Rheinmetall e il Leopard 2A8, non solo dispongono di soluzioni provvisorie efficaci, ma anche di prodotti richiesti sul mercato.

Di conseguenza, al di là delle già profonde differenze riguardanti la natura stessa del sistema da progettare, Parigi e Berlino non sono, oggi, d'accordo su nulla riguardo a questo programma, soprattutto sul calendario e sulla portata industriale e tecnologica.

Infatti, da diversi mesi, come il gatto di Schrödinger, il programma MGCS è allo stesso tempo morto, per l'evidente esplosione delle divergenze tra i due protagonisti, e vivo, secondo le dichiarazioni dei ministri della Supervisione, Sébastien Lecornu e Boris Pistorio.

E tutto fa pensare che l'incontro previsto tra i due, da qui alla fine di settembre, avrà lo scopo di aprire la scatola, e di vedere, oggettivamente, se il carro armato ha bevuto il veleno, oppure no.

1.2 Un pericoloso effetto domino

Secondo fonti vicine al progetto, oggi le possibilità che il programma MGCS venga portato a termine nelle settimane o nei mesi a venire sono dell'ordine di una possibilità su due, e il suo futuro è ormai in gran parte in gioco. nelle mani di Boris Pistorius, KMW e Rheinmetall.

oro, i programmi MGCS e FCAS sono stati artificialmente collegati, durante la loro progettazione, attraverso la condivisione industriale. La caduta dell’uno, infatti, potrebbe mettere a serio rischio il futuro dell’altro, in un pericoloso effetto domino.

I programmi MGCS e FCAS sono stati artificialmente collegati sin dalla loro concezione
I programmi MGCS e FCAS sono stati artificialmente collegati sin dalla loro concezione

Sarebbe dunque questa, secondo le stesse fonti, la minaccia più significativa all’avanzamento del programma FCAS, anche se tutto fa pensare che le fasi 1B e 2, finalizzate rispettivamente alla progettazione e poi alla realizzazione del dimostratore tecnologico NGF e di alcuni dei suoi sistemi, giungeranno a buon fine.

Resta il fatto che se MGCS e FCAS dovessero declinare, ciascun paese dovrebbe allora trovare soluzioni alternative e palliative per soddisfare gli imperativi operativi e tecnologici che fino ad oggi si supponeva fossero coperti dai due programmi.

2. Costo per lo sviluppo di MGCS e FCAS

La domanda quindi si pone, per la Francia, per sapere se sarà in grado di sviluppare da solo, o diversamente accompagnato, questi due programmi essenziali per gli eserciti francesi tra il 2035 e il 2040.

La Base Industriale e Tecnologica della Difesa francese, o BITD, possiede tutte le competenze necessarie per sviluppare, da sola, un programma come MGCS o FCAS. Infatti, nel campo dei veicoli blindati, può contare su Nexter, progettista del Leclerc, e su un ecosistema completo per progettare un nuovo carro armato e il suo futuro sistema di sistemi.

BITD francese - Fabbrica Nexter
Il BITD francese ha le competenze per sviluppare MGCS in proprio

Lo stesso vale per un eventuale FCAS franco-francese. Trasportato da Dassault Aviation, Safran, Thales, MBDA e l'intero team Rafale, l'aeronautica francese BITD è oggi una delle cinque che possono effettivamente sviluppare un aereo da combattimento di sesta generazione in completa autonomia nel mondo.

Ciò è particolarmente vero poiché parte degli sviluppi necessari per FCAS saranno precedentemente sviluppati come parte di un programma molto ambizioso Rafale F5, annunciato da Sébastien Lecornu durante i dibattiti parlamentari sulla Legge francese sulla programmazione militare 2024-2030.

2.1 Stime finanziarie

Se lo sviluppo tecnologico e industriale di questi due programmi non rappresenta un ostacolo per l’industria della difesa francese, il loro finanziamento sarà invece senza dubbio di difficile attuazione, almeno perseguendo le stesse ambizioni.

Questa è anche una delle principali giustificazioni addotte dall'esecutivo francese per sostenere l'interesse per il co-sviluppo franco-tedesco di questi due programmi, piuttosto che per una soluzione puramente nazionale, come è avvenuto per Leclerc e il Rafale.

Infatti, progettare da soli e poi costruire diverse centinaia di carri armati da combattimento, veicoli corazzati da combattimento e lanciamissili MGCS di nuova generazione, così come i 250 aerei da combattimento e altrettanti droni da combattimento del programma FCAS, costerebbe caro, e persino molto costoso. per il bilancio dell’esercito.

EMBT Nexter KNDS
EMBT può rappresentare una soluzione di attesa, ma non un'alternativa a MGCS

Sulla base delle proiezioni esistenti su questi due programmi, costerebbero alla Francia tra 3,5 e 4,5 miliardi di euro (in euro 2023) all’anno, per più di 20 anni.

Dedotti gli impegni di finanziamento nel quadro della cooperazione esistente, ciò rappresenterebbe un costo aggiuntivo compreso tra 2 e 3 miliardi di euro all’anno, particolarmente significativo durante la fase di progettazione.

2.2 Impatti sul bilancio della difesa francese

Questo costo aggiuntivo può sembrare “accessibile” alla Francia e al suo PIL di 3 miliardi di euro. Si tratta tuttavia di un aumento di circa 000 miliardi di euro rispetto al solo LPM 20-2024, inflazione inclusa, ma anche di un aumento di quasi il 2030% del budget destinato dalle Forze Armate ai Major Effect Programs, o PEM, pari a circa 30 miliardi di euro. nel 8.

Sarà quindi tutt’altro che facile per la Francia finanziare da sola un simile sforzo, almeno preservando la portata tecnologica e le ambizioni precedentemente definite attorno ai due programmi.

Si tratta quindi di uno dei timori espressi da coloro che oggi lavorano sul versante francese, temendo che, in un simile scenario, la Francia, i suoi eserciti e la sua industria della difesa, dovrebbero scendere di una divisione di fronte ai nuovi americani , carri armati e aerei tedeschi, britannici o cinesi.

PANG Marina Nazionale
Gli eserciti francesi devono finanziare altri programmi ad alta intensità di risorse, come la portaerei di nuova generazione

È vero che le opportunità francesi di finanziare tali programmi sono poche. Dato che il carico fiscale è già a un livello molto elevato, non si tratta di fare affidamento su nuove tasse per generare entrate aggiuntive.

Allo stesso modo, il debito pubblico francese, che ormai raggiunge i 3 miliardi di euro, vieta a Parigi di ricorrere a qualsiasi forma di finanziamento tradizionale, sia esso un prestito nazionale o un libretto statale, se non per cambiare radicalmente gli attuali paradigmi relativi al finanziamento della difesa. sforzo, che non è attuale.

Infine, sembra essere esclusa anche una ridistribuzione del bilancio, sia interna al Ministero delle Forze Armate che esterna, poiché in diversi settori i bilanci sono sotto pressione, il che impedisce qualsiasi margine di manovra di questo tipo a Bercy.

Comprendiamo, in questo contesto, l'attaccamento della Francia alla continuazione dei due programmi attuali. Questa è anche una delle principali critiche mosse dalla Germania alla Francia nei loro confronti. I tedeschi credono, non senza ragione, di essere soprattutto i finanziatori di questa cooperazione agli occhi della Francia e della sua industria della difesa.

3. La Francia può rivolgersi a nuovi partner?

In effetti, la soluzione più ovvia per Parigi, di fronte al crollo del partenariato industriale franco-tedesco nel settore della difesa, sarebbe quella di rivolgersi ad altri partner. Sebbene promettente, questa soluzione non è priva di rischi e vincoli.

In effetti, i vincoli che oggi minacciano FCAS e MGCS, e prima di loro molti altri programmi francesi di cooperazione europea, possono ovviamente ostacolare possibili nuovi partenariati industriali della difesa.

3.1 Vantaggi e vincoli del partenariato tecnologico internazionale

È vero che la Francia agisce come una pecora nera in Europa, mentre ha alle spalle una lunga lista di programmi di difesa falliti con la Germania, ma anche con Gran Bretagna, Italia, Spagna e altri.

3.1.1 Riduzione dei costi ed espansione della base industriale

Questa cooperazione presenta ovviamente molti vantaggi. Da un lato consente la condivisione dei costi di ricerca e sviluppo, anche se una regola empirica vuole che i costi di progettazione aumentino in base alla radice quadrata del numero dei partner.

Vettore remoto Airbus DS e MBDA
La condivisione industriale è uno dei temi critici nella progettazione della cooperazione industriale internazionale nel settore della difesa

Pertanto, con due partner, i costi di progettazione aumenteranno in media del 40% e di quasi il 75% con tre. Tuttavia, la partecipazione di ciascuno Stato risulta essere inferiore del 30% con 2 partner, e più economica del 40% se collaborano tre paesi.

D'altro canto, la collaborazione internazionale permette di estendere la base industriale del programma, e quindi di raggiungere determinate soglie che portano a riduzioni dei costi attraverso economie di scala. Ciò vale sia per la produzione iniziale che per la manutenzione e aggiornabilità delle apparecchiature prodotte.

Infine, ciascun partner porta con sé la propria rete internazionale e commerciale, che dovrebbe logicamente aumentare le possibilità di successo nell'esportazione delle attrezzature.

3.1.2 Divergenza dei bisogni, condivisione industriale e veto commerciale

Tuttavia, la cooperazione internazionale non avviene senza gravi vincoli. D'altronde sono proprio questi che oggi minacciano i due programmi franco-tedeschi e, prima di loro, gli altri tre programmi già cancellati.

Soprattutto, è importante garantire che tutti i partner condividano le stesse esigenze e abbiano le stesse aspettative in termini di prestazioni, scalabilità e pianificazione per ciascun programma.

Leopard 2A7HU con sistema APS TROPHY
I calendari francese e tedesco su MGCS sono divergenti dalla comparsa di Leopard 2A8 e KF-51 Panther

Nel caso di FCAS e MGCS, sono proprio queste differenze, inizialmente mascherate dall’entusiasmo politico, ad allargare il precipizio verso il quale sembrano dirigersi.

Inoltre, la partecipazione di uno Stato è inesorabilmente accompagnata da clausole di condivisione industriale, o addirittura di trasferimento di tecnologia. Questa condivisione industriale, nel caso della Francia il cui BITD è globale, avverrà sistematicamente a scapito delle competenze detenute dalle imprese nazionali.

In questo ambito, il concetto di “miglior atleta”, inizialmente proposto da Parigi contro Berlino, si sta rivelando straordinariamente controproducente. Non solo non facilita le negoziazioni sulla condivisione industriale, nella migliore delle ipotesi esaspera le frustrazioni, ma contribuisce a far apparire gli altri partner come attori secondari, aumentando la loro sfiducia.

Infine, se un partner può espandere le opportunità commerciali delle apparecchiature coprodotte, può anche ostacolare le possibilità di successo di alcuni potenziali clienti. Ciò può avvenire attraverso un diritto di veto nazionale difficile da aggirare o semplicemente a causa di alcune tensioni tra il potenziale cliente e uno dei partner.

3.2 A quali paesi rivolgersi?

Da quanto sopra, è possibile delineare uno o più partner ideali della Francia sulla scena internazionale, per sostenerla nello sviluppo di un sistema di combattimento aereo del futuro di tipo FCAS, o di un sistema di combattimento corazzato terrestre di nuova generazione di tipo MGCS. sistema.

3.2.1 Ritratto robotico del partner internazionale ideale per la Francia

Ovviamente questo ritratto varia a seconda del programma. Per MGCS, in primo luogo, i partner devono condividere un concetto vicino a quello francese per quanto riguarda l’impegno corazzato. Pertanto, i veicoli corazzati da progettare e produrre devono essere molto mobili, e quindi avere una massa inferiore a quella degli attuali veicoli corazzati americani, tedeschi e britannici.

Rafale indiano C
L’India è un partner strategico della Francia e della sua industria della difesa

C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Francia | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

6 Commenti

    • Buongiorno,
      Il problema della cooperazione è che spesso si tinge di un aspetto politico importante che maschera alcuni vincoli, che prima o poi finiranno per emergere. Questo è tipicamente il problema di MGCS: non vogliamo lo stesso carro armato e non lo vogliamo allo stesso tempo. In questo contesto è difficile andare avanti con calma.
      Successivamente, è anche chiaro che la Francia è senza dubbio il campione europeo dei programmi di difesa cooperativa abortiti. Tedeschi, italiani, spagnoli, olandesi, svedesi, ecc. spesso arrivano molto bene, finché non ci siamo noi.
      I due partner considerati i più difficili in Europa in questo ambito sono i francesi e i tedeschi. Quindi ovviamente...

  1. Sembra che gli inglesi abbiano imparato la lezione rafale e abbiamo costruito una struttura atletica che sembra funzionare. Il futuro dell’industria della difesa, a parte alcuni contributori del Mediterraneo, risiede nello sviluppo di progetti in Oriente e in Asia.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli