Quali soluzioni per aumentare la disponibilità del French Naval Air Group a fronte delle esigenze operative?


Nel dicembre 2020, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato il lancio di un nuovo programma di portaerei per la Marina francese. Destinata a sostituire la portaerei nucleare Charles de Gaulle entro il 2038, questa nuova nave, di cui non sappiamo ad oggi se comprenderà uno o due edifici, sarà molto più grande della precedente, con una lunghezza di 300 metri e un dislocamento di 70.000 tonnellate, contro i 261,5 metri e le 42.500 del Charles de Gaulle, e sarà alimentato da due reattori nucleari K-22 da 220 Megawatt ciascuno, dove i due CdG K-15 erogano solo 150 mW, così da soddisfare le esigenze imposto dal nuovo velivolo da combattimento NGF sviluppato nell'ambito del programma SCAF, e che sarà anche più imponente del Rafale che oggi equipaggia le flottiglie da combattimento dell'aviazione navale francese. Sebbene a volte soggetto a critiche, questo programma è ora essenziale per mantenere le capacità di proiezione della potenza francese, mentre il paese deve poter intervenire sull'intero pianeta a causa dei suoi territori e interessi d'oltremare.

Tuttavia, che si tratti della PAN Charles de Gaulle di oggi, o della PANG del 2038 se non si registra la costruzione di una seconda nave, avere un'unica portaerei non è senza imporre alcune restrizioni, soprattutto in termini di disponibilità. Nel periodo precedente il periodo di Indisponibilità Periodica per ricaricare i reattori nucleari e ammodernare i sistemi di bordo nel 2019, il Charles de Gaulle aveva mostrato una disponibilità esemplare, con oltre 240 giorni di missione operativa nell'ultimo anno. Ma un tale ritmo, imposto dalle tensioni nel Mediterraneo orientale e nel Levante, non può essere mantenuto nel lungo periodo, mentre a un ritmo normale, la disponibilità del Naval Air Group francese non supera i 200 giorni in mare all'anno. Mentre le tensioni internazionali sono in aumento da diversi anni, nella zona europea così come in Medio Oriente e nella zona Indo-Pacifica, sembra essenziale aumentare questa disponibilità per offrire alla Marina francese e alla Francia la capacità di pesare su crisi e problemi. In questo articolo analizzeremo due approcci in grado di fornire una risposta a questo problema in modo sostenibile da un punto di vista di bilancio ed efficace da un punto di vista operativo.

Il principio del doppio equipaggio

Il primo approccio è anche il più semplice da implementare, poiché si basa su una soluzione utilizzata da diversi decenni per i sottomarini nucleari francesi, e più recentemente per alcune fregate, dotando queste navi non di uno, ma di due equipaggi. Il paradigma di questo approccio è ovvio, poiché si basa sul fatto che oggi il criterio più restrittivo e vincolante relativo alla tenuta in mare di una grande unità navale non è tecnico ma umano. In altre parole, è la fatica degli equipaggi, e non degli equipaggiamenti, a costringere sottomarini e fregate a limitare la durata dei loro schieramenti o di prendere allerte operative. Inoltre, mentre i sistemi di bordo sono sempre più complessi da mantenere e implementare, i requisiti di formazione del personale sono maggiori, richiedendo periodi più lunghi dedicati alla formazione degli equipaggi. Poiché è più difficile e restrittivo effettuare rotazioni parziali del personale a bordo di una nave in combattimento, e poiché allo stesso tempo i marinai, come tutti i soldati, aspirano oggi maggiormente a preservare un certo spazio dedicato alla vita familiare, il fattore umano è indiscutibilmente il più vincolante per quanto riguarda la disponibilità in mare di una nave da combattimento.

Diverse fregate FREMM della classe Aquitaine sono state dotate di un doppio equipaggio per ottimizzare la loro disponibilità operativa

In questo contesto, affidarsi a un doppio equipaggio ha molti vantaggi. Infatti, procedendo in questo modo, è possibile aumentare del 50% la disponibilità operativa dell'edificio, riducendo del 25% la pressione operativa su ciascuno degli equipaggi. Più concretamente, se il PAN Charles de Gaulle dovesse oggi sostenere un'attività operativa di 200 giorni in mare all'anno, di cui 40 dedicati all'addestramento e alla qualificazione degli equipaggi e 160 giorni di schieramento operativo, un doppio equipaggio permetterebbe di raggiungere 300 giorni in mare, ovvero il limite di ciò che la nave può sostenere dal punto di vista tecnico, mentre i requisiti di formazione e qualificazione verrebbero aumentati solo di 20 giorni, conferendole una disponibilità operativa di 240 giorni all'anno. Allo stesso tempo, ogni equipaggio sarebbe a bordo solo 150 giorni all'anno, fornendo maggiore flessibilità al personale nella pianificazione di addestramento ed esercitazioni, migliorando al contempo la qualità della vita degli stessi marinai. .

Questa soluzione è anche relativamente economica da implementare. Infatti, se l'equipaggio del Charles de Gaulle è composto da 2000 uomini e donne, solo 1200 di loro appartengono effettivamente alla portaerei stessa, il resto essendo distaccato dallo Stato Maggiore e dalle flottiglie e squadroni aeronautici navali. Inoltre, diverse fregate che costituiscono la scorta della portaerei sono già state con doppio equipaggio e la Marina francese ha ordinato 4 nuove Fleet Supply Ships, le navi logistiche che supportano l'attività della portaerei e portaelicotteri d'assalto, una flotta sufficientemente ampia sostenere un tale incremento dell'attività operativa. In altre parole, il raddoppio dell'equipaggio riguarderà solo i 1200 membri dell'equipaggio del PAN, mentre flottiglie e squadroni avranno solo bisogno in uno scenario del genere di aumentare la propria forza lavoro: 300 persone per supportare un tale ritmo, ovvero 1.500 nuovi dipendenti con un costo medio di bilancio inferiore a 75 milioni di euro all'anno.

Il Rafale M è un aereo da combattimento versatile e ad alte prestazioni in grado di stare al confronto con tutti gli aerei da combattimento del momento, compresi quelli implementati esclusivamente da basi terrestri.

In termini di mezzi aerei, per avere i mezzi ottimali per questo rilancio dell'attività, sarebbe gradito, ma non necessario, aumentare il formato della caccia a bordo di 15 nuovi velivoli, cioè una nuova flottiglia, e disporre di un velivolo di sorveglianza E-2D Hawkeye aggiuntivo, ovvero un budget aggiuntivo di 1,8 miliardi di euro che può essere distribuito gradualmente su più anni, in modo da ridurne il peso relativo. Va notato, idealmente, che potrebbe essere largamente rilevante, in tale ipotesi, sovradimensionare la flottiglia 12F specializzata nella difesa aerea con 5 velivoli aggiuntivi, e specializzare la nuova flottiglia creata in missioni di guerra elettronica e di soppressione. acquisendo una versione adattata del Rafale per questa missione. Così adornata, l'aeronautica navale di bordo sarebbe altamente efficiente e offrirebbe alla Francia una disponibilità operativa avanzata a un costo finale che è tutto sommato ampiamente sostenibile per le finanze pubbliche.

Il vettore di scorta leggera


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE