Perché l'incrociatore sta diventando ancora una volta un'opzione credibile per le marine mondiali?

Il 9 luglio 1995 entrò in servizio la USS Port Royal, l'ultimo incrociatore di classe Ticonderoga entrato a far parte della US Navy, ma anche l'ultimo incrociatore prodotto in occidente, o almeno designato come tale. Su scala planetaria sarà stato seguito solo dall'incrociatore nucleare russo Piotr Veliki (Pietro il Grande), 3ᵉ e ultima unità della classe Kirov di essere entrato a far parte della Marina russa nel 1998 dopo 15 anni di costruzione e che le ultime tre unità furono cancellate in seguito al crollo del blocco sovietico.

In seguito, nessuna delle principali marine del mondo ha prodotto un incrociatore, fino all'entrata in servizio nel 2008 del primo dei 3 cacciatorpediniere pesanti sudcoreani di la classe Sejong il Grande e i suoi 128 silos verticali per un dislocamento di 10.000 tonnellate e 166 metri di lunghezza. Bisognerà attendere ancora più di 10 anni per una seconda classe di cacciatorpediniere pesanti, il cinese Type 055 da 12.000 tonnellate, 180 metri e 112 VLS, non entra in servizio.

Da allora, diversi marines, tra cui la US Navy con il programma DDG(x)., Italia con il programma DDx, O La Russia con la classe Lider, ha annunciato il lancio di un programma volto all'acquisizione di cacciatorpediniere o incrociatori pesanti. Resta da determinare le ragioni di questi cambiamenti di paradigma che hanno portato al rinnovato interesse delle principali marine del mondo per l'incrociatore, dopo che era stato poco amato per quasi 30 anni.

Cos'è un incrociatore?

Per rispondere a questa domanda, è necessario iniziare definendo cos'è un incrociatore. Esistono diverse definizioni, basate ad esempio sulla stazza della nave o sulla sua potenza di fuoco. Ma la più rilevante è proprio quella che consente di classificare le unità di superficie in base alla loro missione principale strutturandone la progettazione.

Pertanto, le fregate sarebbero scorte specializzate e i cacciatorpediniere, scorte più pesanti e versatili. In questa nomenclatura, l'incrociatore si distingue dal cacciatorpediniere per il fatto che non è una scorta destinata a proteggere una nave maggiore come una portaerei o una grande nave anfibia, ma che rappresenta da sola una nave maggiore capace, così com'è il caso della portaerei, di controllare un teatro e quindi di avere tutti i mezzi per colpire bersagli aerei, navali o terrestri.

Certo, un incrociatore può agire a vantaggio di un'altra nave capitale, come era la missione dell'americana Ticonderoga, ma è soprattutto in grado di controllare la propria forza navale al fine di creare un grande effetto operativo e politico.

Incrociatore di classe Ticonderoga Pianificazione e piani militari | Germania | Analisi della difesa
L'ultimo incrociatore ad entrare a far parte della Marina degli Stati Uniti fu una nave di classe Ticonderoga nel 1995

Pertanto, sulla base di questa definizione, appare chiaro che il Type 055 cinese, come il Sejong le Grand sudcoreano, corrisponde molto più alla classificazione di incrociatore che di cacciatorpediniere.

Ciò è confermato dal formato di schieramento frequentemente osservato di queste navi in ​​quanto spesso costituiscono la nave capitale di una flottiglia composta da scorte, fregate o cacciatorpediniere e navi logistiche, in modo da essere in grado di svolgere le loro missioni primarie, indipendentemente dal fatto che siano esse. sono protezione antinave, attacco terrestre o protezione antibalistica e antiaerea.

Lo stesso varrà per i futuri DDGx e DDx della US Navy e della Marina Militare, ovvero tre nuovi incrociatori russi la cui costruzione è stata annunciata da Vladimir Putin qualche settimana fa, e che probabilmente deriverà dal modello Lider a propulsione nucleare presentato da anni nei salotti russi. E se la voce sullo sviluppo di super cacciatorpediniere per la Bundesmarine rimane molto incerta, non è meno vero che, d'ora in poi, gli incrociatori hanno, di nuovo, i favori degli ammiragliati.

Sejong il Grande, DDGx, Tipo 055..: Perché l'incrociatore sta tornando in prima linea nelle marine mondiali?

Questo ritorno alla grazia dell'incrociatore deriva dall'evoluzione o dalla comparsa di numerosi fattori concomitanti. Il primo di questi non è altro che l'arrivo di munizioni da attacco verso terra, come il missile da crociera, ma anche il missile balistico e il drone di tipo stalker, ormai disponibili in molti Paesi.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Metadefense Logo 93x93 2 Pianificazione e piani militari | Germania | Analisi della difesa

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

2 Commenti

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli