Esiste davvero una nicchia commerciale per un successore del Mirage 2000!

Il 10 marzo 1978 decollò per la prima volta il prototipo del Mirage 2000. Destinato a sostituire i Mirage III/V e IV dell'Aeronautica Militare, il velivolo fu un innegabile successo, sia dal punto di vista tecnologico che operativo. e commerciale, con 601 velivoli prodotti, metà dei quali destinati all'esportazione verso 8 forze aeree internazionali.

Lo è anche dal punto di vista tecnologico e operativo, essendo il "2000" il primo velivolo a coniugare le prestazioni dell'ala Delta che fecero il successo del Mirage III, con comandi di volo elettrici e avanzati dispositivi di alta portanza, offrendo altissime prestazioni a questo monomotore considerato da molti l'unico concorrente del celebre F-16.

Il fatto è che, come l'aereo americano, il Mirage 2000 rappresenta ancora oggi il pugno armato di molte forze armate, a quasi 45 anni dal suo primo volo, e resta considerato il miglior caccia in servizio in Grecia, ma anche in India, a parere dei piloti stessi, almeno fino all'arrivo del suo successore designato, l' Rafale.

Le ragioni del successo del Mirage 2000

Lungo meno di 15 metri con un'apertura alare di 10, il caccia francese si affidava a un nuovo eccellente motore turbogetto della SNECMA, l'M53, che sviluppava 6,8 tonnellate di spinta a secco, e quasi 10 tonnellate con postcombustore, per una massa di soli 7 kg a vuoto .

Questo motore offre al velivolo prestazioni notevoli, con una velocità massima di Mach 2.2 in alta quota e Mach 1,2 a bassa quota, ma anche in termini di velocità di salita con oltre 18 m/minuto al livello del mare.

Inoltre, la sua ala delta gli conferisce un'eccellente portanza e manovrabilità, soprattutto a medie e alte velocità. E se l'elettronica di bordo ha impiegato più tempo di quella della cellula per raggiungere la maturità, il Mirage 2000 era comunque alla pari con l'F-16 in questo settore dalla fine degli anni '80, soprattutto perché poteva contare su nuove munizioni, anch'esse molto efficienti, come il missile aria-aria MICA.

Oltre alle sue prestazioni che gli permettono di competere con la maggior parte dei moderni aerei da combattimento, compresi alcuni molto più pesanti e costosi, il Mirage 2000 ha preparato perfettamente il terreno per la Rafale. Così, l'Egitto, ma anche il Qatar, l'India, la Grecia e gli Emirati Arabi Uniti hanno scelto l'ammiraglia della Dassault Aviation per subentrare al loro valoroso 2000.

Ma se il file Rafale è chiamato a sostituire il Mirage 2000 in queste forze aeree, ma ciò non significa la fine dei giochi per i monomotori francesi. Sembra infatti che esista una domanda internazionale significativa per l'acquisto di aerei usati, in particolare per le flotte degli Emirati Arabi Uniti, ma anche del Qatar.

Un'attrattiva ancora viva, ancora oggi

Così, Il Marocco prevede di dotarsi di una trentina di Mirage 2000-9 degli Emirati, mentre recenti informazioni menzionano la possibile acquisizione di Mirage 2000 EDA e DDA dall'aeronautica militare del Qatar dall’Indonesia come soluzione transitoria in sostituzione dei suoi Su-27 e Su-30 ancora in servizio, in attesa dell'aumento di potenza della flotta di Rafale.

Per quanto riguarda Grecia, India, Taiwan ed Egitto, sembrano tutti determinati a farlo impiegano la loro flotta dal 2000 fino alla fine del loro potenziale, in quanto il velivolo si dimostra tuttora efficace ed efficiente, in particolare per quanto riguarda le missioni di intercettazione e di superiorità aerea.

Rafale Mirage2000 Qatar e1625759333293 Aereo da caccia | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari
Il Qatar Mirage 2000 potrebbe essere acquisito dall'Indonesia come soluzione transitoria in attesa dell'arrivo di caccia di nuova generazione come il Rafale e il KF-21.

L'ovvia attrattiva di questo dispositivo sulla scena internazionale dimostra, se ce ne fosse bisogno, che esiste effettivamente un mercato significativo per ciò che riguarda un caccia monomotore ad alte prestazioni, ma economico da acquistare e da utilizzare, come lo sono i Mirage. 2000, l'F-16 o il JAS-39. È verso questo d'altronde che si dirigono diversi programmi recenti, come ad es il KF-21 Boramae sudcoreano, il turco TFX o l'indiano Tejas Mk2.

L'area di eccellenza di Dassault e del BITD aeronautico francese

Ma proprio questa nicchia costituisce l'area di eccellenza dell'industria aeronautica francese dalla fine degli anni Cinquanta, e dall'arrivo del Mirage III, un velivolo che, per stessa ammissione degli analisti americani dell'epoca, offriva prestazioni paragonabile a quello degli apparecchi americani che spesso sono molto più pesanti e costosi.

È questa constatazione, del resto, che ha spinto l'aeronautica americana a cedere alla mafia dei caccia per progettare l'F-16, mentre i suoi generali prediligevano senza esitazione l'F-15 e l'F-111 all'inizio degli anni '70.

Tuttavia, né il Rafale, che si evolve nella categoria dei caccia medi come l'F/A-18 e l' Typhoon, né il suo successore, l'NGF risultante dall'ipotetico programma FCAS, che evolverà senza alcun dubbio nella categoria dei caccia pesanti (oltre le 30 tonnellate) se si giudicano dalle sue dimensioni e ambizioni, offrono una risposta a questo mercato.


C'è ancora il 75% di questo articolo da leggere, Iscriviti per accedervi!

Logo Metadefense 93x93 2 Aviazione da caccia | Analisi della difesa | Costruzione di aerei militari

I Abbonamenti classici fornire l'accesso a
articoli nella loro versione completa;e senza pubblicità,
a partire da 1,99 €.


Per ulteriori

4 Commenti

  1. […] Il 10 marzo 1978 decollò per la prima volta il prototipo del Mirage 2000. Destinato a sostituire i Mirage III/V e IV dell'Aeronautica Militare, il velivolo fu un innegabile successo, sia dal punto di vista commerciale con 601 velivoli prodotti, la metà dei quali destinati all'esportazione verso 8 forze aeree internazionali, ma anche dal punto di vista tecnologico ed operativo, essendo il "2000" il primo velivolo ad unire le prestazioni dell'ala Delta che ne decretarono il successo del Mirage III, e la combinazione di comandi di volo elettrici e avanzati dispositivi di alta portanza, offrono prestazioni di assoluto rilievo a questo velivolo monomotore considerato da molti l'unico concorrente del famoso F-16 americano. Il fatto è che, come l'aereo americano, il Mirage 2000 rappresenta ancora oggi il pugno armato di molte forze armate a quasi 45 anni dal suo primo volo, e resta considerato il miglior caccia in servizio in Grecia, ma anche in India, secondo l'opinione di i piloti stessi, almeno fino all'arrivo del suo successore designato, l' Rafale. Lungo meno di 15 metri e largo 10, il caccia francese si affidava a un nuovo eccellente turbogetto della SNECMA, l'M53, che sviluppava 6,8 tonnellate di spinta a secco e quasi 10 tonnellate con postcombustore, per una massa di soli 7600 kg a vuoto, conferendo al velivolo prestazioni molto elevate, con una velocità massima di Mach 2.2 in alta quota e Mach 1,2 a bassa quota, ma anche in termini di velocità di risalita con oltre 18.000 m/minuto al livello del mare.Inoltre, la sua ala a delta gli conferiva un'ottima portanza e grande manovrabilità, soprattutto alle medie e alte velocità, e se l'elettronica di bordo impiegava più tempo per raggiungere le prestazioni desiderate, il Mirage 2000 era alla pari con l'F-16 in questo settore dalla fine degli anni '80, soprattutto perché poteva fare affidamento su nuove munizioni che erano anche molto efficienti, come il missile aria-aria MICA. PER SAPERNE DI PIÙ. […]

I commenti sono chiusi.

SOCIAL NETWORKS

Ultimi articoli