L'ipotesi del carro armato KF-51 Panther costruito in Ucraina lascia perplessi gli specialisti

All'inizio di marzo, il spumeggiante presidente del colosso industriale tedesco Rheinmetall ha stupito annunciando che erano in corso trattative con Kyiv, in vista di costruire una fabbrica in Ucraina in grado di assemblare 400 carri armati KF-51 Panther annualmente, così da dare alle armate ucraine non solo un importante vantaggio tecnologico e operativo nei confronti delle forze russe, ma anche uniformare e razionalizzare la flotta corazzata delle forze armate ucraine che, oggi, ha poco da invidiare al corso dei Miracoli così ci sono molte referenze e micro-flotte. Inoltre, Kiev avrebbe l'opportunità di acquistare parallelamente una flotta di moderni veicoli da combattimento di fanteria KF-41 Lynx, che possono essere prodotti su la catena di montaggio ungherese costruita su ordine di Budapest di 218 di questi veicoli blindati nel settembre 2020. E aggiungere che la costruzione di questa fabbrica, che secondo l'imprenditore tedesco costerebbe 200 m€, doveva partire il prima possibile per far fronte alle esigenze operative ucraine.

Da allora il management di Rheinmetall come le autorità di Kiev, senza smentire le dichiarazioni di Armin Papperger, sono rimasti particolarmente discreti su questo argomento. Ufficialmente, l'argomento è così delicato che non può essere esposto pubblicamente fino a quando non sarà ottenuto un accordo definitivo. Ma per molti specialisti, gli annunci fatti dal CEO di Rheinmetall sollevano più domande che risposte. In effeti, molti elementi "non si attaccano" alla realtà esistente o prevedibile, così tanti sono apertamente scettici sulla materialità di questo annuncio. È vero che, anche molto breve, questo annuncio ha poco senso.

lince ifv Rheinmetall Germania | Analisi della difesa | Bilanci dell'esercito e sforzo di difesa
Rheinmetall offre anche a Kiev l'acquisizione di veicoli da combattimento di fanteria KF-41 Lynx che verrebbero poi costruiti in Ungheria.

Innanzitutto la costruzione di un sito industriale che permetterebbe di montare 400 serbatoi moderni come il Panther, richiederebbe molto tempo e molto più dei 200 milioni di euro menzionati dall'onorevole Papperger. Anche se il sito fosse destinato esclusivamente all'assemblaggio di veicoli blindati, dovrebbe disporre di infrastrutture industriali e di trasporto molto estese, in modo da assorbire il flusso industriale così generato per produrre più di un nuovo carro armato al giorno. D’altro canto, oltre all’infrastruttura di assemblaggio, un tale flusso richiederebbe una modifica significativa delle capacità produttive di tutti i subappaltatori che partecipano al programma, in particolare all’interno del BITD tedesco, il che implica, anche in questo caso, numerosi investimenti, ma anche la formazione di numerosi nuovi operatori. E qui arriva un secondo punto molto sorprendente in questa dichiarazione. In effetti, gli eserciti ucraini hanno la capacità di schierare tra gli 800 e i 1200 carri armati pesanti, il che richiede la produzione in soli 3 anni. Anche tenendo conto dei possibili mercati di esportazione e del possibile logoramento della flotta ucraina, è difficile prevedere una produzione oltre i 5-6 anni, un periodo di produzione attiva troppo breve se si considerano gli investimenti richiesti in Ucraina come in Germania. Da un punto di vista prettamente industriale ed economico, infatti, il modello descritto da Armin Papperger, per la verità poche settimane prima della pubblicazione dei risultati aziendali, appare molto incoerente.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Allemagne | Analyses Défense | Budgets des armées et effort de Défense

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

4 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli