La Francia può aumentare i suoi investimenti per la difesa oltre i limiti della LPM 2024-2030?

A pochi giorni dalla sua presentazione ufficiale, il contenuto della futura Legge di programmazione militare francese, che inquadrerà gli investimenti dello Stato in questi eserciti per i prossimi 7 anni, comincia a diventare sempre più chiaro. Tuttavia, al di là dei circa 400 miliardi di euro di investimenti previsti nei prossimi 7 anni e dei 13 miliardi di euro di prestiti eccezionali previsti anch'essi in questo periodo, e sebbene questa traiettoria rappresenti un aumento di 100 miliardi di euro rispetto al precedente LPM, da qualche giorno si sono levate molte voci per deplorare gli arbitrati, e talvolta per criticare la cifra giudicata, non senza ragione è vero, come insufficiente rispetto alle esigenze degli eserciti a fronte della rapida evoluzione delle minacce in Europa e nel mondo. Se queste voci concordano sull'osservazione, e cioè che a questo LPM mancano diverse decine di miliardi di euro per soddisfare efficacemente le esigenze degli eserciti, e senza entrare nel dibattito se occorrono più carri armati, non più sistemi antiaerei, niente più sottomarini o niente più droni, tuttavia, sembra che nessuno stia nemmeno rischiando di dare indizi per consentire il finanziamento di queste esigenze critiche.

Come promemoria, se il prossimo LPM rispetta una traiettoria di crescita lineare per il budget delle forze armate al fine di raggiungere i 413 miliardi di euro previsti, le Forze armate avranno, nel 2030, un budget annuale di 68 miliardi di euro, che rappresentano tra 2,25 e 2,3 % del PIL del paese in quella data. Questo obiettivo rappresenta un aumento di quasi il 55% nel budget annuale della LPM, quindi circa il 40% in euro costanti, e il 112% rispetto al budget 2016. dubbio, di un notevole sforzo del governo francese, tanto più considerevole poiché molti altri argomenti pesano sull'opinione pubblica, che è più preoccupata per l'evoluzione del servizio sanitario o dell'offerta dell'istruzione, sia che gli eserciti francesi abbiano 200 o 400 carri armati pesanti. In altre parole, a parte la sfera relativamente ristretta di persone sensibili alle questioni di difesa nel Paese, la questione della LPM e degli eserciti non è una priorità per molti francesi, e lo spettacolare aumento della difesa negli ultimi 6 anni, come quello del periodo 2024-3030 a seguire, non è di per sé un tema ad alto potenziale di soddisfazione politica. Va inoltre notato che la previsione di 413 miliardi di euro è molto più vicina ai 420 miliardi di euro dichiarati dal ministero delle Forze armate che ai 370 miliardi di euro proposti dal ministero delle Finanze.

una sessione nella Camera dell'Assemblea Nazionale Analizza Défense | Bilanci delle forze armate e sforzi di difesa | Esportazioni di armi

Tuttavia, e nonostante l'evidente sforzo politico e di bilancio compiuto dalle autorità in questa materia, non sono privi di significato nemmeno i punti di debolezza rilevati da numerosi commentatori in questi giorni. Così, mentre la sola modernizzazione della deterrenza francese catturerà quasi 100 miliardi di euro da questo nuovo LPM, e mentre i costi operativi e l'aumento delle vendite cattureranno il 45% in più, difficilmente rimarranno crediti per modernizzare le forze, e quindi per sviluppare e acquisire nuovi sistemi, nonché sperare di aumentare l'attuale dimensione degli eserciti oltre i 50.000 riservisti aggiuntivi da reclutare. Da un punto di vista sintetico, e senza dilungarci in una lunga dimostrazione, possiamo stimare che a questo LPM mancherebbero circa 100 miliardi di euro di crediti aggiuntivi, non su una traiettoria graduale come attualmente pianificata, ma per riparare i danni legati alle criticità sotto -investimento in quest'area dal 2000 al 2020, ciò avendo comportato un significativo invecchiamento dell'età media delle attrezzature, la riduzione dei parchi, e quindi perdite di performance operative molto significative. Sapendo che, dal punto di vista del bilancio, è da escludere un ulteriore aumento a meno che non siano giustificate entrate aggiuntive, quali soluzioni potrebbero essere disponibili per consentire alla Francia di finanziare questo sforzo immediato?

1- Reindirizzamento degli stanziamenti su nuove entrate o risparmi di bilancio

Tra le soluzioni a volte citate per consentire un incremento dello sforzo di difesa in Francia, il riorientamento di bilancio, sulla base dei potenziali risparmi realizzati sulla spesa pubblica o sulle nuove entrate, è incontestabilmente la più frequentemente prospettata. Ciò comporterebbe, a seconda dei casi, il taglio delle spese di bilancio ritenute inefficaci e la generazione di entrate o risparmi supplementari attraverso la lotta contro le frodi, siano esse fiscali o sociali. Tuttavia, sembra che l'applicazione di queste misure sia molto più difficile una volta superate le campagne e le promesse elettorali, e diversi governi si sono rotti i denti, a seconda che fossero di destra promettendo la fine delle frodi sociali, o di sinistra suonando gli hallali degli esuli fiscali. Alla fine, questi approcci non consentono di liberare, in modo certo e prevedibile, le risorse necessarie a finanziare in modo sostenibile un aumento dei crediti della difesa, mentre la pianificazione su entrate variabili ha mostrato i suoi limiti anche durante i cinque anni di Sarkozy e Hollande. termini dell'anno. Senza pregiudicarne la rilevanza e l'applicabilità, queste misure non hanno sufficiente robustezza per consentire di costruire il bilancio degli eserciti attorno ai risultati che possono essere, nella migliore delle ipotesi, solo sperati.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità.

Meta-Defense festeggia il suo 5° anniversario!

LOGO meta difesa 114 Analisi Difesa | Bilanci e sforzi di difesa delle Forze Armate | Esportazioni di armi

- 20% sul tuo abbonamento Classic o Premium, con il codice Metanniv24, jusqu'au Solo il 21 maggio !

Offerta valida dal 10 al 21 maggio per la sottoscrizione online di un nuovo abbonamento Classic o Premium, annuale o settimanale sul sito di Meta-Defense.


Per ulteriori

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli