La competizione per la sostituzione dei 4 sommergibili Walrus olandesi sta per concludersi

Dopo diversi anni indecisi, la sostituzione dei sottomarini Walrus della Royal Netherlands Navy ha raggiunto un traguardo cruciale con la pubblicazione della lettera B.

Come molti paesi europei, i Paesi Bassi hanno gravemente trascurato le proprie forze armate dopo la fine della Guerra Fredda nei primi anni 90. Pertanto, lo sforzo di difesa olandese è passato dal 2,4% del PIL nel 1990 a poco più dell’1% nel 2015. impegno di raggiungere la soglia del 2% nel 2014 nell’ambito del vertice NATO di Cardiff, Amsterdam ha destinato solo l’1,4% del suo Pil ai suoi eserciti nel 2021.

In effetti, numerosi programmi di ammodernamento dell'equipaggiamento militare olandese hanno dovuto essere rinviati, dilazionati nel tempo e addirittura annullati, soprattutto perché il paese, partner del programma JSF, ha visto il suo budget militare in gran parte prosciugato dall'acquisizione dei 38 F -35A , l'ordine è aumentato a 46 e poi a 52 dispositivi in ​​seguito. Ciò è particolarmente vero per il programma volto a sostituire i 4 sottomarini della classe Walrus entrati in servizio presso la Marina reale olandese tra il 1992 e il 1994 e il cui ritiro previsto avrebbe avuto luogo a partire dal 2023.

Lanciato nel 2014, questo programma mirava inizialmente a sostituire le 4 navi entro il 2025. Tuttavia, nel 2018, la Lettera B, vale a dire le specifiche precise distribuite ai produttori selezionati, non era ancora stata inviata. Questo è stato infine inviato nel dicembre 2019 ai 3 principali produttori europei del settore: la tedesca TKMS, la svedese Kockums e la francese Naval Group.

La Royal Netherlands Navy gestisce 4 sottomarini di classe Walrus entrati in servizio tra il 1992 e il 1994
La Royal Netherlands Navy gestisce 4 sottomarini di classe Walrus entrati in servizio tra il 1992 e il 1994

Da allora, tra le conseguenze della crisi del Covid, poi gli sconvolgimenti causati dalla guerra in Ucraina, il discorso era rimasto più o meno congelato, anche se i tre produttori hanno regolarmente comunicato a mostrare i punti di forza dei rispettivi modelli in questa competizione.

Sono senza dubbio anche la guerra in Ucraina e il ritorno delle tensioni con la Russia, in particolare nel Mare del Nord, che oggi consentono a questo programma di compiere un passo tanto atteso.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Flotta sottomarina | Germania | Conflitto russo-ucraino

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli