Perché la rapida modernizzazione degli eserciti rappresenta un pericolo per l'industria europea della difesa?

L'attacco russo all'Ucraina, iniziato nel febbraio 2022, è stato per molti versi una vera e propria scossa elettrica per la stragrande maggioranza degli europei, siano essi leader, personaggi politici e per l'opinione pubblica nel suo complesso. .

Nel giro di poche ore, tre decenni di certezza sull'impossibilità di una grande guerra emergente in Europa, in particolare coinvolgendo una superpotenza nucleare come la Russia, erano stati infranti. Naturalmente, molti europei si sono poi chiesti se i loro stessi eserciti e la loro industria della difesa fossero in grado di resistere a tale aggressione.

Lo shock della guerra in Ucraina

Il risveglio fu allora molto doloroso. Dopo 30 anni di generalizzato sottoinvestimento nello strumento militare, e impegni militari certamente difficili e costosi, ma di natura asimmetrica e anti-insurrezionale, Gli eserciti europei erano solo l'ombra di ciò che erano stati durante la Guerra Fredda.

Non solo avevano perso i due terzi, spesso di più, della loro massa, ma erano stati anche, e il più delle volte, costretti e forzati, trascurando in gran parte di modernizzare e mantenere le attrezzature disponibili, per quanto poche di numero.

È così che nel 2018 la Bundeswehr ha fatto la dura constatazione di avere in realtà solo quattro fregate, una cinquantina di caccia Typhoon e Tornado, e poco più di un centinaio di carri armati Leopard 2 operativi e pronti al combattimento, mentre tutta la sua flotta di sottomarini era bloccata nei portis.

Tipo212 Germania BITD Tessuto industriale per la difesa | Germania | Analisi della difesa
NEL 2018, i 6 sottomarini tedeschi di tipo 212 erano contemporaneamente non disponibili e impossibilitati a prendere il mare.

Sfortunatamente, il caso tedesco era tutt'altro che eccezionale, con la maggior parte degli eserciti europei, a est ea ovest, che si trovavano ad affrontare notevoli problemi di disponibilità ed efficacia nella maggior parte delle aree.

E se le armate francesi, attraverso i loro interventi in Africa e la loro postazione nucleare fortunatamente mantenuta molto seriamente al suo massimo livello dallo Stato Maggiore, furono poi riconosciute come "la migliore armata europea", fu soprattutto per mancanza di concorrenza.

Se i Paesi dell'Europa orientale, in particolare la Polonia e gli Stati baltici, avevano anticipato da qualche anno l'inasprimento della minaccia russa, e se la Grecia aveva mantenuto un efficace assetto difensivo contro la minaccia turca, tutti gli altri eserciti europei erano, in un modo, raccolti a freddo da questo spostamento.

Il cancelliere Olaf Scholz è stato il primo a reagire a questa nuova situazione, annunciando, a partire dal 28 febbraio 2022, l'istituzione di un budget eccezionale di 100 miliardi di euro per modernizzare gli eserciti tedeschi.

Si trattava soprattutto di rimediare alle principali criticità, mentre il governo si impegnava a raggiungere uno sforzo di difesa del 2% del PIL entro il 2025, dopo aver trovato tutti i possibili pretesti per deviare da questo target dalla Nato fin dal 2014, ed è rimasto rilevante fino all'offensiva russa.

Da allora tutti i Paesi europei, dai più imponenti come Germania, Francia e Italia, ai più modesti come la Lettonia e i suoi 1,9 milioni di abitanti, hanno intrapreso un vasto sforzo per ammodernare e aumentare rapidamente i propri mezzi militari, sia per compensare per l'equipaggiamento trasferito a Kiev per affrontare Mosca e per rendere suicida un'offensiva russa contro la NATO, qualunque sia lo scenario previsto.

Varsavia vuole costruire la sua industria della difesa sulla base di un'intensa partnership con Seoul
Se i primi 180 carri armati K2 Black Panther ordinati da Varsavia sono prodotti in Corea del Sud, la maggior parte degli 820 K2PL futuri saranno prodotti in Polonia

Lo sforzo della difesa polacca

L'esempio più eclatante di questo sforzo è nientemeno che la Polonia che, in appena 15 mesi, ha ordinato 1250 nuovi carri armati da combattimento K2 e M1A2, più di 700 cannoni semoventi K155 da 9 mm, più di 1600 carri da combattimento di fanteria e 96 Apache elicotteri da combattimento, 3 fregate Arrowhead e 48 caccia leggeri FA-50, tra gli equipaggiamenti più significativi.

Mentre rimangono molti interrogativi sul finanziamento di questo sforzo eccezionale, le sue caratteristiche complessive, vale a dire un grande sforzo globale concentrato in un breve periodo di tempo inferiore a 15 anni, rappresentano senza dubbio oggi l'argomento di discussione più importante. anche altre cancellerie europee, anche dell'Europa occidentale, hanno intrapreso uno sforzo di ammodernamento con caratteristiche comparabili.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Tessuto industriale difesa BITD | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli