L’Italia salverà il programma franco-tedesco di carri armati di prossima generazione MGCS? 1/2

La Francia potrebbe tentare di integrare l'Italia nel programma MGCS, secondo il sito latribune.fr. Per Parigi, questa decisione sembra destinata a salvare il programma franco-tedesco, oggi minacciato da tutte le parti, in particolare da un'industria tedesca che ritrova i suoi antichi successi sul mercato dell'esportazione.

L’inizio dell’anno scolastico 2023 sarà probabilmente a dir poco movimentato per i produttori della base industriale e tecnologica della difesa francese. Mentre la Legge sulla Programmazione Militare 2024-2030 è stata approvata dal Parlamento poco prima della pausa estiva, sarà necessario, infatti, che il Ministero delle Forze Armate avvii le trattative per dare concretezza alle ambizioni da esso sviluppate, che prevedono un aumento nel bilancio dell’Esercito di quasi il 30% nei prossimi sette anni.

Il programma franco-tedesco Main Ground Combat System, o MGCS, che deve progettare il futuro sostituto del carro armato Leclerc e del carro armato Leopard 2 entro il 2035 o il 2040, è una di queste questioni scottanti che Sébastien Lecornu e i suoi team dovranno affrontare con urgenza nelle prossime settimane.

In effetti, sotto tensione e in stop tecnico per diversi mesi, questo programma non ha potuto essere pubblicato l'incontro tra il ministro francese delle Forze Armate e il suo omologo tedesco, Boris Pistorius, nel mese di luglio.

lecornu robles Pistorius FCAS 1B e1683031737378 Carri armati da combattimento MBT | Germania | Analisi della difesa
È stato necessario il fermo intervento dei tre ministri della Difesa francese, spagnolo e tedesco, nel maggio 3, per riportare il programma FCAS su una traiettoria più sana.

Quel che è peggio, le tensioni tra Francia e Germania in questo ambito sono aumentate durante l'estate, quando Parigi, per l'occasione alleata di Roma, si oppone a Berlino a proposito di uno studio europeo denominato FMBT, che tratta proprio del carro armato del futuro in Europa.

È in questo contesto che il sito latribune.fr ha appena pubblicato alcune informazioni davvero sorprendenti. La Francia avrebbe, secondo questo sito, deciso di sostenere l'integrazione dell'Italia nel programma MGCS, in modo da riequilibrare gli equilibri di potere interni, con l'obiettivo dichiarato di salvarla dalle tensioni che la ostacolano.

Per molti aspetti, questo imminente annuncio sarebbe l’opposto delle posizioni francesi espresse finora. Per comprenderne i dettagli è quindi opportuno ritornare alla genesi di questo programma e a questi successivi sviluppi.

La luna di miele dei programmi di difesa franco-tedeschi sarà stata breve

È stato durante l’estate del 2017 che il programma MGCS, e con esso numerosi altri programmi di difesa nell’ambito della cooperazione bilaterale franco-tedesca, ha assunto la sua forma attuale, sebbene le sue origini risalgano a qualche anno prima. In quel momento le stelle, e anche le galassie, sembravano perfettamente allineate per questo.

Una convergenza storica delle ambizioni franco-tedesche nel 2017

In Francia, il nuovo presidente francese, Emmanuel Macron, è stato più determinato dei suoi predecessori per quanto riguarda lo sforzo di difesa nazionale e la ricostruzione degli eserciti, pur essendo un fervente seguace dei programmi europei in questo campo.

Dall’altra parte del Reno, i rapporti tra Berlino e Washington, e più in particolare tra il presidente Trump e la cancelliera Angela Merkel, sono stati particolarmente degradati. Nel 2017, infatti, le autorità tedesche sono state molto più aperte rispetto a prima a possibili programmi di difesa in cooperazione.

Merkel macron difesa carri armati da combattimento MBT | Germania | Analisi della difesa
Nel 2017, Emmanuel Macron e Angela Merkel sembravano condividere un’ambizione comune riguardo all’emergere della difesa europea.

D'altra parte, la Cancelliera si è dimostrata sensibile alle ambizioni del nuovo presidente francese riguardo al progetto di difesa europea e all'autonomia strategica europea.

Nell’autunno 2017, infatti, Parigi e Berlino hanno annunciato una vasta e ambiziosa iniziativa congiunta per dare sostanza a questa Europa della difesa, attraverso diversi programmi industriali di difesa franco-tedeschi: lo FCAS per sostituire Rafale e l'Eurofighter Typhoon, il CIFS nel campo dell'artiglieria, il MAWS in quello del pattugliamento marittimo o anche la Tigre III modernizzare la flotta di elicotteri da combattimento dei due eserciti.

Le divergenze compaiono a partire dal 2019

Ben presto, però, sono emerse differenze tra Parigi e Berlino, sia in campo industriale e tecnologico, sia riguardo al posizionamento politico e alla traiettoria perseguita dalle due cancellerie, esacerbate, è vero, dal riscaldamento delle relazioni bilaterali tra Washington e Berlino. con l’elezione di Joe Biden alla Casa Bianca.

Successivamente Berlino si ritirò, più o meno direttamente, programmi Tigre III, CIFS et MAWS. Il programma FCAS, nel frattempo, è stato oggetto di intense trattative tra Airbus DS e Dassault Aviation, riguardanti la condivisione industriale e il pilotaggio del primo pilastro del programma, la progettazione dello stesso aereo da combattimento NGF, portandolo sull’orlo dell’implosione.

RCH155 KMW 005 e1684249329279 Carri armati MBT | Germania | Analisi della difesa
Con la fine del programma CIFS, gli industriali tedeschi lanciarono la progettazione di un cannone da 155 mm montato su ruote (qui l'RCH-155 di KMW) e di un lanciarazzi multiplo.

Doveva il fermo intervento dei tre ministri della Difesa francese, tedesco e spagnolo, per riportare i produttori di aeromobili al tavolo delle trattative e raggiungere un accordo per iniziare a progettare un dimostratore entro il 2029.

Quanto all'altro sopravvissuto dell'ambizione franco-tedesca del 2017, il programma MGCS, anch'esso si trova in una situazione difficile da diversi anni, senza che i ministri in carica gli abbiano permesso, fino ad oggi, di uscire dalla routine in cui si trova. In.

Il programma MGCS e la partecipazione di Nexter sono in pericolo

Tuttavia, inizialmente, il programma MGCS, che doveva consentire la sostituzione dei carri armati francesi Leclerc e Leopard 2 iniziative tedesche con scadenza nel 2035 sembravano molto più solide in termini di ambizione e traiettoria rispetto alle altre iniziative franco-tedesche.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 carri armati da battaglia MBT | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli