La Romania spenderà 10 miliardi di euro per modernizzare i suoi eserciti

Con un budget per la difesa di 7,8 miliardi di euro all'anno, ovvero il 2% del PIL del paese, la Romania è uno dei migliori studenti della NATO, anche se questo sforzo è ostacolato da un PIL inferiore a 300 miliardi di dollari e da uno dei PIL pro capite più bassi l'Unione Europea. Là maggiore sforzo difensivo, avviata nel 2013 dopo il ritorno di Vladimir al Cremlino e il significativo irrigidimento della posizione russa nell'Est Europa, ha permesso di incrementare lo sforzo di difesa dall'1,2% del PIL all'odierno 2%, e di puntare al 2,5% nei prossimi anni, mentre il Paese può contare su una crescita dinamica di circa il 5% annuo. L'aumento dei budget ha consentito a Bucarest di avviare diversi programmi di acquisizione di armi, sia per modernizzare le sue forze armate sia per occidentalizzare il suo equipaggiamento, che fino ad ora era in gran parte costituito da materiali sovietici prodotti su licenza dall'industria locale. Così, nel 2020, le forze aeree e di terra rumene hanno iniziato a ricevere la prima delle 7 batterie antiaeree MIM-104 Patriot ordinate dagli Stati Uniti, mentre nel 2016 è seguita la prima delle 17 auto usate F-16 acquistate dal Portogallo quest'anno da Altri 32 F-16 ceduti dalla Norvegia. Nel 2019 il Gruppo Navale Francese ha vinto il concorso per la costruzione di 4 corvette Gowind 2500, mentre Bucarest da allora è iniziata trattative con Parigi per l'acquisizione dei sottomarini Scorpene.

Pochi giorni fa, il Ministero della Difesa rumeno ha presentato il suo piano per modernizzare le sue forze di terra, questo dopo aver annunciato, alcune settimane fa, l'acquisizione di 54 carri pesanti M1 Abrams di seconda mano dagli Stati Uniti. E il minimo che possiamo dire è questo Bucarest si sta dando i mezzi per realizzare le sue ambizioni, mettendo sul tavolo ben 10 miliardi di euro acquisire 298 veicoli da combattimento di fanteria, 41 sistemi di protezione antiaerea a corto raggio SHORAD, circa 155 sistemi di artiglieria semovente da 485 mm, nonché 120 missili aria-aria AIM-9 e AIM-16X Sidewinder per armare i suoi recenti acquisito F-XNUMX, tutti con un programma di consegna ambizioso.

AS21 Redback alleanze militari | Analisi della difesa | Artiglieria
Il K21 nella sua variante AS21 Redback è oggi considerato il favorito per la competizione Land 400 in Australia contro il KF41 Lynx.

I 298 veicoli da combattimento di fanteria, per i quali sono stati approvvigionati 3 miliardi di euro, di cui 2,5 miliardi per un primo ordine di 246 veicoli corazzati, la cui consegna dovrebbe iniziare quest'anno, dovranno sostituire circa 150 MLI-84 derivati ​​dal BMP - 1 Soviet, in servizio dalla metà degli anni 80. Si evolveranno parallelamente ai 227 Piranha V in consegna, mentre Presto potrebbero essere ordinate altre 150 copie. Diversi VCI soddisfano le specifiche di Bucarest e all'interno della dotazione annunciata, tra cui il CV90 Mk4 che ha recentemente vinto le competizioni slovacca e ceca, nonché il Rheinmetall KF41 Lynx selezionato da Budapest nel 2020. Tuttavia, il grande favorito, oggi oggi non è altro rispetto al K21 sudcoreano, dopo la società statale ROMARM ha firmato, all'inizio di febbraio, un Memorandum of Understanding per la produzione di veicoli corazzati con la sudcoreana Hanwha, seguendo l'esempio di quanto fatto in Polonia per quanto riguarda i carri armati K2 e i cannoni semoventi K9. Economico con un prezzo unitario pubblico inferiore a 5 milioni di dollari, potentemente armato con un cannone automatico da 40 mm e molto mobile grazie al suo motore da 750 CV che gli conferisce un rapporto potenza/peso di 29 CV per tonnellata, il K21 ha davvero argomenti da addurre , soprattutto accompagnata da un effettivo accordo industriale, tanto più che la dotazione di bilancio prevista (10 milioni di euro/veicolo blindato) offre grande libertà di configurazione ai negoziatori rumeni.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Alleanze Militari | Analisi della difesa | Artiglieria

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

6 Commenti

  1. Riscontriamo sempre lo stesso problema della Polonia.
    L'industria militare europea è in campionatura per mancanza di ordini e quando il tuo vicino si chiama Vlad non sei così paziente con le consegne.

    Risultato, acquisti OCCAZ disponibile (ho adorato il tuo articolo sul leasing negli eserciti francesi) o da un'azienda industriale con una grande capacità produttiva.

    Con questi criteri restano le azioni americane e le catene coreane.

    Perché Vlad, ne hanno davvero paura.

    QED

    • C'è anche un vero problema di prezzo. Il K9 costa il doppio di un Psh2000, mentre offre, con pochissime cose, le prestazioni. È probabile che la differenza di prezzo di configurazione simile sia significativa anche per K21 e Lf41/CV90.
      Anche il Caesar è in difficoltà, visto che il suo prezzo unitario è vicino a quello del K9, mentre quest'ultimo è cingolato, blindato e autocaricante. Nonostante gli argomenti innegabili del sistema francese, ci sono molti argomenti da contrastare contro il K9

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli