I paesi sudamericani si stanno preparando al rinnovo della loro flotta sottomarina

Mentre la maggior parte dell'attenzione internazionale sulle forze navali è focalizzata sul teatro Asia-Pacifico, Medio Oriente e Mediterraneo-Atlantico, le flotte sudamericane sono tutt'altro che trascurate, in particolare per quanto riguarda la loro flotta di sottomarini.

Pertanto, sono attualmente in servizio non meno di 24 sottomarini diesel-elettrici appartenenti a 7 marine militari sudamericane, per la stragrande maggioranza dei Type 209 tedeschi acquistati nuovi o di seconda mano negli anni '70 e '80.

Alcune di queste marine, in questo caso la marina cilena e quella brasiliana, si sono già impegnate a modernizzare la loro flotta, Santiago è stato il primo cliente dell'allora nuovo sottomarino francese Scorpene a metà degli anni 2000 per 2 navi, poi Brasília, sempre per 4 navi Group Scorpene, il primo dei quali è entrato in servizio nel dicembre 2022, nell'ambito di un importante programma di trasferimento tecnologico che dovrebbe portare alla progettazione del primo sottomarino d'attacco nucleare sudamericano.

Tuttavia, oggi sono ben 16 i Type 209 che raggiungeranno presto il loro limite di età e che dovranno essere sostituiti negli anni a venire. Per questo le marine argentina (2 unità), cilena (2 unità), colombiana (2 unità), ecuadoriana (2 unità) e peruviana (6 unità) si sono riunite per la 1ᵉʳ International Symposium of South American Commandos and Submarine Forces organizzato dalla Marina ecuadoriana il 22 marzo.

Si trattava, per le delegazioni presenti, di condividere le loro esperienze passate e presenti, nonché le loro visioni sull'evoluzione delle forze sottomarine negli anni e nei decenni a venire. Al di là della condivisione delle conoscenze, si trattava anche di stabilire un punto di partenza per una possibile cooperazione internazionale, in particolare in campo industriale, in modo da garantire la sicurezza del continente.

la flotta sottomarina peruviana è una delle più grandi del continente sudamericano
La Marina peruviana allinea 6 sottomarini convenzionali, 4 Type 209 (Qui l'S-31 Angamos) e 2 Type 206

La sostituzione dei sommergibili Tipo 209 è particolarmente urgente per la Marina Militare Argentina, le cui 2 navi rimanenti, il Santa Cruz e il Salta, entrate in servizio rispettivamente nel 1984 e nel 1973, sono state poste in riserva in seguito alla perdita del San Ruan, il gemello del Santa Cruz, nel 2017.

La situazione non è migliore per la Marina colombiana, i cui due Type 209, gli ARC pijao e il CRA tayrona entrò in servizio nel 1975, quando il suo 2 Tipo 206, l'ARC Grassetto e il CRA Indomabile, acquistato di seconda mano dalla Germania nel 2011, è entrato in servizio rispettivamente nel 1974 e nel 1975.

Le 2 navi ecuadoriane, la Shiri e Huancavilca, entrato in servizio rispettivamente nel 1977 e nel 1978. Thomson e Simpson entrato in servizio nel 1983 e nel 1984, oltre alle 4 Peruviane Tipo 209/1200, le Angamo, Antofagasta, Pisagua et Chipana, entrato in servizio tra il 1980 e il 1983, mentre i suoi due Type 209/1100, l'isola eArica, entrato in servizio nel 1975.

La sostituzione di queste circa 12 Type 209, ma anche delle 2 Type 206 colombiane altrettanto vecchie, rappresenterà una questione critica per i costruttori internazionali. Ma se il mercato è allettante e colossale, la concorrenza, intanto, non è mai stata così forte.

In effetti, non meno di 8 produttori possono posizionarsi su questi mercati, per 11 diversi modelli di sottomarini. L'Europa da sola offre 6 modelli di 4 produttori, il Tipo 212 e 214 dal tedesco TKMS, il S-80 dello spagnolo Navantia le luci, Scorpène et Shortfin Barracuda del gruppo navale franceseE il A26 Blekinge dello svedese Kockums.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Propulsione indipendente dall'aria AIP | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli