La Marina francese dimostra l'importanza del doppio equipaggio per armare le sue fregate

Nel 2019, lo Stato maggiore della Marina francese ha annunciato l'inizio di un esperimento che consente a due fregate FREMM della classe Aquitaine, l'Aquitaine con sede a Brest e la Languedoc con sede a Tolone, da equipaggiare con 2 equipaggi, simile a quanto è stato a lungo praticato per i suoi sottomarini a propulsione nucleare. Anche la fregata Bretagne è stata con doppio equipaggio nel 2020 e ora tutti i FREMM delle classi Aquitania e Alsazia saranno dotati di questa caratteristica. L'obiettivo è consentire alle navi di mantenere un'attività in mare per 180 giorni all'anno, riducendo al contempo la pressione sugli equipaggi a soli 90 giorni all'anno, rispetto ai 110-140 precedenti. Inoltre, la sostituzione degli equipaggi può essere effettuata direttamente nei teatri operativi, così da non dover avviare grandi transiti per le navi soccorso, il che permette di aumentare, oltre le giornate in mare di ciascuna nave, il numero di giorni di mare operativi rispetto al modello precedente.

L'importanza di questa modalità operativa è diventata chiara negli ultimi mesi, in particolare durante il dispiegamento della fregata Bretagne nel Nord Atlantico lo scorso ottobre per unirsi all'SNMG 1 (Standing Nato Maritime Group 1) per controllare i movimenti delle navi e dei sottomarini della Marina russa nel Nord Atlantico, in particolare tra le Isole del Canale e l'Islanda, ma anche per partecipare all'esercitazione FLOTEX SILVER 21, che si è svolta a fine novembre al largo delle coste norvegesi. Infatti, dopo due mesi di intensa attività operativa, l'equipaggio A della Bretagna è stato sostituito dall'equipaggio B durante uno scalo nel porto islandese di Reykjavik a fine dicembre, consentendo alla fregata di riprendere la sua posizione operativa all'inizio di gennaio per due mesi in più. Questo equipaggio si è visibilmente distinto poiché il comandante in capo per l'Atlantico della Marina francese, il vice ammiraglio Olivier Lebas, ha rivolto ufficialmente le sue congratulazioni all'equipaggio della fregata FREMM Bretagne, di fronte alle dure condizioni del mare (la nave avendo attraversato 17 zone di bassa pressione durante il suo dispiegamento), ma anche per la sua efficienza e "i suoi risultati significativi contro le navi russe".

I nuovi sottomarini russi di classe Yassen-M offrono prestazioni molto migliori rispetto ai loro predecessori, anche in campo acustico

Potremmo speculare all'infinito sul significato di quest'ultima frase, soprattutto perché le capacità di guerra antisommergibile del FREMM e dei loro equipaggi non hanno più bisogno di essere dimostrate, e numerosi rapporti indicano che la flotta sottomarina russa ha subito un significativo rilancio dell'attività in negli ultimi anni, soprattutto perché ora riceve regolarmente nuove navi o versioni modernizzate dei suoi edifici, come i nuovi SSGN della classe Iassen e Iassen-M e gli SSGN modernizzati di classe Antei, navi rinomate per essere molto più discrete dei loro predecessori . In effetti, è proprio probabile che l'equipaggio B della Bretagna abbia avuto molto da fare durante i suoi 2 mesi di pattugliamento nel Nord Atlantico, soprattutto perché questo periodo corrispondeva alla fase preparatoria dell'attacco russo in Ucraina. . Tuttavia, è stata l'operazione a doppio equipaggio che ha permesso a un equipaggio fresco e addestrato di prendere il posto dell'equipaggio A in pochi giorni per svolgere questa missione, così da consentire alla nave di evolvere al meglio le sue prestazioni per 4 mesi , in pieno inverno in una delle zone più difficili per navi ed equipaggi in questo momento, il Nord Atlantico. In effetti, la rilevanza di questo approccio è stata ampiamente dimostrata da questa notizia, che non fa che corroborare precedenti osservazioni su altri teatri operativi. Tuttavia, un altro esercizio, Polaris 21, che si è svolto alla fine dello scorso anno, tende a moderare i benefici percepiti.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE